Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notiziesassariSaluteSanità › «Corretti stili di vita per aver cura dei reni»
S.O. 11 marzo 2018
In piazza d´Italia a Sassari va in scena la tredicesima edizione della giornata mondiale del rene, quest´anno dedicata alla donne. L´appello arriva dal direttore dell´unità operativa complessa di Nefrologia, dialisi e trapianti dell´Aou di Sassari, Maria Cossu
«Corretti stili di vita per aver cura dei reni»


SASSARI – «Invitiamo tutti a condividere questa giornata e, soprattutto, anche al di là di questo evento, a fare gli esami per la funzionalità renale». L'appello arriva dal direttore dell'unità operativa complessa di Nefrologia, dialisi e trapianti dell'Aou di Sassari, Maria Cossu, che nella giornata mondiale del rene pone l'accento sulla necessità della prevenzione delle patologie renali. Un richiamo che in piazza d'Italia, dove con la collaborazione dei vigili del fuoco è stata allestita una tenda all’interno della quale il personale medico e infermieristico della Nefrologia dell'Aou si è messo a disposizione dei cittadini, si è levato in contemporanea con la celebrazione della giornata internazionale della donna. Ed è proprio a loro che quest'anno si è rivolta la campagna promossa a livello mondiale dalla Società internazionale di nefrologia e in Italia dalla Società italiana di nefrologia e dalla Fondazione italiana del rene. Lo slogan dell'edizione 2018, infatti, è “I reni & la salute delle donne”.

«Alle donne va il nostro appello – ha detto ancora Maria Cossu – perché controllino la loro salute e la salute dei loro reni. È facile fare questo, anche soltanto con un esame delle urine che mostra come funzionano i reni». I medici della struttura dell'Aou di Sassari hanno offerto uno screening gratuito con la raccolta dell’anamnesi, il controllo della pressione arteriosa, del peso corporeo e un esame delle urine. Così, infatti, è possibile identificare alcuni fattori di rischio molto comuni quali l’ipertensione arteriosa, il diabete, la calcolosi e l’obesità. Il personale sanitario ha offerto anche una serie di suggerimenti sui corretti stili di vita e sulle indagini cliniche e laboratoristiche da effettuare.

«Sassari ha sempre risposto molto bene – ha proseguito Maria Cossu – e lo scorso anno abbiamo fatto oltre trecento controlli. Molte persone che non sapevano di avere una patologia renale sono risultati positivi: alcuni avevano ematuria, alcuni erano fortemente ipertesi ed è stato riscontrato anche qualche caso di diabete. «In Italia una persona su dieci ha una malattia renale e spesso – ha ricordato ancora la specialista – non sa di averla. Ecco, allora, l’importanza della prevenzione, perché le patologie renali danno una sintomatologia molto tardiva. Quando il paziente avverte i disturbi, nella maggior parte dei casi, la funzionalità renale è già severamente compromessa». Il tredicesimo appuntamento con la giornata mondiale del rene, oltre che con la collaborazione dei vigili del fuoco che in un loro stand hanno mostrato le tecniche di primo soccorso, i mezzi e le attrezzature utilizzate nelle situazioni di emergenza, si è svolto anche con il contributo del Comune di Sassari e della Provincia.
Commenti
7:08
Peste suina africana: abbattuti altri novantadue capi a pascolo brado illegale. Dalle analisi sugli animali depopolati nelle ultime settimane, si sono potuti notare i primi segnali interessanti sulla regressione della Psa
11/12/2018
L´Ats Sardegna ha avviato il percorso di pianificazione delle modalità operative di coordinamento del Registro dei tumori della Regione Sardegna. Analizzati i processi informativi ed informatici destinati alla raccolta dei dati nell’intero contesto regionale
© 2000-2018 Mediatica sas