Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaTasse › Porto Torres: «Equitalia e 5 stelle, tutti a casa»
M. P. 18 gennaio 2016
I militanti di Forza Nuova nella notte di sabato 16 gennaio hanno affisso uno striscione nel centro della città recante la scritta “Equitalia & 5 Stelle: tutti a casa!" per protestare contro il sindaco pentastellato di Porto Torres
Porto Torres: «Equitalia e 5 stelle, tutti a casa»


PORTO TORRES - I militanti di Forza Nuova nella notte di sabato 16 gennaio hanno affisso uno striscione nel centro della città recante la scritta “Equitalia & 5 Stelle: tutti a casa!" per protestare contro il sindaco pentastellato di Porto Torres che, dopo essersi scagliato contro Equitalia durante la campagna elettorale, a cavallo di Natale ha deciso di affidare all' esattore pubblico la riscossione dell'Ici degli ultimi cinque anni.

«Dopo tante promesse il sindaco Wheeler diventa cliente dei famigerati esattori di Equitalia», dichiara Gianluca Sechi, responsabile provinciale del movimento. «È l’ulteriore dimostrazione che quelle degli amministratori targati Grillo sono soltanto slogan da campagna elettorale che vengono abbandonati alla prima occasione utile insieme ai cittadini che dovrebbero amministrare», conclude il dirigente forzanovista.

Forza Nuova ritiene che in tempi di grave difficoltà economica per le famiglie italiane, e sarde in particolare, gli amministratori comunali debbano andare incontro ai loro cittadini utilizzando misure alternative all'intervento di Equitalia, come ad esempio il baratto amministrativo, ormai utilizzato da varie amministrazioni locali anche in Sardegna.

* lo striscione affisso a Porto Torres
Commenti
30/6/2016
Abbanoa vince la sua prima causa davanti al Giudice di Pace. La vicenda trattata dal Tribunale riguarda un cliente di Cagliari che contestava la fattura sui conguagli regolatori per un importo di 236,92 euro
30/6/2016
In arrivo in Sardegna tremila lettere dell’Agenzia per segnalare ai cittadini possibili anomalie e rimediare all’errore. Il maggior numero, riguarda la provincia di Sassari
© 2000-2016 Mediatica sas