Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizienuoroCronacaAnimaliPsa: abbattuti 210 maiali irregolari
Red 9 dicembre 2017
Azione di depopolamento ad Arzana, Desulo ed Orgosolo contro la Peste suina africana. Abbattuti duecentodieci maiali irregolari, non registrati ed al pascolo brado illegale
Psa: abbattuti 210 maiali irregolari


ORGOSOLO - È di duecentodieci maiali abbattuti il bilancio degli interventi sui suini irregolari, non registrati, senza proprietario ed al pascolo brado illegale che, iniziati ieri mattina (venerdì), si sono conclusi nel primo pomeriggio nelle campagne di Arzana, Desulo ed Orgosolo. Lo comunica l’Unità di progetto per l’eradicazione della Peste suina africana che, in coordinamento con la Prefettura e con la Questura di Nuoro, ha portato avanti l’iniziativa. Sul campo, uomini di Corpo forestale e di Vigilanza ambientale, veterinari e personale Ats, ed ancora di Forestas, Istituto zooprofilattico sperimentale e delle diverse Forze dell’ordine dello Stato. Ad Arzana, con cinquanta suini abbattuti, si è operato in località Is Campanilis; a Desulo, con novanta maiali abbattuti, in località Girgini; ad Orgosolo, con settanta maiali abbattuti, in località Montes. I depopolamenti sono previsti dalla normativa nazionale in materia di salute animale per tutti quegli animali irregolari, di cui non si conosce niente dal punto di vista sanitario e che possono provocare danni alla salute dell’uomo.

«L’ordine pubblico ha funzionato molto bene, non ci sono state proteste, tranne un piccolo presidio di una ventina di persone nel bivio di Pradu, a Orgosolo. Gli interventi non hanno avuto quindi rallentamenti o azioni di disturbo». Questo il primo commento del coordinamento dell’UdP operante fra Barbagia ed Ogliastra che, ad intervento concluso, ha voluto precisare: «Ci scusiamo con gli allevatori che hanno potuto raggiungere i propri animali, soprattutto mucche, qualche ora dopo rispetto al previsto e li ringraziamo per la pazienza dimostrata». «In Spagna – ha spiegato il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru – hanno avuto la Peste suina africana per quarant'anni, con gravissimi danni per il comparto agroalimentare. Poi hanno deciso di combattere con decisione la Peste suina, eliminando le situazioni irregolari e imponendo regole chiare per l'allevamento. Oggi il prosciutto spagnolo è un successo internazionale che crea lavoro e ricchezza. Dobbiamo seguire il loro esempio, dobbiamo debellare la peste suina e premiare chi si mette in regola: infatti, abbiamo creato le condizioni per poter aiutare finanziariamente e tecnicamente chi decide di allevare suini senza mettere a rischio l'intero comparto. Stiamo facendo la cosa giusta, quello che altri non hanno fatto per decenni».

«Tutto quello che poteva essere fatto per favorire la regolarizzazione di chi detiene suini irregolarmente è stato fatto. A iniziare dalle decine e decine di incontri informativi promossi sul territorio attraverso l’Agenzia Laore Sardegna per passare ai traguardi raggiunti sulla forte riduzione delle sanzioni, previste dalla normativa nazionale, per le persone che decidono di regolarizzarsi: si è passati infatti da 10mila euro a poco più di 400. Rimangono tuttavia delle sacche di illegalità che impediscono lo sviluppo dell’intero comparto suinicolo regionale e che tengono in ostaggio, con pratiche che alimentano il diffondersi della Psa, ma anche delle pericolosissima Trichinella o della Leptospirosi, decine di migliaia di allevatori regolari che vogliono lavorare bene, crescere e vendere liberamente i loro prodotti in tutto il mondo. Oggi, a causa del virus, infatti, le carni suine allevate in Sardegna non possono uscire dall’Isola». Lo ha detto il responsabile dell’Udp e direttore generale della presidenza della Regione Alessandro De Martini, che ha aggiunto: «Un sentito ringraziamento va a tutti quelli che si sono prodigati e si stanno prodigando per la buona riuscita del Piano di eradicazione, alla Prefettura e alla Questura di Nuoro e a tutti i Corpi di polizia che hanno garantito un supporto indispensabile e di grande professionalità».
Commenti
24/4/2018
L’associazione “Dna randagio” è disponibile ad effettuare cinque sterilizzazioni gratuite per i cani pastore
23/4/2018
«Una soluzione rapida per sostenere il settore», ha auspicato ieri l´assessore regionale dell´Agricoltura
© 2000-2018 Mediatica sas