Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaPorto › Porto Torres, appalti e lavori: prospettive di sviluppo del porto
Mariangela Pala 30 dicembre 2015
Bilancio in crescita per il 2015: traffici in aumento e nuovi interventi infrastrutturali a Porto Torres, dove sono in atto consistenti opere strategiche per il rilancio del sistema portuale
Porto Torres, appalti e lavori: prospettive di sviluppo del porto


PORTO TORRES - Per far fronte alla ripresa dei traffici, alle prospettive di crescita per i prossimi anni, ma, soprattutto, per adeguare lo scalo turritano all’evoluzione del mercato, sono numerosi i lavori avviati nel corso del 2015 e che proseguiranno nel 2016. Porto Torres è il porto isolano sul quale sono stati programmati i lavori più consistenti. Il primo, per un importo di 34 milioni di euro di finanziamento, è il cosiddetto “Hub Portuale”, che prevede la realizzazione di un’opera, l’antemurale, che garantirà adeguata protezione alle banchine dall’agitazione ondosa proveniente dal primo quadrante, rendendo così agevole l’ingresso e l’uscita delle navi, facilitata dalla resecazione di parte della banchina Alti Fondali, nell’avamporto e nel porto interno. Attualmente sono in fase di acquisizione i nulla osta per l’acquisizione dell’esenzione dal Via sul progetto definitivo.

Sempre in merito alla banchina Alto Fondali, nei giorni scorsi è stato avviato il cantiere per il primo stralcio di risistemazione ed adeguamento di 230 metri di banchinamento e della scassa; intervento, questo, finanziato dall’Autorità Portuale con 3 milioni di euro. Nel mese di maggio, invece, è stato firmato il verbale di consegna dei lavori del primo lotto della nuova Darsena Enti di Stato. Un intervento infrastrutturale che, con la realizzazione di un nuovo banchinamento ed un leggero approfondimento dei fondali, permetterà il trasferimento del naviglio da pesca in un’unica area portuale attrezzata, e la destinazione della darsena di levante, tutt’ora occupata dai pescherecci, alla nautica da diporto.

Il progetto dell’Autorità Portuale, redatto dal Provveditorato Interregionale per le Opere oubbliche – Lazio, Abruzzo e Sardegna, ed elaborato in conformità col vigente Piano regolatore del Porto, comprenderà, in questa prima fase lunga un anno, e con un importo a base di contratto pari a 1milione e 300mila euro circa, una buona parte delle opere di banchinamento interne della darsena e la realizzazione della scogliera al lato esterno, necessaria per attenuare e limitare i fenomeni di moto ondoso provenienti dall’imboccatura del porto. Ultimo intervento, di importo pari a 3 milioni di euro, è il cosiddetto “Miglioramento dell’accessibilità dell’area fronte mare fra la città di Porto Torres ed il suo Porto Civico ed adeguamento delle connessioni intermodali”.

Un’opera, avviata nel mese di ottobre ed inserita nel Por Fesr Sardegna 2007-2013, “La Sardegna cresce con l’Europa”, il cui scopo è quello di favorire un nuovo e più funzionale sistema di intermodalità dei passeggeri. Nel dettaglio, attraverso due rotatorie, è prevista la realizzazione di un nuovo e più agevole tratto di strada che consentirà di raccordare la viabilità interna al porto con le banchine di ponente, con l’asse viario regionale e con la Stazione Marittima passeggeri. L’opera, inoltre, sarà servita da una vasta area parcheggi: una da 2500 in prossimità delle gradinate di accesso alla Stazione Marittima e una da 9000 mq da realizzarsi in posizione strategica e contigua alle aree di imbarco, alla Stazione Marittima passeggeri e alla Stazione Ferroviaria.

All’interno del progetto è previsto il completamento della gradinata di accesso dal lato banchine - realizzata in passato per consentire la fruizione dei ritrovamenti archeologici sistemati in un sottostante grande spazio ipogeo - attraverso l’inserimento di una rampa di accesso al livello superiore rispetto a quello di strada. L’area sottostante, proprio per la valenza storica, archeologica, nonché strategica per le attività turistiche, sarà inoltre valorizzata con degli interventi di conservazione e fruizione dei reperti rinvenuti.

Nell’ambito delle relazioni internazionali, negli ultimi quattro anni, L’Autorità portuale ha lavorato ad importanti progetti europei, come Optimed, riferito al porto di Porto Torres e che si è concluso lo scorso 19 dicembre a Barcellona, con l’obiettivo di contribuire, attraverso una rete di trasporto efficiente ed efficace, al rafforzamento dei collegamenti tra i porti, attraverso il potenziamento della cooperazione tra i diversi Paesi dell’arco latino del Tirreno e della costa Sud del Mar Mediterraneo. «Chiudiamo un anno di lavoro intenso, proficuo e ricco di soddisfazioni – spiega Pietro Preziosi, Commissario Straordinario dell’Autorità Portuale del Nord Sardegna – fiduciosi in una crescita ancora più entusiasmante nel 2016. La ripresa dei traffici, l’avvio di importanti opere di infrastrutturazione e l’iniezione di fiducia che deriva dal lavoro delle imprese portuali, dei servizi tecnico nautici, da tutti gli operatori del porto e dai nostri concessionari ci spinge a guardare in modo ancora più ottimistico il prossimo anno».

Innegabile l’attenzione delle compagnie di navigazione sui tre porti del Nord. «Nei giorni scorsi – continua Preziosi – ci è stato comunicato ufficialmente la ripresa dei collegamenti giornalieri del gruppo Grimaldi sulla tratta Civitavecchia – Porto Torres – Barcellona. Dalla primavera, Golfo Aranci sarà collegata con la Francia e altre novità verranno ufficializzate all’inizio del 2016 su Olbia. E’ evidente che il sistema dei trasporti marittimi su questa porzione di isola si stia vivacizzando. Evento che, rafforzato da una sana competizione tra armatori, sono sicuro potrà restituire ai nostri porti i numeri entusiasmanti registrati negli anni 2009 – 2010».

Positive anche le proiezioni per il mercato delle crociere. «Il 2016 sarà sicuramente un anno di assestamento per il sistema crocieristico – conclude Preziosi -. Partiamo forti di un’azione promozionale senza precedenti, quale quella dell’Assemblea di MedCruise di ottobre, per raccogliere nuovi frutti nei prossimi anni. Abbiamo già ricevuto le conferme dalle compagnie storiche, quali Costa, Msc, Aida, Pullmantur e di alcuni gruppi armatoriali che mancano da anni, oramai, dallo scenario del Nord Sardegna. Un ritorno che non troverà impreparati i nostri porti».
Commenti
12:01
Le navi scuola a vela Orsa Maggiore, Capricia, Stella Polare e Caroly della Marina Militare, sosteranno alla Marina di Alghero dall’1 al 5 Settembre, come quarta ed ultima tappa della seconda fase della Campagna d’istruzione 2016
© 2000-2016 Mediatica sas