Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaAmbiente › Porto Torres, Canili saturi: costano 200mila euro l’anno
Mariangela Pala 22 marzo 2016
L’amministrazione comunale ha chiesto un confronto con le associazioni animaliste locali per fare il punto sulla situazione ed esaminare le priorità da mettere in campo per contrastare un fenomeno che ha impatti negativi sia sulla salute degli animali, sia sulla sicurezza delle persone
Porto Torres, Canili saturi: costano 200mila euro l’anno


PORTO TORRES - Puntualmente come ogni anno si ripropone il fenomeno del randagismo. Il numero di cani randagi che vengono portati presso strutture di accoglienza aumenta, specie durante la bella stagione. L’amministrazione comunale ha chiesto un confronto con le associazioni animaliste locali per fare il punto sulla situazione ed esaminare le priorità da mettere in campo per contrastare un fenomeno che ha impatti negativi sia sulla salute degli animali, sia sulla sicurezza delle persone. Per affrontare il problema della proliferazione dei cani l’assessore all’ambiente Cristina Biancu aveva deciso di appoggiarsi alla legge regionale, n° 21 del 1994, che prevede la sterilizzazione delle femmine e la reimmissione in ambiente.

Ora si è deciso di procedere sottoponendo all'attenzione delle associazioni animaliste locali e dell'Enpa di Sassari la bozza del regolamento per il benessere animale. Tra i gruppi locali l'amministrazione ha deciso di ascoltare principalmente gli artefici della lotta al randagismo: l'associazione “Amici di Maia” e il Comitato comunale presieduto da Alessandro Filipponi. Era assente il responsabile della Lega Nazionale per la Difesa del cane, impegnato in un convegno formativo.

Le associazioni hanno arricchito con osservazioni e integrazioni la bozza originale, basata sul regolamento che ha avuto il via libera dall'Anci. Il provvedimento passerà al vaglio della commissione comunale competente entro il mese di aprile. Dall'incontro è emerso anche che al momento il Comune di Porto Torres spende oltre 200mila euro ogni anno per la gestione dei canili. L'intento, perciò, è quello di attuare efficaci politiche di contenimento, a partire dalle sterilizzazioni dei cani dell'agro e di proprietà. Ma sarebbe necessaria anche una campagna di sensibilizzazione e incentivazione all’adozione dei cuccioli e dei cani oggi ospitati nelle strutture convenzionate.

Il Corpo della Polizia locale in costante collaborazione con le guardie ambientali ed ecozoofile di Porto Torres ha sempre messo in evidenza la necessità di un Piano delle adozioni come dispositivo utile per combattere il randagismo. Un Piano per sensibilizzare i cittadini, da un lato per ridurre i casi di abbandono, dall'altro per favorire le adozioni, in modo da svuotare i canili, far stare meglio gli animali, ed alleviare il peso sulle casse del comune.

Il Presidente della Commissione consiliare alle Politiche contro il Randagismo, Gavino Bigella, presente alla riunione ha auspicato «di ridurre in cinque anni il numero dei cani presenti nei canili comunali, chiudere le dispendiose convenzioni con i privati e progettare una gestione del fenomeno che veda tutte le associazioni in prima linea protagoniste della lotta che questa amministrazione ha intenzione di fare a chi abbandona o maltratta cani e gatti». Sono in fase di sviluppo anche soluzioni per la colonia felina del porto, gestita dall'associazione Amici di Maia, area che a breve sarà interessata dal passaggio dei mezzi per il cantiere nell'area portuale. Un’emergenza alla quale l’amministrazione comunale dovrà trovare una soluzione.
Commenti
17:44
Maria Gianni, 86 anni, trapiantata da una vita a Porto Torres, è sopravvissuta al crollo dell’hotel “Roma” di Amatrice ed è stata trovata viva da un alpino in un angolo della sua camera da letto appena crollata.
9:39
Positiva la risposta scritta pervenuta dall´Ufficio ambiente a firma dell´assessore all´ambiente Cristina Biancu e del dirigente del settore Claudio Vinci, all’interrogazione presentata dal consigliere comunale sardista Davide Tellini in merito alla decisione autonoma dell’azienda Ambiente 2.0 sulla distribuzione dei cestelli sulla raccolta rifiuti all’interno degli appartamenti condominiali
26/8/2016
Un legame che si rafforza e che oggi diventa anche istituzionale nel nome del Santo patrono turritano, il martire Gavino, venerato nei due centri. Porto Torres e Camposano ufficializzano il gemellaggio con un´intesa condivisa dal sindaco Sean Wheeler, presente in questi giorni nel paese campano in occasione della festa patronale, e dal primo cittadino di Camposano, Franco Barbato
13:53
Lo scambio di accuse, recriminazioni, ed infine insulti manifestatisi in questi ultimi giorni tra alcuni esponenti politici di Alghero, a proposito del servizio di nettezza urbana, ha un che di surreale
15:58
Il terremoto dell´Appennino è ancora nel nostro cuore. Le responsabilità, almeno quelle generali sono note. La Natura, che noi amiamo, è, alle volte, leopardianamente matrigna. L´uomo ci ha messo molto del suo, costruendo con furbizia e incoscienza. La macchina della solidarietà è partita. Tanti volontari, compresi i nostri amici di Legambiente, sono già al lavoro nei paesi colpiti
26/8/2016
«No allo sfruttamento di terreni agricoli per la produzione di energia. Le imprese private non possono continuare a sottrarre pezzi importanti di territorio agli agricoltori sardi in nome di chissà quale interesse pubblico». Lo sostiene il consigliere regionale dei Rossomori Emilio Usula, che preannuncia un’iniziativa in Consiglio
25/8/2016
Dopo la denuncia pubblica del sindaco di Fonni Daniela Falconi, è stata chiesta dal Partito Democratico una verifica delle procedure
25/8/2016
«La Regione sostenga il consorzio e le imprese», chiede con urgenza il Consorzio Bonifica Gallura
26/8/2016
Stupisce ancora di più l’atteggiamento superficiale che continua a regnare in quel di viale Trento. Anziché ammettere gli sbagli e adottare i correttivi del caso, si preferisce trincerarsi dietro cifre parziali, utilizzate strumentalmente nel tentativo di dimostrare che, tutto sommato, le cose non stanno andando poi così tanto male
© 2000-2016 Mediatica sas