Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notiziesassariCronacaCronaca › Armi illegali: operazione Lethal Weapon a Sassari
Red 18 giugno 2018
Nei giorni scorsi, nell’ambito dell’operazione coordinata dal Servizio centrale operativo della Polizia di Stato e condotta dalla Squadra Mobile della Questura di Enna, sono state svolte numerose perquisizioni in città e in provincia
Armi illegali: operazione Lethal Weapon a Sassari


SASSARI - Nei giorni scorsi, nell’ambito dell’operazione “Lethal Weapon”, coordinata dal Servizio centrale operativo della Polizia di Stato e condotta dalla Squadra Mobile della Questura di Enna, sono state svolte numerose perquisizioni in città e in provincia. L’attività svolta nella provincia di Sassari, ha dato esito positivo, portando al sequestro di due carabine e due pistole ad aria compressa di potenza superiore a quella consentita dalla legge per la libera vendita.

L’intera operazione, che ha visto l’interessamento di quarantotto Squadre Mobile sul territorio nazionale e ha portato al sequestro complessivo di novantadue armi, è partita dal capoluogo siciliano e ha avuto origine grazie alle indagini svolte a seguito di una delle tantissime truffe consumate in “rete” attraverso i siti di vendite on-line. Nel corso di una prima perquisizione, gli investigatori siciliani si sono imbattuti in un uomo che aveva in casa diverse armi ad aria compressa. Armi che erano di potenza superiore a quella, entro la quale, secondo la legge italiana, possono essere acquistate e detenute liberamente.

In questo caso, vista la spiccata capacità offensiva, le armi trovate devono essere considerate come normali armi da sparo e, pertanto, possono essere acquistate e detenute solo se l’acquirente è munito delle autorizzazioni previste dalla normativa di settore. Un ulteriore elemento di interesse per gli investigatori, che è emerso, fin dalle prime battute delle indagini, è il fatto che queste armi sono state acquistate all’estero ed importate in Italia senza le dovute autorizzazioni amministrative e soprattutto, senza che i relativi modelli fossero preventivamente verificati dall’ente italiano preposto alla certificazione delle armi in commercio sul territorio nazionale. L'ente è il Banco nazionale di prova, preposto alla verifica della rispondenza delle armi in commercio ai requisiti previsti dalla legge.

Il mancato passaggio delle armi dal Banco nazionale, fa si che le stesse debbano essere considerate “clandestine” e la loro detenzione costituisce un grave reato. L’attività condotta dalla Squadra Mobile di Sassari ha consentito il ritrovamento delle armi e la segnalazione in stato di libertà alla competente Autorità giudiziaria di un 71enne sassarese che, come le altre persone coinvolte nelle indagini, ha acquistato on-line da un sito internet estero le armi che deteneva in casa. Tutte le armi sequestrate verranno sottoposte alle dovute verifiche tecniche finalizzate a verificarne l’effettiva potenza e, nel caso, venga superata quella consentita dalla legge, i detentori potranno essere chiamati a rispondere oltre che dell’importazione illecita, anche della detenzione di armi clandestine.
Commenti
21/2/2019
I finanzieri hanno conseguentemente contestato all’interessato le specifiche sanzioni amministrative per ognuna delle istanza presentate, per un importo complessivo, al massimo, di 15.793euro, segnalandolo inoltre all’Inps
21/2/2019
Nell’ambito dei controlli coordinati e disposti dal Comando provinciale di Sassari nel settore del contrasto del lavoro nero ed irregolare, le Fiamme gialle del Gruppo di Olbia hanno avviato un controllo in un centro massaggi estetici orientali finalizzato, tra l’altro, al controllo sulla regolarità dei requisiti professionali ed autorizzatori
21/2/2019
Le verifiche sul bonifico hanno portato all’identificazione degli inserzionisti, due 50enni della provincia di Milano, già noti alle Forze dell´ordine. Per loro è scattata la denuncia in stato di libertà all’Autorità giudiziaria competente per il reato di truffa
21/2/2019
I Carabinieri della Compagnia di Isili, con i colleghi del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Nuoro, nell’ambito dei predetti servizi, hanno effettuato dei controlli a carico di alcune aziende dedite al trasporto di merci per conto terzi, riscontrando diverse violazione penali ed amministrative
© 2000-2019 Mediatica sas