Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresSportBasket › Gsd Porto Torres espugna i campioni d’Italia
M. P. 24 gennaio 2016
Straordinaria prova del Gsd Porto Torres, che espugna il campo della UnipolSai Briantea84 Cantù con il punteggio di 64-58
Gsd Porto Torres espugna i campioni d’Italia


PORTO TORRES - Straordinaria prova del Gsd Porto Torres, che espugna il campo della UnipolSai Briantea84 Cantù con il punteggio di 64-58. Una difesa attenta ed un Matt Scott da 7/12 dalla lunga distanza fanno sì che il big match della prima di giornata di ritorno della Serie A di basket in carrozzina si chiuda con una bella sorpresa. Coach Sara Cappellini lo aveva detto alla vigilia della partita, «la gara ci vede partire sfavoriti ma, se riusciremo a sfruttare al meglio le nostre potenzialità, potrebbe magari regalare delle sorprese». Detto, fatto. La quota punti del secondo posto, dunque, rimane a 16 (con Giulianova che ha raggiunto Cantù) ed il Gsd Porto Torres si trova ora a 14.

Il Porto Torres chiude così una settimana “ad alta tensione” e di grandi soddisfazioni, iniziata col terzo posto centrato nella Final Four di Coppa Italia, miglior risultato di sempre nella competizione per la società del presidente Bruno Falchi e terminata, oggi, con questa stupenda vittoria, in una gara ad altissimo quoziente di difficoltà. Partita da subito equilibrata. Le due squadre sbagliano qualche conclusione, ma restano sempre sostanzialmente vicine. I padroni di casa canturini provano un mini allungo e dopo circa 4’ di gioco si portano sul +5, 8-3. Il Gsd, però, è abile a rispondere subito con un contro-parziale di 6-0 a firma di Maximiliano Ruggeri e Matt Scott, che portano i turritani avanti, sul 14-12, quando manca 1’52” alla prima sirena. Cantù impatta con Carossino, poi il quarto si chiude sul 16-15 per la formazione di coach Sara Cappellini, dopo un canestro di George Bates ed un 1/2 dalla lunetta di Ruiz Jordan.

Non cambia la musica nel secondo periodo: resta l’equilibrio ed anche qualche tiro sbagliato da ambo le squadre. La Briantea ed il Gsd rimangono“a braccetto”. A 6’36” dall’intervallo Choudhry porta i suoi sul +3, 21-18, ma la risposta di Scott e capitan Martin Edwards non si lascia attendere. A metà frazione il tabellone segna il vantaggio di Porto Torres per 22-21. A circa 2’ dalla seconda sirena, un fallo tecnico fischiato ad Edwards non sortisce l’effetto desiderato per Cantù, che sbaglia il tiro libero con Sagar e perde poi palla sul successivo possesso. Il Gsd ringrazia e chiude il periodo avanti 26-23. Il terzo quarto si apre con una sfuriata di Scott, che con 11 punti (tre triple e due liberi) messi a segno nel giro di 2’30” porta per tre volte il Gsd sul +10. A 7’31” dalla terza sirena il punteggio vede Edwards e compagni avanti 39-29.

La Briantea prova a riavvicinarsi e ci riesce a circa 3’ dalla fine del quarto, quando si porta sul 35-41 con il quarto punto personale di Sagar. Per 2’ non si segna, poi è Bates a sbloccare il punteggio e dare il 43-35 ai biancoblù turritani. Il periodo si chiude poi sul 45-39 per il Gsd. Nell’ultima frazione Scott ha ancora qualche cartuccia da sparare dalla lunga distanza ed insieme a Falchi e Fabio Raimondi dà al Gsd il massimo vantaggio, +13 (57-44) a 5’47” dalla fine della gara. Cantù si riavvicina sul -9, ma sono ancora Raimondi e Scott a ricacciarla indietro. A 3’40”dall’ultima sirena Porto Torres conduce per 62-51 ed inizia a sentire il sapore dell’impresa. La Briantea, da grande squadra quale è, non ci sta e con un break di 7-0 arriva quasi a ridosso degli ospiti (58-62), ma il cronometro va avanti inesorabilmente. A 17” dalla fine Raimondi mette a segno due tiri liberi e la gara finisce così, con i sorrisi dei ragazzi del Gsd.

«Vincere con la seconda in classifica, nonché fresca vincitrice della Coppa Italia, su un campo difficile come questo, ha un sapore speciale. Il campionato è ancora lungo, - ha dichiarato coach Sara Cappellini - ma di certo non potevamo iniziare il girone di ritorno in modo migliore. Ancora una volta abbiamo dimostrato di poter competere con le grandi e di avere tutte le carte in regola per dire la nostra fino alla fine. Abbiamo condotto tutta la partita con consapevolezza, guidati da un Matt Scott marziano da tre punti e da una difesa che è riuscita a limitare sia il gioco sotto canestro dei canturini che quello dalla lunga distanza. Una prova di forza che ci dà carica per il prosieguo del nostro percorso. Da questo momento in poi abbiamo l’obbligo di pensare da grandi e non porci limiti».

Unipolsai Briantea Cantù (19/44, 4/14, 8/16 T.L.) – Schiera (0/2 da 2), Molteni n.e., Bell 15 (5/8, 1/4, 2/4 t.l.), Santorelli (0/1 da 2), Ruiz Jordan 13 (1/8, 3/8, 2/4 t.l.), Sagar 10 (5/8, 0/2 t.l.), Jama (0/3 da 2), Crespi n.e., Carossino 16 (6/10, 4/6 t.l.), Choudhry 4 (2/4, 0/2), Nava n.e. All Bergna.

Gsd Porto Torres (18/36, 7/16, 7/12 T.L.) – Raimondi 6 (2/2, 0/3, 2/2 t.l.), Edwards 6 (3/5), Jimenez Gonzalez (0/1 da 2), Pawelko n.e., Scott 31 (3/10, 7/12, 4/6 t.l.), Ruggeri 4 (2/3, 0/1), Canu n.e., Puggioni 2 (1/3), McPhee n.e., Elia n.e., Bates 12 (6/11, 0/2 t.l.), Falchi 3 (1/1, 1/2 t.l.). All. Cappellini
Commenti
24/6/2016
Forza, rapidità ed atletismo: la giovane guardia americana ex Consultinvest Vuelle Pesaro indosserà la maglia biancoblu per la prossima stagione
© 2000-2016 Mediatica sas