Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notiziesardegnaPoliticaLavoro › Lavoro: si punta sul diversity management
Red 11 gennaio 2018
«Diamo valore alle diversità nell’organizzazione aziendale», dichiara l´assessore regionale del Lavoro Virginia Mura, dopo la pubblicazione dell´avviso
Lavoro: si punta sul diversity management


CAGLIARI - Promuovere il benessere organizzativo all’interno delle aziende, valorizzando le diversità nei contesti lavorativi e contrastando le situazioni discriminatorie, in funzione del miglioramento delle condizioni di lavoro. Sono queste le finalità dell’avviso per la promozione del Diversity management, pubblicato dall’Assessorato regionale del Lavoro, che finanzia le imprese per l’adozione di politiche del personale mirate, che tengano conto delle diverse necessità, dei bisogni e delle aspettative di lavoratrici e lavoratori. Sono comprese in tali politiche anche quelle di riorganizzazione del lavoro per l’adattamento dell’ambiente e dei processi lavorativi, al fine di valorizzare le diversità ed ottimizzare le risorse, con ricadute positive sulla produttività complessiva.

«È un intervento innovativo, che si colloca nell’ambito delle misure per la promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro e del welfare aziendale, con un’attenzione rivolta ai soggetti che presentano maggior rischio di esclusione lavorativa e sociale - dichiara l’assessore regionale Virginia Mura - La Sardegna è tra le prime Regioni d’Italia a sperimentare questo strumento, con risorse del Fondo sociale europeo, credendo nelle potenzialità del diversity management per gli effetti positivi che è in grado di generare nella cultura aziendale, attraverso un nuovo approccio improntato all’inclusione senza rinunciare alla maggiore efficienza. Trattandosi di una misura mai adottata prima – prosegue l’assessore – abbiamo voluto coinvolgere le imprese attraverso un’ampia consultazione che ha restituito importanti elementi di spunto per la costruzione dell’avviso e ha fatto emergere una spiccata sensibilità verso il tema. Abbiamo, dunque, registrato un grande interesse per un nuovo modello di organizzazione aziendale che, non solo non procuri svantaggio alle persone con uno o più fattori di rischio, ma che valorizzi le competenze di tutti, con particolare riferimento ai soggetti più fragili. Con questa misura – conclude la titolare del Lavoro – vogliamo sostenere lo sviluppo e la competitività delle imprese in un’ottica inclusiva, improntata alla valorizzazione delle risorse umane e a una concezione orizzontale e paritaria del lavoro, che tenga conto in particolare delle varie condizioni di svantaggio, delle differenze di genere e delle disabilità».

L’avviso, con uno stanziamento di 1,2milioni di euro del Fondo sociale europeo, finanzia progetti per l’adozione delle misure di Diversity management, con un contributo forfettario, modulato in base alla dimensione dell’azienda ed alla proposta progettuale, che va da un minimo di 4.500euro fino ad un massimo di 30mila euro. Possono partecipare le piccole e medie imprese, profit e no profit, anche in forma associata, con sede operativa in Sardegna e che abbiano i requisiti richiesti dall’avviso. I destinatari finali dei progetti dovranno essere: lavoratrici e lavoratori svantaggiati, persone disabili, cittadini di Paesi terzi, richiedenti asilo e rifugiati, soggetti vittime di violenza. L’avviso e gli allegati sono consultabili nella sezione “Bandi e gare d’appalto’” del sito internet istituzionale della Regione Sardegna. Le domande potranno essere presentate a partire da mercoledì 2 maggio a giovedì 31 maggio.

Nella foto: l'assessore regionale Virginia Mura
Commenti
14:43
Ieri, a Cagliari, nella sede di Confindustria, il presidente della Regione autonoma della Sardegna è stato protagonista dell´intervento che ha concluso l’Assemblea degli associati
12:34
A Porto Conte si è tenuto a battesimo l´intervento ideato da Rumundu e realizzato con il contributo indispensabile dalla Fondazione Terzo pilastro internazionale per aiutare trenta giovani sardi nella progettazione e costruzione di altrettante attività imprenditoriali ad alto tasso di sostenibilità
19/7/2018
I rilevatori svolgeranno attività di censimento permanente della popolazione e delle abitazioni da ottobre a dicembre. Il termine per la presentazione delle domande è giovedì 2 agosto
© 2000-2018 Mediatica sas