Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaAmministrazione › Tutela delle imprese: Porto Torres in primo piano
A.B. 31 agosto 2013
Il sindaco Beniamino Scarpa ha scritto ieri a Eni, governo nazionale e Regione Autonoma della Sardegna: «Si attivi subito la procedura di controllo prevista dal protocollo d’intesa sulla chimica verde»
Tutela delle imprese: Porto Torres in primo piano


PORTO TORRES - L’assegnazione di un ruolo di primo piano al Comune nei processi di salvaguardia del lavoro nell’area produttiva di Porto Torres. È quanto ha chiesto ieri il sindaco di Porto Torres Beniamino Scarpa a “Eni”, governo nazionale e Regione Autonoma della Sardegna.

«La tutela del sistema delle imprese locali e dei lavoratori dell’area produttiva di Porto Torres – sottolinea il primo cittadino – è disciplinata dall’addendum al protocollo d’intesa per la chimica verde firmato nel 2011 dal Governo nazionale, dalle istituzioni locali, dalle organizzazioni sindacali e dall’Eni, ma evidentemente non tutto sta funzionando come dovrebbe. Per questo ritengo sia necessario, a questo punto, cambiare approccio. È opportuno che la nostra Amministrazione assuma un ruolo attivo nel controllo dei processi. Già venerdì, prima della diffusione del documento dell’opposizione, ho scritto all’Eni, al ministro delle Attività produttive e al presidente della Regione per ribadire questo concetto».

Secondo Scarpa è necessario che «negli appalti, in casi di alternanza tra aziende, i lavoratori siano protetti e assunti dal nuovo assegnatario. Dove possibile, inoltre, sarebbe opportuno che si proteggano, a parità di condizioni, le aziende storiche dell’area turritana. Bisogna far ripartire il confronto fra l’Eni e tutti i soggetti istituzionali – sostiene il sindaco – come prevede l’addendum, ma introducendo un nuovo livello di controllo, che deve essere esclusivamente comunale. Per questo chiediamo che al tavolo locale partecipino l’azienda, le organizzazioni datoriali e l’Amministrazione Comunale».

Nella foto: Il sindaco di Porto Torres Beniamino Scarpa
Commenti
19:45 video
Differente la situazione sulla riscossione coattiva che sarà affidata a ditte esterne per ragioni di «efficienza ed economicità». Le immagini integrali della seduta di consiglio comunale di giovedì ad Alghero
28/7/2016
L'Aula di Alghero è chiamata a discutere la delibera illustrata nei giorni scorsi in commissione in cui si propone l'esternalizzazione della riscossione coattiva dei tributi comunali. La forte reazione dell'amministratore unico che difende l'operato della partecipata in una lettera inviata ai consiglieri a poche ore dalla seduta. E' la definitiva rottura
13:12
La delibera è stata respinta con tredici voti contrari (quelli della Minoranza, ai quali si sono aggiunti quelli di Mariangela Massenti, Giampaolo Lilliu, Stefano Mureddu e Marco Piras) e dodici a favore (i consiglieri di Maggioranza)
© 2000-2016 Mediatica sas