Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresAmbienteArcheologia › Porto Torres: ripulita la zona di Palazzo Re Barbaro
M. P. 4 febbraio 2016
Una squadra di quindici persone impiegate nel cantiere della forestazione, stanno ripulendo l’area di Re Barbaro, ricoperta da erbacce che tenevano coperto quanto poi è venuto alla luce
Porto Torres: ripulita la zona di Palazzo Re Barbaro


PORTO TORRES - Una squadra di quindici persone impiegate nel cantiere della forestazione, stanno ripulendo l’area di Re Barbaro, ricoperta da erbacce che tenevano coperto quanto poi è venuto alla luce. Alcuni resti dei muretti a secco che delimitavano le diverse proprietà, frammenti delle volte delle Terme Centrali con i mosaici che potranno essere documentati meglio, addirittura un pozzo moderno circoscritto da blocchi di pietra romana.

Il lavoro di pulizia, incominciato nei giorni scorsi, permetterà di rendere quelle aree finalmente accessibili. L'intervento prevede anche l'inerbimento con piante rampicanti delle ripe di scavo per rinforzare i declivi, alcuni dei quali avevano ceduto dopo le piogge torrenziali della scorsa primavera.

La pulizia investe l'intera zona di proprietà comunale esclusi i monumenti, dove sono previsti interventi da parte della Soprintendenza che intende valorizzare la zona e garantire una migliore fruibilità dei monumenti presenti nell’area di Palazzo di Re Barbaro. Operazioni che aiuteranno i tecnici della Soprintendenza a fare una migliore valutazione dello stato complessivo del sito archeologico.
Commenti
16:50
A Porto Torres in totale sono stati destinati circa 6.727.200 euro: per il consolidamento e il restauro del ponte romano sono stati resi disponibili 3.350mila euro, mentre per l’area archeologica Turris libisonis, scavo, restauro e valorizzazione i fondi riconosciuti sono di 577.200 euro
20/2/2018
Le orme di un bambino di 700mila anni fa, nella scoperta anche l’Università degli studi di Cagliari. Rita Melis, geoarcheologa del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche, ha contribuito alla ricostruzione del contesto ambientale
© 2000-2018 Mediatica sas