Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notiziesassariPoliticaAmministrazione › «Dodici mesi di dimenticanze a Sassari»
Red 31 dicembre 2017
Manuel Alivesi, commissario provinciale e capogruppo di Forza Italia nel Consiglio comunale di Forza Italia commenta la conferenza stampa che il sindaco Nicola Sanna ha tenuto per riassumere la sua attività amministrativa. «Un 2017 di nulla», chiosa il forzista
«Dodici mesi di dimenticanze a Sassari»


SASSARI - «Il 2017 è un anno che è stato caratterizzato per il particolare immobilismo di un fallimentare “progetto politico” nato sotto pessimi auspici, se non fosse per i 43mila voti che i cittadini sassaresi hanno espresso nell’oramai lontano 2014, facendosi ammaliare dal grande “incantatore” Nicola Sanna. Un 2017 segnato profondamente dall’ennesima crisi del Partito democratico, partito oramai allo sbando ed in progressivo smantellamento, che ha tenuto e tiene tutt’ora in ostaggio una città in netto declino. E’ così infatti che ancora un anno è trascorso senza che ci sia notizia, ma nemmeno l’ombra, delle tanto attese incompiute, per non dire di altre nuove opere, a cominciare da: Centro intermodale, nuovo mattatoio, secondo lotto metropolitana di superficie (Sant'Orsola-Li Punti), l'ex Cinema Astra, l'area dell'ex mattatoio, Centro storico-quartiere di San Donato, sistema dell'accoglienza dei migranti, la Zona blu (Ztl). Siamo certi del fatto che la Città ne terra conto».

Inizia così l'intervento di Manuel Alivesi, commissario provinciale e capogruppo di Forza Italia nel Consiglio comunale di Forza Italia commenta la conferenza stampa che il sindaco Nicola Sanna ha tenuto per riassumere la sua attività amministrativa [LEGGI]. Una conferenza che già aveva provocato la critica reazione di Desirè Manca, portavoce del Movimento 5 stelle [LEGGI], e del Coordinamento cittadino di Forza Italia [LEGGI]. «Dobbiamo precisare – prosegue Alivesi - che siamo rimasti letteralmente stupiti nel sentire il resoconto e le dichiarazioni rilasciate da sindaco e Giunta in merito al bilancio delle cose realizzate nel 2017. Ci preoccupa sentire il primo cittadino descrivere, a suo dire, un anno di “grandi soddisfazioni” riferendosi ad un 2017 dove la Giunta Sanna ha prodotto pressochè nulla e soprattutto sentire lo stesso sindaco parlare della gravissima crisi che ha visto la Giunta colpita dalle dimissioni del vicesindaco Carbini il 13 marzo 2017 e successivamente dell’assessore Casu il 16 dello stesso mese e da li in poi un blocco delle attività amministrative culminato con le dimissioni di tutti gli assessori e con l’arresto totale avvenuto nel mese di giugno, insomma una vera e propria ecatombe. Una crisi risolta solamente alla fine del mese di luglio, vale a dire dopo un blocco di quasi cinque mesi, che ha vanificato non poche opportunità per la nostra Sassari, mentre il primo cittadino, non privo di grande ironia, continua a parlare di “anno di grandi soddisfazioni” definendo questa crisi come un “momento di confronto”. E’ il resoconto di un sindaco che al termine del quarto anno di mandato è ancora vittima dei suoi “sogni”, definendo la città che evidentemente può solamente sognare, come “moderna”, “solidale”, “sostenibile”, “inclusiva” e “sicura”».

«Ciò che però attira la nostra attenzione è la dichiarazione che riguarda l’importante cifra relativa al 442milioni di euro che riguardano i progetti avviati e quelli ancora da “completare” nei prossimi cinque anni, ovvero nessuno di questi ha visto la sua ultimazione nel 2017, ma non la vedrà nemmeno nel prossimo anno, ma solo nei prossimi cinque, vale a dire, forse, quando il mandato del sindaco Nicola Sanna sarà abbondantemente terminato. Però, in merito ai 442milioni di euro teniamo a precisare che nella seduta di insediamento della nuova Giunta di fine luglio 2017, il primo cittadino rilasciò agli organi stampa, un po’ come ha fatto nella recentissima conferenza stampa di fine anno, una dichiarazione relativa all’annuncio dell’arrivo di 500milioni di euro per la città di Sassari e per la quale ci siamo preoccupati di chiedergli, con una apposita Interpellanza con richiesta di risposta scritta, presentata il primo agosto, di spiegare origine, natura e destinazione di tali 500milioni. Dopo cinque mesi, ancora non è giunta nessuna risposta. Ogni volta che il primo cittadino è chiamato a dare contezza delle sue improvvide spiegazioni – insiste il capogruppo forzista - batte sempre in (saggia) ritirata».

«Ciò nonostante però, le dichiarazioni rilasciate dal sindaco rasentano il ridicolo quando parla dei circa 200milioni di euro da destinare alla realizzazioni degli ospedali, fatto questo che non vediamo come possa riguardare ne le casse, ne la programmazione economico finanziaria del Comune di Sassari, quanto piuttosto l’Amministrazione regionale, vale a dire che non è un’opera “comunale”, apprezziamo ovviamente il fatto che finalmente si dia corso a quella programmazione regionale sulla città di Sassari che ha origini lontane e che non riguardano in nessun modo la programmazione ne del sindaco Sanna, ne del presidente Pigliaru. Il resto delle risorse, ovvero 242milioni di euro, cosi afferma il sindaco mentre “sogna l’area urbana”, pare che verranno programmate sulla “metropolitana leggera” e sul collegamento per l’aeroporto, opere queste di cui non vi è traccia ne nel bilancio ne nei piani annuali e triennali delle opere pubbliche, anche se ci incuriosisce sapere se nel “sogno dell’area urbana” del sindaco di Sassari ci sarà ancora spazio per un “aeroporto», conclude il commissario provinciale di Forza Italia Manuel Alivesi.

Nella foto: il capogruppo di Forza Italia Manuel Alivesi
Commenti
13:45
Per Conoci, Piras, Lubrano e compagni, le dimissioni di Raffaele Sari dalla presidenza della Fondazione Alghero sarebbero solo ed esclusivamente dovute alla sete di poltrone del Partito democratico
17/7/2018 video
Poco meno di cinquecento euro l´incasso per l´ingresso al compendio forestale di Punta Giglio, nello splendido Parco di Porto Conte ad Alghero, nel primo giorno di applicazione del ticket d´ingresso per i soli turisti. Le dichiarazioni del direttore
17:50
Il sindaco di Alghero ringrazia pubblicamente l´ormai ex presidente della Fondazione e il componente del Cda per la competenza, l´impegno e la disponibilità non comuni: «siete e rimarrete una risorsa per la città»
18/7/2018
Il prossimo appuntamento per il sindaco di Sassari è previsto per venerdì sera, nel Parco della Solidarietà, a Li Punti. Con la Giunta ed i consiglieri comunali incontrerà i cittadini
18/7/2018 video
«Lascio una Fondazione sana nell´organizzazione e nel bilancio. Credo che l´apertura ai privati richieda nuovi spazi per le nuove energie ed entusiasmi di cui la città di Alghero ha sempre bisogno. Ho cercato di lavorare con la massima onestà e impegno, spero di esserci riuscito almeno in parte». Parole di Raffaele Sari Bozzolo che sul Quotidiano di Alghero traccia un primo bilancio dell´esperienza che, per due anni, lo ha visto alla presidenza della Fondazione Alghero.
© 2000-2018 Mediatica sas