Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notiziealgheroCronacaCronaca › Falcone, spunta la donna «addestrata» ad Alghero
A.S. 13 novembre 2017
Dalle ultime indagini disposte dalla Procura di Caltanissetta emerge che nel commando che ha organizzato la strage di Capaci e l´uccisione di Giovanni Falcone potrebbe esserci stata anche una donna. Trovato del Dna femminile su due reperti
Falcone, spunta la donna «addestrata» ad Alghero


ALGHERO - Anche una donna potrebbe aver preso parte all'uccisione di Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti della scorta. Dalle ultime indagini disposte dalla Procura di Caltanissetta è emerso infatti che su due reperti ritrovati a 63 metri dal cratere provocato dall'esplosione del 23 maggio 1992 sulla strada per Capaci ci sarebbero tracce del Dna di una donna.

Sono quelle rinvenute nei reperti catalogati "4A" e "4B" che classificano due guanti in lattice. Un fatto che, all'epoca della strage, era impossibile rilevare. Oggi, però – come raccontava il Fatto Quotidiano già nel 2013 – la tecnologia permette di ricostruirle anche da una particella di impronta papillare. Grazie alle sofisticate strumentazioni in mano alla Scientifica, si è in grado di risalire all'identità di chi li ha indossati. I periti che hanno esaminato questi guanti sarebbero così riusciti ad estrapolare i codici genetici «di almeno altri tre individui dove però la componente femminile attribuibile a uno o più soggetti di sesso femminile risulta essere maggiormente rappresentata». La consulenza è adesso agli atti del processo-bis per la strage di Capaci, quello nato dalla dichiarazioni di Gaspare Spatuzza.

Stando a quanto riportato dalla Repubblica, i sospetti potrebbero ricadere su una certa Antonella, una donna che agiva sempre con Giovanni Aiello, meglio noto alle cronache come "Faccia da mostro", l'ex poliziotto sospettato di essere un killer al servizio di Cosa Nostra. Il collaboratore di giustizia calabrese, Nino Lo Giudice, avrebbe raccontato che questa Antonella faceva parte con Aiello dei «servizi deviati dello Stato e la donna era stata ad Alghero in una base militare (il riferimento non potrebbe che essere alla base di Poglina, a sud della città, sulla litoranea per Bosa ndr) dove la fecero addestrare per commettere attentati e omicidi». Il mistero, quindi, si infittisce ancor di più e quello che sembrava un attentato perpetrato soltanto da uomini, oggi sembra avere invece anche una forte componente femminile.
Commenti
17:08
Rischia fino ad un anno di reclusione ed un’ammenda fino a mille euro per esercizio di caccia in periodo non consentito e porto illegale di arma il bracconiere residente a Escalaplano che, ieri notte, è stato sorpreso dal Corpo forestale nel territorio del paese
17/6/2018
Le fiamme, le cui cause non sono ancora state accertate, sono divampate intorno alle 4 e hanno interessato prima una Bmw intestata ad un commerciante, poi il fuoco si è propagato sulla Porsche Macan di Conti
18:33
I militari del Gruppo di Olbia hanno recentemente concluso un’attività ispettiva tributaria nei confronti di un circolo privato del capoluogo gallurese
15:13
Sabato sera, un 61enne è arrivato sulla spiaggia di Porto Ferro con la sua Jeep Cherokee, dopo essere transitato sulle dune di Baratz. Multato di 206euro dalla Polizia municipale di Sassari, rischia anche un provedimento penale
14:38
Nei giorni scorsi, nell’ambito dell’operazione coordinata dal Servizio centrale operativo della Polizia di Stato e condotta dalla Squadra Mobile della Questura di Enna, sono state svolte numerose perquisizioni in città e in provincia
17/6/2018
Il ragazzino dallo scorso 13 maggio aveva fatto perdere le sue tracce, dopo essere scappato dalla Casa di Accoglienza “La Casetta di Donata” di Siliqua. Rintracciato dai carabinieri ad Alghero, dove abita il padre
16/6/2018
Questa mattina, i Carabinieri della Stazione di Tempio Pausania sono riusciti ad identificare due donne che l’8 giugno, dopo essersi impossessate di undici bottiglie di liquore ed averle nascoste in una borsa, sono uscite dal negozio senza pagare
16/6/2018
Giovedì, a Loiri Porto San Paolo, al termine di accertamenti scaturiti da denunce/querele sporte da tre signore che vivono in località Enas, i Carabinieri della locale Stazione hanno depositato alla Procura della Repubblica di Tempio Pausania un rapporto relativo alla denuncia in stato libertà di una 38enne collaboratrice domestica
17/6/2018
L´uomo è risultato gravato dalla misura di sicurezza dell’allontanamento dal territorio italiano che l’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Cagliari aveva emesso nel marzo del 2013
© 2000-2018 Mediatica sas