Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notiziecagliariCronacaCronaca › Cagliari: sequestrati 239 capi di abbigliamento
Red 2 novembre 2018
I Baschi verdi della Guardia di finanza di Cagliari, durante un servizio di controllo economico del territorio, hanno sottoposto a sequestro articoli riconducibili a Corpi militari e Pubbliche istituzioni posti in vendita in violazioni delle specifiche normative in materia
Cagliari: sequestrati 239 capi di abbigliamento


CAGLIARI - I Baschi verdi della Guardia di finanza di Cagliari, durante un servizio di controllo economico del territorio, hanno sottoposto a sequestro 239 articoli di abbigliamento, riconducibili a Corpi militari e Pubbliche istituzioni posti in vendita in violazioni delle specifiche normative in materia. L’attenzione dei finanzieri si è concentrata su un esercizio commerciale nell'immediata periferia cagliaritana: una sorta di piccolo box con una vetrina nella quale hanno notato l’esposizione di alcuni capi di abbigliamento riconducibili a Forze armate nazionali ed estere.

Entrati nell’esercizio, le Fiamme gialle hanno riscontrato la presenza di numerose tipologie di abbigliamento militare come quelle esposte, insieme ad altre divise di Enti nazionali: hanno quindi proceduto a verificare se il responsabile dell’attività fosse in possesso delle relative e necessarie licenze ed autorizzazioni per vendere il citato materiale. L’esito del controllo ha dato esito negativo: l'uomo non era in possesso ne di una partita Iva, ne tantomeno, della richiesta autorizzazione a vendere materiale della specie.

La perquisizione del locale ha portato al rinvenimento di 239 articoli, tra giacche a vento, impermeabili, maglioni, calzature, mimetiche e camicie riconducibili, tra gli altri, a Forze armate straniere, Vigili del fuoco, Poste italiane, Croce rossa italiana ed Esercito italiano. In particolare, i Baschi verdi hanno trovato 76 articoli con “segni originali” dell’Esercito italiano, cioè muniti degli specifici segni distintivi che caratterizzano le dotazioni fornite al personale in servizio, quali le stellette, lo scudetto tricolore e le etichette con il numero di lotto ed immatricolazione. Il controllo si è quindi concluso con il sequestro dei 239 articoli e la denuncia di un 43enne per i reati di ricettazione, detenzione illecita di segni distintivi di Corpi di polizia e mancanza della licenza per la vendita di articoli militari.
Commenti
19:03
Nell’ambito dell’azione a tutela della spesa pubblica, le Fiamme gialle della seconda Compagnia di Cagliari hanno individuato un residente che ha presentato una domanda finalizzata all’ottenimento del gratuito patrocinio con dati reddituali non veritieri
22:28
Una barca a vela si è rovesciata a causa del forte vento di scirocco nel Comune di Villaputzu e un turista francese, sbalzato in acqua dalle onde, è morto annegato
20/4/2019
Nell’ambito di un piano coordinato dal Comando provinciale di Sassari, che ha visto i dipendenti Reparti impegnati nei controlli in materia di giochi e scommesse, i finanzieri del Gruppo di Olbia hanno effettuato una verifica per la repressione dei fenomeni illeciti nel settore degli apparecchi e congegni da intrattenimento in un esercizio commerciale
20/4/2019
Prosegue senza sosta la lotta alla piaga rappresentata dalla criminalità predatoria, che ogni giorno vede impiegati i militari dell’Arma in un capillare controllo del territorio teso a garantire senso di sicurezza e rispetto della legalità
20/4/2019
In occasione del concerto della cantante Alessandra Amoroso, nei parcheggi della Fiera campionaria, le Fiamme gialle hanno predisposto uno specifico servizio di controllo
20/4/2019
Nuovo episodio di truffa telematica ai danni di una persona di Gairo, con un presunto venditore che, dopo aver incassato parte dei soldi, scompare senza consegnare la merce
20/4/2019
Nei giorni scorsi, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio della città, sono state deferite in stato di libertà dalle Volanti all’Autorità giudiziaria due persone, già note alle Forze dell´ordine, resesi responsabili l’una di porto abusivo di armi e di ubriachezza molesta, l’altra di atti osceni in luogo pubblico
© 2000-2019 Mediatica sas