Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaPorto › «A Porto Torres la sede Autority»
Mariangela Pala 22 gennaio 2016
Il sindaco Wheeler interviene nel dibattito sulla riforma dei porti. «Il nostro porto, che è il secondo per numero di traffici e unico scalo d´interesse internazionale dell´Isola per traffico passeggeri, non può essere relegato a semplice distaccamento»
«A Porto Torres la sede Autority»


PORTO TORRES - Il decreto sulla riforma dei porti sceglie Cagliari come unica sede dell’Autorità Portuale. Si chiamerà Autorità di sistema portuale del mare di Sardegna. Ne faranno parte anche Olbia, Porto Torres, Golfo Aranci, Oristano, Portoscuso-Portovesme, Santa Teresa. Ma è già polemica: Cagliari è sempre più il centro attorno a cui gravita il sistema Sardegna.

La contestazione parte dalla Regione che «intende esercitare le sue prerogative sulla scelta della sede più adatta a garantire una gestione equilibrata del sistema portuale sardo nel suo complesso». Porto Torres dal suo canto mira a diventare hub del Mediterraneo. «La razionalizzazione delle autorità portuali è condivisibile, ma il nostro porto, che è il secondo per numero di traffici e unico scalo d'interesse internazionale dell'Isola per traffico passeggeri, non può essere relegato a semplice distaccamento».

Interviene così il sindaco Sean Wheeler, nel dibattito sulla riforma dei porti. I numeri parlano chiaro: nel 2014 a Cagliari sono hanno transitato 328mila passeggeri. A Olbia ci sono stati 2,5 milioni, mentre a Porto Torres quasi 700mila. Numeri che attestano un traffico maggiore al nord rispetto al capoluogo, come lo stesso Golfo Aranci che conta 524mila passeggeri. «Porteremo avanti tutte le azioni affinché ci venga riconosciuta la giusta importanza, sia che si rimanga sotto il controllo di Cagliari, sia sotto quello di Olbia, ma senza che venga scartata a priori nemmeno un'altra ipotesi: Porto Torres, per il carattere di internazionalità dello scalo e in quanto infrastruttura marittima al servizio della seconda area vasta della Sardegna, potrebbe essere individuata direttamente come sede di riferimento del nuovo sistema delle autorità portuali».

Il sindaco ricorda che «ci sono in campo progetti importanti come Optimed, in cui il nostro porto è individuato come possibile hub del Mediterraneo, con notevoli margini di crescita anche nel settore delle merci. La scelta di Porto Torres come sede sarebbe la soluzione ideale anche perché consentirebbe a Olbia e Cagliari - in quanto ex sede una e città metropolitana l'altra - di mantenere i propri componenti nel comitato di gestione, e nel contempo di conservare i propri uffici territoriali portuali, garantendo così un giusto equilibrio fra i tre principali scali dell'Isola».
Commenti
30/11/2016
Durante la seduta odierna del Comitato portuale, è stato definito l’abbattimento delle tasse portuali legate al traffico commerciale per un milione di euro che interesseranno la movimentazione delle merci relative al 2016
© 2000-2016 Mediatica sas