Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaLavoro › Porto Torres, sciopero: «vendita inaccettabile, Eni torni indietro»
Mariangela Pala 20 gennaio 2016
Dalle 6 alle 9 oltre duecento operai e i loro rappresentanti sindacali hanno presidiato l´ingresso dello stabilimento prima di riunirsi in assemblea. Una protesta promossa dai sindacati in contemporanea in tutti i territori d´Italia che ospitano gli impianti produttivi del colosso Eni
Porto Torres, sciopero: «vendita inaccettabile, Eni torni indietro»


PORTO TORRES - Questa mattina la mobilitazione dei lavoratori del polo industriale di Porto Torres è iniziata prima dell’alba. Dalle 6 alle 9 oltre duecento operai e i loro rappresentanti sindacali hanno presidiato l'ingresso dello stabilimento prima di riunirsi in assemblea. Una protesta promossa dai sindacati in contemporanea in tutti i territori d'Italia che ospitano gli impianti produttivi del colosso Eni.

«Vogliamo certezze sul piano industriale e sugli investimenti nel ramo chimico, in particolare su Versalis, la sua vendita rischia di mettere la parola “fine” al progetto di Matrìca e alla chimica verde a Porto Torres e compromettere i livelli occupazionali», sostengono i lavoratori. Secondo i sindacati (Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil) l'incontro con Eni e il ministero dello Sviluppo economico tenutosi a Roma il 12 gennaio è stato "insoddisfacente e inconcludente" confermando lo sciopero di otto ore di tutti i dipendenti di Eni e Saipem.

«Il fondo americano non è interessato a portare avanti i progetti di riconversione di chimica verde di Porto Torres, Porto Marghera e Gela. Una vendita inacettabile - hanno ribadito i sindacati - Eni deve tornare indietro». La cessione di quote di maggioranza di Versalis al fondo finanziario SK Capital, per Gianluca Bianco segretario nazionale Femca-Cisl, porterebbe allo smantellamento definitivo della chimica italiana.
Commenti
14/10/2017
Ultimati i lavori di ristrutturazione, nei giorni scorsi è stato sottoscritto il comodato d´uso della struttura che ha sede nell’incrocio tra via Sassari e via Balai: con questo provvedimento il Comune di Porto Torres autorizza l´Agenzia regionale per le politiche attive del lavoro (Aspal) ad utilizzare i locali
17:20
Il direttore generale dell’Agenzia, Massimo Temussi precisa che «la riapertura del Centro per l’impiego a Porto Torres è l’ennesimo tassello nella riorganizzazione del sistema di politiche attive per il lavoro che l’Aspal ha intrapreso dalla sua nascita, con la legge 9 del maggio dello scorso anno, che ha racchiuso sotto una gestione unitaria, con la regia regionale dell’Agenzia, tutti gli uffici territoriali del lavoro»
18:53
Dura presa di posizione di Desirè Manca e Maurilio Murru in riferimento alla mancanza di comunicazione fra Sassari e Cagliari a discapito dei lavoratori: «Una pec della Regione Sardegna arriva al Comune di Sassari e nessuno la apre ma, soprattutto, nessuno si preoccupa del fatto che a Cagliari ad un tavolo di discussione così importante che affronta i temi del lavoro non c’è Sassari. Nessuno dice niente, nemmeno una telefonata. Ogni commento è superfluo, ma il fatto è grave, molto, e merita una spiegazione, subito»
15/10/2017
Convegno promosso dalla Diocesi di Alghero-Bosa in preparazione alla Settimana Sociale dei Cattolici che si svolgerà a Cagliari dal 26 al 29 ottobre
14/10/2017
La Regione autonoma della Sardegna ha presentato a Sassari il nuovo portale dedicato alle imprese. «Sempre più vicini alle imprese», sottolinea l´assessore regionale dell´Industria Maria Grazia Piras
16/10/2017
Sabato, i lavoratori della miniera di bauxite hanno raggiunto gli operai del Geoparco che occupano il tetto di San Nicola da cinque giorni. L´incontro fra i due presìdi di protesta unisce due vertenze fondamentali per il territorio
14/10/2017
Il vescovo della Diocesi di Alghero-Bosa Mauro Maria Morfino dopo l´incontro con gli operai, si rivolge alle Istituzioni pubbliche perché si adoperino, in breve tempo, per restituire speranze, lavoro e dignità ai minatori ed alle loro famiglie
© 2000-2017 Mediatica sas