Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notiziesardegnaOpinioniAeroportoOccorre accertare la verità sulla vendita SoGeAAl
Umberto Borlotti 10 marzo 2018
L'opinione di Umberto Borlotti
Occorre accertare la verità sulla vendita SoGeAAl


I temi che riguardano l’aeroporto di Alghero sono sempre attuali e importanti considerata la valenza strategica di questa infrastruttura, ma in questo momento credo sia indispensabile fare piena luce sulla vicenda della vendita del pacchetto di maggioranza della società di gestione.
Questa necessità nasce da dubbi e perplessità sulla chiusura dell’iter della vendita. La SoGeAAl SpA, nata a totale capitale pubblico, ottenne nel 2007 la concessione quarantennale per la gestione dell’aeroporto di Alghero, concessione che rappresenta il vero valore della società, mentre non voglio entrare nelle valutazioni dello stato di salute della società che ancora nel 2016 chiudeva i bilanci con forti perdite.
Oggi credo sia utile puntualizzare alcuni aspetti della cessione del 71,25 % del pacchetto azionario alla F2I. La RAS, in qualità di socio unico, autorizzò il cda Sogeaal al lancio di un bando di gara per la cessione delle quote di maggioranza, riservandosi però la possibilità di ricapitalizzarla direttamente in linea con le normative nazionali sulle società partecipate in crisi finanziaria.

La cessione della maggioranza delle azioni Sogeaal alla F2I avviene dopo decine di rinvii senza ulteriori e concrete manifestazioni d’interesse da parte di altri soggetti qualificati. Avviene dopo che lo stesso Consiglio Regionale a novembre 2016 approva la cd “legge salva Sogeaal” che prevedeva lo stanziamento di oltre 15 milioni di euro nell’ipotesi in cui la procedura di privatizzazione non avesse prodotto risultati. Il player in oggetto, di grande respiro nazionale ed internazionale, è sostanzialmente un fondo d’investimento partecipato dalla Cassa depositi e prestiti e da varie istituzioni bancarie operante in vari settori compreso quello aeroportuale. I vantaggi teorici dell’ingresso di un privato venivano sbandierati principalmente nella capacità dello stesso di portare traffico importante in tutte le stagioni e di migliorare l’efficienza e i conti della società. Prima di analizzare gli svantaggi di tale scelta però vorrei soffermarmi su un venticello che soffia con sempre maggiore vigore: ma la procedura di aggiudicazione è stata totalmente priva di ombre?

Tempo addietro l’ex On Pili denunciò all’ANAC dubbi di vario genere sulla regolarità della procedura, ma quello che mi ha fatto trasecolare sono state le affermazioni dell’ex On Silvio Lai secondo il quale la F2I avrebbe partecipato al bando dopo un “serio lavoro diplomatico” e l’ultima dichiarazione del Segretario cittadino del PD di Alghero, Dott Mario Salis, che afferma che per convincere F2I ad acquistare la Sogeaal “sarebbe dovuto intervenire il Ministro Del Rio quasi costringendo la stessa a portare avanti l’operazione”. Se così fosse sarebbe un fatto gravissimo e credo sia giusto fare chiarezza sia politicamente che giudizialmente. Certo stupisce che l’assegnazione non sia stata supportata, come requisito importante, dall’analisi di un piano di sviluppo a corredo della domanda di partecipazione trattando, quindi, al buio la vendita di un bene primario del territorio e fondamentale per la sua economia. Al momento si registra solo un lento ed inesorabile calo di traffico, crisi e tensioni occupazionali, ma fatto più importante è che lo sviluppo del traffico aereo sullo scalo debba passare ancora oggi attraverso cospicui finanziamenti pubblici.

Di frequente il management Sogeaal puntualizza di non avere il compito primario di ricercare traffico, puntando il dito sulle incapacità di attrazione del territorio, ma solo di assisterlo, tesi questa totalmente smentita dai vertici degli altri due aeroporti sardi che, in questi ultimi anni con forte dinamismo, stanno dimostrando come si recupera traffico e quale sia la mission del gestore aeroportuale. Purtroppo, al contrario di quanto anticipato dai vertici regionali in fase di vendita, sembra che la crescita del traffico si debba realizzare solo attraverso l’impiego di importanti risorse pubbliche (chiamatele come volete: bando sulla destagionalizzazione, CT1, CT2 etc etc). Siamo poi sicuri che le ipotizzate ingegnerie finanziarie di contribuzione in itinere siano migliori delle precedenti (totalmente assolte dalla Unione Europea) e che queste producano gli stessi risultati? Ma allora se è sempre Pantalone che deve finanziare l’aeroporto nella fase di ricapitalizzazione, non era forse preferibile ricostituire la compagine sociale istitutiva della società (azzerata con un colpo di mano della RAS) e permettere al territorio di condividere tutte le scelte? Nessuna responsabilità alla F2I, ma mi sto sempre più convincendo che in questa vendita la RAS non abbia voluto risolvere un problema, ma lo abbia semplicemente voluto eliminare. E il mio ultimo dubbio: a vantaggio di chi?

*già direttore generale Sogeaal
Commenti
18:18
Il consigliere regionale algherese Raimondo Cacciotto interviene sull’ipotesi della cancellazione dell’hub stagionale Ryanair dallo scalo di Alghero: L’efficienza dei trasporti è un’esigenza di tutti i sardi, serve impegno
19/9/2018
Base stagionale a rischio, ma potrebbero essere incrementati i collegamenti. Niente di ufficiale ancora, ma potrebbe essere questa la linea della compagnia aerea irlandese sullo scalo di Alghero. Un po’ come avviene su Parigi o altri scali internazionali. In attesa di possibili novità, pre-caricati i voli della Summer 2018. Attesa per i voli invernali su Barcellona e Madrid
19/9/2018
Ryanair rischia di non aprire la base stagionale su Alghero. La denuncia è del segretario della Filt Cgil della Sardegna, Arnaldo Boeddu: E´ arrivato il momento in cui le organizzazioni sindacali non vengano lasciate da sole ad affrontare problemi di simile portata
© 2000-2018 Mediatica sas