Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaAmministrazione › Guerra fredda in Consiglio: sindaco e maggioranza abbandonano l’aula
Mariangela Pala 11 febbraio 2016
Il sindaco la giunta e i consiglieri della maggioranza pentastellata hanno raccattato le loro cose dai banchi e hanno abbandonato l’aula rifiutando il confronto con l’opposizione sul punto all’ordine del giorno relativo alla situazione politica venutasi a creare in seguito alle accuse gravi fatte alla maggioranza dalla consigliera Paola Conticelli
Guerra fredda in Consiglio: sindaco e maggioranza abbandonano l’aula


PORTO TORRES - Gelo nell’aula consiliare. Il sindaco Sean Wheeler, la giunta e i consiglieri della maggioranza pentastellata hanno raccattato le loro cose dai banchi e hanno abbandonato l’aula rifiutando il confronto con l’opposizione sul punto all’ordine del giorno, relativo alla situazione politica venutasi a creare in seguito alle accuse gravi fatte alla maggioranza dalla consigliera Paola Conticelli, dopo le sue dimissioni da capogruppo del M5s. Non una parola ma un vero e proprio “abuso di potere”, come è stato definito da molti esponenti della minoranza.

«Vorrei informare tutti i presenti che la consigliera Conticelli non parlerà più a nome del M5s di Porto Torres», ha dichiarato il nuovo capogruppo di maggioranza Samuela Falchi sottolineando che il Consiglio comunale è il luogo in cui devono essere portate all’attenzione dei consiglieri le proposte per la città, i documenti di programmazione e non questioni affrontate da un gruppo politico. «Il vostro obiettivo è quello di strumentalizzare la presa di posizione della consigliera Conticelli, che riteniamo già fuori dalla nostra maggioranza», ha aggiunto Falchi. Dichiarazioni che non hanno ammesso diritto di replica all’opposizione rimasta in aula, dove la discussione è continuata davanti ad un esecutivo assente dal giudizio, con le affermazioni della consigliera Conticelli dirette a difendere il proprio ruolo.

«Rigetto quello che ha detto il capogruppo Falchi, - replica Conticelli - resto consigliera del M5s nonché presidente della commissione politiche sociali e attendo notizie da altre parti per prendere le mie dovute decisioni». Aria tesa ma tanta voglia di parlare all’interno dell’aula dove sono piovute critiche al primo cittadino, «Con questo comportamento il sindaco ha dimostrato di non essere al’altezza di svolgere il proprio ruolo e dovrebbe dimettersi», aggiunge Conticelli che spiega «mi sono dimessa da capogruppo perché non sono un burattino ma sono un mediatore del gruppo come ho sempre dimostrato».

Secondo l’ex capogruppo non c’è stata la “rivoluzione” come è stato urlato in campagna elettorale ma solo la soluzione delle emergenze, la mancanza di programmazione e la confusione di ruoli in maggioranza hanno fatto il resto. Ancora una commissione Asinara mai convocata, attività produttive un incognita e il porto «questi i tre pilastri che potrebbero condurre la città ad un cambio di rotta», precisa Conticelli. Dai banchi dell’opposizione Luciano Mura «ritengo grave che l’esecutivo col sindaco in testa abbia abbandonato l’aula, una situazione mai vista, ma questo nasce dal fatto che in questa amministrazione si confonde il ruolo istituzionale con la politica del Movimento». Secondo Mura il sindaco rappresenta l’intera comunità e non soltanto il M5s e il suo ruolo non può essere condizionato dalle questioni interne del suo gruppo.

In discussione i metodi dell’attività amministrativa, denunciati dalla consigliera Conticelli, sui quali l’opposizione ha chiesto un dibattito. Un confronto politico non pervenuto, «un dissenso ed una visione assolutistica del potere per cui non ci possono essere consiglieri che si sostituiscono agli assessori, perché non si può essere controllati e controllori allo stesso tempo» afferma Mura. «In quello che è successo oggi c’è la complicità del presidente del Consiglio - accusa Alessandro Carta - perché mi deve spiegare come mai in un punto richiesto dall’opposizione e che ha come primo firmatario Mura lei ha dato la parola al consigliere di maggioranza Falchi, la quale dice che non è affar nostro quello che succede nel Movimento e poi giustifica quello che succede nel loro interno».

Sulla stessa linea il consigliere Davide Tellini, «Sta sparendo il confronto democratico, si sta in silenzio in Consiglio e dopo tre minuti lunghi comunicati sul web, vomitando contro le persone mentre qua si fanno i conigli a testa bassa e ci si nasconde sotto la sabbia come gli struzzi». Il consigliere Costantino Ligas solleva la questione delle minacce subite dalla Conticelli che se rispondono al vero «io credo che il contenuto di questa seduta debba essere messo all’attenzione delle autorità competenti». Soluzione condivisa dal consigliere Massimiliano Ledda «se intimidazioni ci sono state chiedo che questa registrazione venga consegnata ai Carabinieri».
Commenti
22/9/2016
Riprendono i lavori consiliari dopo la pausa estiva. La seduta del Consiglio comunale è convocata presso la sala consiliare nella giornata di lunedì 26 settembre alle ore 9. Tra gli argomenti all’ordine del giorno, l’audizione dei rappresentanti del Consorzio industriale provinciale di Sassari
23/9/2016
L´adunanza è convocata per martedì 27 settembre alle 16. Argomenti all´ordine del giorno
23/9/2016
L´assenza per motivi di salute dell´assessore Uda, che avrebbe dovuto illustrare in aula l´argomento, ha indotto il primo cittadino prima a chiedere il rinvio della delibera e poi, dopo che l´assemblea non ha approvato la proposta di rinvio, a ritirarlo dall´ordine del giorno. Intanto, dimissioni per Giannella Urru, che verrà sostituita da Giancarlo Meloni
23/9/2016
Alla cerimonia hanno partecipato il vice sindaco Antonello Usai, con l’assessore alla toponomastica Raimondo Cacciotto, alla presenza dei figli del giurista algherese, Giovanni e Angela
22/9/2016
La mozione protocollata oggi, sarà discussa in una prossima seduta consiliare ed impegna sindaco, Giunta e Consiglio «a sostenere le iniziative del popolo corso volte all´approvazione, da parte del Governo francese, di un provvedimento generale di amnistia per i prigionieri politici corsi e per gli indagati per fatti politici antecedenti alla data del 25 aprile 2016»
© 2000-2016 Mediatica sas