Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaAmbiente › Porto Torres, inceneritore: l’amministrazione non si pronuncia
Mariangela Pala 29 marzo 2016
Il Comitato Tuteliamo il Golfo dell´Asinara interviene sull’ipotesi di costruire un inceneritore tutto nuovo a Porto Torres, una questione mai discussa in consiglio comunale e sulla quale l´amministrazione non ha assunto nessuna posizione ufficiale
Porto Torres, inceneritore: l’amministrazione non si pronuncia


PORTO TORRES - L’ipotesi di costruire un inceneritore tutto nuovo nel nord Sardegna, tra Sassari e Porto Torres, emersa circa tre mesi fa aveva suscitato polemiche, soprattutto perché la principale candidata sembrava proprio essere l’area turritana, dove sarebbe stata individuata dal governo per la sua vocazione industriale e perché la discarica di Scala Erre, che serve tutto il Sassarese, è quasi satura. Ancora manca una decisione definitiva, ma quella “vocazione industriale” di cui si parla, «forse è un modo come un altro per dire che il territorio di Porto Torres tanto è già inquinato e che i suoi abitanti ormai sono abituati ai decessi causati dall’esposizione ai contaminanti di origine industriale», sostiene il Comitato “Tuteliamo il Golfo dell’Asinara”.

In questo periodo la questione non è stata mai discussa in consiglio comunale e nessuna posizione ufficiale sul tema è stata presa. «Forse servirà a poco, ma prima che si pianifichi sul futuro del nostro territorio, con le relative ricadute ambientali e sanitarie, oltre che lavorative, bisognerebbe trattare l’argomento e prendere una posizione chiara, prima che le decisioni calino dall’alto senza che la città abbia nemmeno espresso la sua opinione», sottolinea il Presidente del Comitato, Giuseppe Alesso.

«E’ superfluo ricordare l’elevato prezzo che questa città sta già pagando in termini di vite umane troncate prematuramente ed è inutile sottolineare che già oggi la qualità dell’aria non è certo delle migliori e che - conclude Alesso - forse non è il caso di aggravare la situazione, già di per se critica, con le polveri sottili che un inceneritore garantirebbe». La decisione definitiva si potrà avere solo con il piano regionale di gestione dei rifiuti, in cui dovrà essere deciso anche il numero degli inceneritori, nel frattempo occorre avere le idee chiare anche sul futuro dello sviluppo del territorio, in termini di tutela ambientale.
Commenti
18/1/2017
Onde che sembrano spazzare via la spiaggia di Balai. A seguito del vento di grecale cresciuto questa mattina, il mare ha cominciato a gonfiarsi con vistose onde alte fino a sei metri finendo prima sulla battigia e poi invadendo l’intera spiaggia
8:41
Il forte vento di ieri mattina ha fatto cadere un vecchio albero di pino dal giardino di fronte l’istituto del liceo scientifico “Europa Unita” danneggiando una parte del recinto. Una situazione più volte segnalata dal consigliere Davide Tellini
17/1/2017
Raccolta rifiuti e spazzamento a rischio il 28 gennaio. L’accordo sulla società consortile tra le aziende che gestiscono il servizio raccolta rifiuti urbani non c’è stato e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Fiadel hanno deciso di proclamare lo sciopero probabilmente alla fine del mese di gennaio
17/1/2017
Richiesta del consigliere sardista Davide Tellini di inserimento all´ordine del giorno del consiglio comunale la discussione sul servizio raccolta Rifiuti solidi urbani
9:53
A chiedere le dimissioni dell’assessore all’Ambiente e del direttore generale della Protezione civile sarda è Paolo Truzzu, consigliere regionale di Fratelli d’Italia-An
17/1/2017
Entro luglio le singole regioni dovranno recepire la legge che introduce i LEPTA, ossia il livello minimo omogeneo in tutto il territorio nazionale per lo svolgimento delle attività che il Sistema nazionale è tenuto a garantire
© 2000-2017 Mediatica sas