Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notiziealgheroTurismoTrasporti › Corse Tirrenia dimezzate, imprenditori in allerta
S.O. 6 novembre 2018
Marco Di Gangi, presidente del Consorzio Turistico “Riviera del Corallo”, Lorenzo Carboni presidente territoriale della Faita e Stefano Visconti presidente territoriale di Federalberghi, chiedono un autorevole intervento delle Amministrazioni comunali, dell’Amministrazione regionale e del Governo
Corse Tirrenia dimezzate, imprenditori in allerta


ALGHERO - «La situazione che sta emergendo ed è riscontrabile sul sito della Tirrenia è decisamente preoccupante e per dissipare ogni dubbio in proposito chiediamo un pronto intervento chiarificatore nei confronti della Tirrenia sia da parte dell’assessore regionale dei trasporti, sia da parte del ministro dei trasporti. Il ridimensionamento delle corse tra Genova e Porto Torres e viceversa per il periodo di maggior domanda del trasporto navale da e per la Sardegna, quello che va dai primi giorni di giugno fino a metà Settembre appare inspiegabile».

Queste le dichiarazioni di Marco Di Gangi, presidente del Consorzio Turistico “Riviera del Corallo”, di Lorenzo Carboni presidente territoriale della Faita e di Stefano Visconti presidente territoriale di Federalberghi in merito al paventato ridimensionamento delle corse da parte dell'armatore Onorato [LEGGI]. Riduzione di corse durante il periodo estivo che, seppur riscontrabile dal sito ufficiale di prenotazione della stessa compagnia di navigazione, non è confermata da Tirrenia [LEGGI]. Un rischio che ha fatto sobbalzare lo stesso sindaco Pentastellato di Porto Torres, che ha immediatamente richiesto un incontro urgente con i vertici di Tirrenia [LEGGI].

«Se la scelta della Tirrenia che, giova ricordarlo, percepirà fino al 2020, grazie ad una convenzione con il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti oltre 72 milioni di euro l’anno per garantire l’esercizio dei servizi di collegamento marittimo in regime di pubblico servizio con le isole, fosse confermata e definitiva, riceveremmo un ulteriore, grave ed inaccettabile attacco nei confronti del principio della continuità territoriale e dell’economia turistica del nord ovest della Sardegna» ribadiscono i tre rappresentanti del comparto turistico. «Il danno per i gestori di campeggi sarebbe gravissimo - evidenzia Lorenzo Carboni - perché il taglio delle corse decimerebbe il numero dei nostri clienti».

Dopo il forte calo di arrivi che ha investito l’aeroporto di Alghero a partire dal 2015 (che fortunatamente non è corrisposto ad un calo di presenze nelle attività ricettive del territorio di Alghero, seppur impoverito, con ricadute negative sui sardi e una forte limitazione del diritto alla mobilità), quello del taglio dei collegamenti marittimi con il Porto di Porto Torres sarebbe un colpo difficilmente superabile. «Per queste ragioni e per far riflettere la Tirrenia sulle sue scelte chiediamo un autorevole, tempestivo e decisivo intervento delle Amministrazioni comunali, dell’Amministrazione regionale e del Governo» concludono Di Gangi, Carboni e Visconti, a cui resta comunque l’auspicio che, considerata l’alta domanda su questa tratta, altri armatori colgano l’opportunità di riempire gli spazi vuoti lasciati dalla Tirrenia.
Commenti
21:07
Potenziata la linea su Porto Torres e riattivata, dopo sei anni, quella su Olbia. È quanto comunicato oggi all’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna dal gruppo armatoriale con la presentazione dei programmi per il 2019
© 2000-2018 Mediatica sas