Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresCronacaArresti › Porto Torres, arresto al bar: giudice non convalida
M. P. 8 gennaio 2016
Il giudice Teresa Castagna non ha convalidato l’arresto di G.C.C., il 53enne residente a Porto Torres, arrestato lo scorso 30 dicembre dai carabinieri con le accuse di violenza privata continuata e tentate lesioni
Porto Torres, arresto al bar: giudice non convalida


PORTO TORRES - Il giudice Teresa Castagna non ha convalidato l’arresto di G.C.C., il 53enne residente a Porto Torres, arrestato lo scorso 30 dicembre dai carabinieri con le accuse di violenza privata continuata e tentate lesioni. L'uomo in evidente stato di ubriachezza, era entrato dentro il bar “Le Carrè”, in corso Vittorio Emanuele, importunando la barista e, nonostante fosse stato invitato ad allontanarsi, alle rimostranze del gestore, aveva risposto lanciandogli contro una bottiglia di birra senza colpirlo.

G.C.C. pluripregiudicato era stato, quindi, bloccato dai militari del Nucleo Radiomobile giunti nel frattempo sul posto e tratto in arresto. Sabato si è tenuta l’udienza di convalida dell’arresto. L’uomo è comparso in aula assistito dal suo avvocato Antonio Secci e si è avvalso della facoltà di non rispondere.

All’udienza ha testimoniato il maresciallo dei carabinieri che ha raccontato l’episodio, avvenuto non in flagranza di reato. Il giudice Castagna che per questo motivo non ha convalidato l’arresto e ha disposto la restituzione degli atti al pubblico ministero.
Commenti
21/7/2016
Quattro nuove ordinanze di custodia cautelare in carcere per la rapina del bancomat perpetrata presso l’aeroporto di Alghero lo scorso 19 settembre 2015. Tutti i dettagli in una conferenza stampa svoltasi stamane
21/7/2016
Un funzionario in servizio all´Ufficio Tutela del Paesaggio di Sassari-Olbia è stato arrestato per concussione dagli agenti del Nucleo investigativo del Corpo forestale della Sardegna
21/7/2016
Un 37enne di Olbia e un ungherese di 36 anni sono ritenuti i responsabili dell’organizzazione di un vasto giro di prostituzione, realizzato reclutando in Ungheria giovani e ignare ragazze che, una volta giunte in Italia, sono state ridotte in schiavitù, anche mediante violenza, e costrette a prostituirsi
© 2000-2016 Mediatica sas