Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaLavoro › Sciopero,Ulgiati (Ugl): «richiamo per Governo ed Eni »
M. P. 20 gennaio 2016
«Eni e Governo non possono nascondersi dietro posizioni inflessibili di fronte all’alta adesione dei lavoratori del Gruppo Eni allo sciopero nazionale di oggi che, in città come Gela, si è trasformato in una vera e propria manifestazione dell’intera comunità a difesa delle principali attività produttive del territorio». Lo dichiara il segretario nazionale dell’Ugl Chimici, Luigi Ulgiati
Sciopero,Ulgiati (Ugl): «richiamo per Governo ed Eni »


PORTO TORRES - «Eni e Governo non possono nascondersi dietro posizioni inflessibili di fronte all’alta adesione dei lavoratori del Gruppo Eni allo sciopero nazionale di oggi che, in città come Gela, si è trasformato in una vera e propria manifestazione dell’intera comunità a difesa delle principali attività produttive del territorio». Lo dichiara il segretario nazionale dell’Ugl Chimici, Luigi Ulgiati.

«Con le proteste, chiediamo che sia difesa la vocazione industriale del Gruppo, - evidenzia Olgiati - attraverso un serio confronto sull’operazione di cessione di Versalis che, ad oggi, con l’attuale ipotesi di vendita, non dà adeguate garanzie sotto il profilo occupazionale e produttivo, anzi rischia di mettere in pericolo la presenza italiana in un comparto che alimenta intere filiere industriali in tutti i settori». «Analogamente - prosegue il sindacalista - il piano di riorganizzazione di Eni non può prescindere dai tanti progetti innovativi di riconversione industriale che sono stati condivisi in passato».

Il riferimento è alla joint venture Eni-Novamont ‘Matrìca’ per il rilancio del polo sardo di Porto Torres o la Green Refinery di Gela, dai quali peraltro dipende il rilancio di aree fortemente svantaggiate del Sud. «Il management del Gruppo e il suo azionista di controllo, l’Esecutivo, devono impegnarsi in un serio progetto di salvaguardia e valorizzazione della chimica in Italia – conclude il sindacalista – poiché potrebbero essere a rischio centinaia di migliaia di posti di lavoro, fra diretti e indotto, e la tenuta complessiva di intere economie locali».
Commenti
26/9/2016
La vicenda dell’azienda di Macchiareddu, che qualche settimana fa ha annunciato di voler dismettere gli stabilimenti di Assemini e di Avezzano e che proprio oggi ha comunicato l’avvio della procedura di licenziamento collettivo, è stata affrontata in un incontro tra l’assessore regionale dell’Industria Maria Grazia Piras, i sindacati e le Rsu
26/9/2016
L’assessore regionale dell’Industria Maria Grazia Piras ha incontrato la società Clea, Confindustria Sardegna settentrionale e le organizzazioni sindacali per analizzare la situazione della società e la richiesta da parte dell’azienda di ricorrere alla procedura per la messa in mobilità di un consistente numero di lavoratori
26/9/2016
Il Comune di Oristano indice una selezione per soli titoli ai fini della costituzione di un Albo dei rilevatori statistici
© 2000-2016 Mediatica sas