Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notiziesardegnaOpinioniAeroportoGrifoni e aeroporti, questo il problema
Valter Battistoni 16 maggio 2018
L'opinione di Valter Battistoni
Grifoni e aeroporti, questo il problema


Il giorno 6 Maggio 2018 un Airbus A320 della Vueling in atterraggio a Bilbao ha impattato con un grifone. Il grosso uccello, che faceva parte di uno stormo di 6 o 7 esemplari, è stato risucchiato in un motore, lo ha pesantemente danneggiato e pezzi metallici dello stesso, unitamente a resti del povero animale, sono letteralmente piovuti nel giardino di un'ignara famiglia che si è vista sfiorare da frammenti metallici caduti a pochi centimetri dalle loro teste. L'aereo è comunque riuscito ad atterrare pur con l'evidente danno subito. Perché questa notizia dovrebbe riguardarci? Perché è di pochi giorni un'altra notizia riguardante 14 grifoni che, importati dalla Spagna, sono stati liberati nella zona di Marina di Lioneddu, all'interno del Parco di Porto Conte ed entro il raggio di 13 Km. previsti dalla normativa ENAC. Normativa posta a salvaguardia della sicurezza delle attività aeronautiche dell'aeroporto di Alghero, cioè a protezione dei passeggeri e degli aerei che transitano nel nostro aeroporto.

Ma come è stato possibile derogare ad una normativa istituita a garanzia dell'incolumità dei viaggiatori, dei piloti e dei residenti nelle aree limitrofe? Riassumiamo i termini della questione. Quasi per caso (nessuno li aveva informati) gli uffici preposti dell'aeroporto di Alghero scoprono il progetto “Life under Griffon Wings” che prevede il rilascio di 60 esemplari provenienti dalla Spagna e l'istituzione di carnai aziendali destinati al loro nutrimento. Immediatamente contestano ai promotori del progetto e agli enti del territorio l'inopportunità ed anzi l'illegittimità del progetto stesso per l'ubicazione del carnaio troppo vicino all'aeroporto e per il rischio di interferenze con i circuiti di traffico degli aerei. Gli enti promotori cadono dalle nuvole: nessuno aveva pensato ai rischi per la navigazione aerea, nonostante fossero state pubblicate le mappe delle limitazioni ed esse fossero persino disponibili sul sito del Comune di Alghero.

Si fa allora la sconcertante scoperta che nessuno degli enti pubblici che avevano approvato formalmente il progetto era a conoscenza delle limitazioni imposte dalla normativa interna ed internazionale sui fattori attrattivi della fauna selvatica, sui rischi connessi al rilascio di nuovi esemplari e sulle distanze minime da un aeroporto che dovevano essere rispettate. Naturalmente la questione finisce sul tavolo dell'ENAC e si apre dunque una trattativa fra chi suggeriva il dislocamento del carnaio e il rilascio degli esemplari nella zona di Bosa, ove già esiste una colonia, e chi temeva per la perdita di cospicui finanziamenti europei qualora il progetto non avesse incluso il Parco di Porto Conte. La soluzione è stata un compromesso al ribasso: si è autorizzata l'istituzione del carnaio di Marina di Lioneddu ma col rilascio di soli (!) 14 esemplari di grifone e l'istituzione di una “no fly zone” sull'area sovrastante, dal suolo fino a 1400 ft. (circa 450 mt.).

Per di più 7 grifoni sarebbero stati equipaggiati di un dispositivo GPS per monitorare la loro posizione, il che non evita evidentemente che gli uccelli vadano dove gli pare salvo verifica a posteriori delle loro traiettorie di volo. E' risaputo che i grifoni sono animali che amano volare in gruppo e che possono spingersi fino a 6000 mt. di quota; dai primi rilevamenti sembra che i nostri grifoni, nonostante i desiderata del Parco, prediligano invece spostarsi proprio a Bosa in un andirivieni che purtroppo presenta la sgradevole particolarità di attraversare le traiettorie di decollo e atterraggio dell'aeroporto di Alghero col rischio, sempre immanente di un impatto con un aereo carico di passeggeri. Ad Alghero, data la sua natura di aeroporto costiero, il problema principale era finora costituito dai gabbiani (8 collisioni nel 2016), che dopo anni di impatti con numeri a due cifre era però tenuto sotto controllo e davvero non si sentiva la necessità di introdurre in zona nuovi esemplari di una specie così pericolosa per dimensioni e peso.

Per di più nell'ambito di un progetto finalizzato a consentire la riproduzione degli animali stessi e quindi il ripopolamento, con conseguente aumento del rischio. L'areale di Bosa non sarebbe stato forse più idoneo per ubicazione e per lo stesso benessere degli animali, dei quali nessuno, naturalmente, si augura l'estinzione? Ancora una volta si teme che abbiano prevalso considerazioni estranee alla cultura della sicurezza, nonostante fossero già noti i precedenti incidenti in Spagna (13 morti dal 1996 per impatti con grifoni), le autorevoli raccomandazioni degli zoologi dell'Università di Barcellona e gli appelli - inascoltati - degli esperti locali. L'ammaraggio sul fiume Hudson del Comandante “Sully”, immortalato nell'omonimo film di Clint Eastwood, sembra non aver insegnato niente.

*Presidente del Bird Strike Committee Italy (ENAC) fino al 2006 ed attualmente membro della World Birdstrike Association nonché “Bird Strike Expert” nel Technical Program dell’ICAO (International Civil Aviation Organization)
Commenti
13/7/2018
easyJet amplia il network dei collegamenti invernali con l´aeroporto Costa Smeralda. Il volo per Schönefeld, già attivo giornalmente da aprile ad ottobre, verrà operato anche nei mesi invernali con due frequenze la settimana: il mercoledì e la domenica
© 2000-2018 Mediatica sas