Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaTurismo › Tassa d’imbarco all’Asinara: strategia prevista nel Dup
Mariangela Pala 29 dicembre 2015
L’ introduzione della tassa di sbarco sull’isola Parco Nazionale dell’Asinara per chi non è residente a Porto Torres e per chi non parte dallo scalo turritano, è la strategia già inserita nelle linee programmatiche dall’amministrazione Wheeler e prevista dal Dup approvato dal Consiglio comunale
Tassa d’imbarco all’Asinara: strategia prevista nel Dup


PORTO TORRES - I turisti che decideranno di imbarcarsi per l’Asinara dovranno pagare un’imposta aggiuntiva che non dovrebbe superare i due euro a passeggero. L’ introduzione della tassa di sbarco sull’isola Parco Nazionale dell’Asinara per chi non è residente a Porto Torres e per chi non parte dallo scalo turritano, è la strategia già inserita nelle linee programmatiche dall’amministrazione Wheeler e prevista dal Documento unico di Programmazione (Dup) approvato, nei giorni scorsi, dalla maggioranza in Consiglio comunale (13 voti favorevoli con Piras, 1 astenuto e 4 voti contrari dalla maggioranza).

L’obiettivo strategico è quello di garantire l’incremento dei collegamenti tra Porto Torres e l’Asinara, favorendo ove possibile l’imbarco dal porto turritano. Il Dup, nuovo strumento di politica economica dei comuni, guida strategica ed operativa per far fronte alle discontinuità ambientali ed organizzative, e tradurre gli indirizzi strategici e politici, nell’arco del triennio, in indirizzi fattibili con le risorse del bilancio di previsione, era stato approvato dai Revisori dei conti e dalla commissione bilancio, partendo dalle linee programmatiche e tracciando una rotta economica finanziaria fino al 2018.

Uno dei punti strategici del Dup è la realizzazione della continuità territoriale ed i servizi essenziali nell’isola Parco, come la risoluzione dell’annoso problema della raccolta dei rifiuti e le problematiche legate all’ impianto fognario e alla rete idrica. Per promuovere a livello nazionale e internazionale il turismo ambientale e di ricerca pluristagionale nell’isola dell’Asinara, l’amministrazione comunale intende migliorare i servizi volti all’accoglienza e alla ricettività turistica anche prevedendo l’ istituzione della tassa di sbarco (isole minori) compresa tra 1 e 1,50 euro, con esenzione dei lavoratori presso l'Isola e dei residenti nel comune di Porto Torres e una riduzione per le scolaresche tra 0,50 e 1 euro.

«La tassa di sbarco va imposta a coloro che partono dal porto di Stintino affinché più persone scelgano di partire dal porto turritano», ha detto l’assessore al bilancio, Donato Forcillo. La misura, però, non è stata ancora messa nero su bianco dall’amministrazione pentastellata, resta ancora da valutare il sistema da adottare e da condividere con la minoranza che sottolinea maggiore attenzione nella stima dei criteri. «Sulla tassa di sbarco dobbiamo sapere che comunque rappresenta una barriera all’entrata. Può essere necessario favorire l’ingresso dei turisti all’Asinara sia da Porto Torres che da Stintino e da tutti i comuni limitrofi – sostiene il consigliere di Autonomia popolare, Alessandro Carta - per fare in modo che il sistema Asinara si possa reggere non solo sulla comunità cittadina ma anche sulle comunità locali che insistono sull’isola».

*assessore al bilancio Donato Forcillo
Commenti
22/7/2016
Il protocollo di intesa per il riconoscimento ufficiale del Percorso francescano in Sardegna è stato sottoscritto questa mattina nella sede della Curia Frati Minori Conventuali ad Oristano
© 2000-2016 Mediatica sas