Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaSicurezza › Porto Torres, Piano Protezione civile: ok della commissione
Mariangela Pala 23 febbraio 2016
Con la definizione del quarto modulo sul rischio imprevedibile e della ricerca delle persone scomparse, si completa il Piano di Protezione civile del Comune di Porto Torres. Passato all’esame della commissione competente, questa mattina il provvedimento è stato illustrato dall’architetto Piero Capello
Porto Torres, Piano Protezione civile: ok della commissione


PORTO TORRES - Con la definizione del quarto modulo sul rischio imprevedibile e della ricerca delle persone scomparse, si completa il Piano di Protezione civile del Comune di Porto Torres. Passato all’esame della commissione competente, questa mattina il provvedimento è stato illustrato dall’architetto Piero Capello, alla presenza del Comandante della polizia locale, Katia Onida presso il Comando di Polizia municipale sede del Centro operativo comunale (Coc). Un unico testo che racchiude le procedure operative di intervento per fronteggiare un' emergenza o una qualsiasi calamità attesa nel territorio comunale.

Oltre alla prima fase di organizzazione della struttura comunale, il Piano comprende la predisposizione e condivisione dello schema operativo che entra nei dettagli degli scenari di rischio. «Un corposo e prezioso lavoro lungo circa due anni, che rappresenta un importante passo in avanti in tema di prevenzione, - ha detto il comandante Onida - per non essere impreparati di fronte a problematiche anche molto gravi. Una volta approvato il documento, non solo sarà visibile alla cittadinanza, ma ci consentirà di organizzare una serie di esercitazioni con i volontari». A gestire le emergenze il sindaco, la massima autorità locale di protezione civile con funzioni di coordinamento dei primi interventi di soccorso a favore della popolazione locale.

Il primo cittadino dovrà convocare il Centro operativo comunale, da lui stesso presieduto, per mettere in campo tutte le azioni specifiche di coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione, oltre ad attivare la Polizia locale che collabora con le forze dell’ordine nelle operazioni di evacuazione, vigilanza ed ordine pubblico, insieme con il supporto fondamentale del volontariato. Prevista anche l’istituzione del comitato di protezione civile, organo consultivo con il compito di formulare proposte sugli aspetti di pubblica incolumità. «E’ prevista un’esercitazione a sorpresa per testare la velocità di allestimento della sala operativa - ha detto il redattore del Piano,Capello - con tutte le figure di supporto necessarie».

Le procedure operative prevedono eventi con preavviso: rischio idraulico e idrogeologico e rischio incendi di interfaccia, oltre ad eventi senza preavviso: rischio industriale, di incidente improvviso e rischio incidenti a reti tecnologiche e vie di comunicazione. Il prefetto di Sassari ha elaborato il Piano di emergenza esterna (Pee) dell’Area di sviluppo industriale di Porto Torres, da svolgere in sussidio con le altre strutture operative competenti, e il contributo del Comune alla gestione del Pee consiste nel gestire la comunicazione alla popolazione, eventualmente nell’evacuazione e ricovero al chiuso dei non residenti e di coloro che transitano nelle aree a rischio, e nel garantire il contributo del Coc e della polizia locale per la gestione dell’emergenza.

«E’ fondamentale confrontarsi con le persone e i volontari che danno supporto per la gestione del territorio perchè - ha aggiunto Capello – senza la comunicazione non c’è protezione civile». I mezzi a disposizione per informare la popolazione in caso di evento straordinario sono costituiti dalle squadre di volontariato e Forze dell’ordine, gli altoparlanti montati sugli autoveicoli e gli sms. Dopo il passaggio in commissione spetterà al consiglio comunale l’approvazione e il successivo inoltro in Regione.
Commenti
22:38
«Una follia. È inaccettabile che il Governo consideri l’Isola solo per farne un grande centro di accoglienza, con la complicità di una Giunta regionale sottomessa e servile rispetto alle decisioni del Governo», dichiara il consigliere regionale di Forza Italia Edoardo Tocco
24/3/2017
«Non si tratta più di progetti di accoglienza, ma è diventata una vera e propria invasione». Il capogruppo dell’Udc in Consiglio regionale Gianluigi Rubiu taglia corto sull’arrivo a Cagliari dei 900 profughi
23/3/2017
La nave norvegese Siem Pilot è attraccata questa mattina nel molo Ichnusa. A bordo, 740 uomini, 102 donne (di cui otto in stato di gravidanza) e 58 minorenni. Dopo le operazioni di prassi, verranno trasferiti nei centri di accoglienza sardi
23/3/2017
«La Regione punta su un modello di accoglienza diffusa sul territorio. Anci e Ministero degli Interni hanno sottoscritto un Protocollo d’intesa che noi condividiamo. E’ la strada giusta per garantire ai migranti una vera ospitalità e reali opportunità di integrazione». Lo ha dichiarato l’assessore regionale degli Affari generali con delega all’immigrazione Filippo Spanu, che ha seguito sulla banchina del Molo Ichnusa le operazioni di primo soccorso ed assistenza ai migranti sbarcati oggi nel porto di Cagliari
23/3/2017
La Protezione civile del Comune di Alghero si è dotata di due defibrillatori e dell’attrezzatura di primo soccorso che, in caso di necessità, costituiranno presidio operativo a garanzia dei cittadini
22/3/2017
«Chi guadagna dal traffico di esseri umani? Una volta per tutte Pigliaru si opponga alla trasformazione della Sardegna in una terra di confino», chiede il vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Marco Tedde, dopo la notizia di un nuovo arrivo di circa novecento migranti nell´Isola
23/3/2017
Questa mattina, i Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della locale Compagnia, insieme ad un artificiere dei Cacciatori di Sardegna di stanza ad Abbasanta, hanno fatto brillare una bomba a mano trovata dietro un muretto a secco
© 2000-2017 Mediatica sas