Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresSportSolidarietà › Porto Torres: calcio con i migranti, vince l’accoglienza
Mariangela Pala 7 gennaio 2016
Il campo “Occone” di via Petronia ha ospitato martedì scorso una partita di calcio amichevole tra la squadra Allievi della Sgs Turritana e una rappresentativa di migranti ospitati nel centro di accoglienza di Li Lioni
Porto Torres: calcio con i migranti, vince l’accoglienza


PORTO TORRES - Il calcio per unire le distanze. Il campo “Occone” di via Petronia ha ospitato martedì scorso una partita di calcio amichevole tra la squadra Allievi della Sgs Turritana e una rappresentativa di migranti ospitati nel centro di accoglienza di Li Lioni. L’iniziativa organizzata dall’associazione “Giovani per un mondo unito” e dalla società sportiva giovanile Turritana, nasce con il sostegno della Figc provinciale, per far sentire la vicinanza della popolazione locale ai giovani migranti che hanno attraversato il deserto e fatto un viaggio spesso drammatico per arrivare nel nostro paese.

Una partita di calcio è il modo migliore per avvicinare ulteriormente due mondi lontani, ma che possono parlare la stessa lingua, quella universale dello sport. «Nelson Mandela diceva che il calcio è una lingua che parlano tutti i mondi, – ha detto il coordinatore tecnico della Sgs Turritana, Pierpaolo Montes – dietro il pallone corrono tutti allo stesso modo». La partita di martedì è però importante, per queste persone, per conoscere il territorio e soprattutto per sentirsi accolti dalla gente esterna. Iniziative che permettono loro di essere parte di un contesto comune.

«E’ la prima volta che si svolge un evento così importante a Porto Torres – ha aggiunto il coordinatore tecnico della Sgs Turritana – soprattutto perché giocano contro dei giovani turritani (16 anni), un’esperienza che li aiuta ad esprimere la loro vicinanza ai migranti imprimendo loro la cultura dell’ integrazione e socializzazione». La gara si è svolta all’insegna della solidarietà e dello sport, un buon test di prova per gli atleti di entrambe le squadre. «Sembrava di assistere ad una partita internazionale – ha concluso Montes - una squadra di africani contro un’altra di europei, abbastanza agonismo unito ad una bella gara». L’ epilogo della partita ha visto vincere i migranti per 3 a 1, ma in realtà sul campo ha vinto la solidarietà, la fratellanza e lo scambio di cultura.
Commenti
25/3/2017
La premiazione del programma di sostegno al tessuto sociale del territorio abbinato alla tappa in Sardegna del circuito femminile di corsa solidale, organizzato da 42K in collaborazione con Apd Miramar, si svolgerà lunedì mattina, nella Sala Eventi dell’Assessorato comunale allo Sport
© 2000-2017 Mediatica sas