Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresSpettacoloCinema › Sul set con Sergio Rubini all´Asinara | Foto
Giuliana Portas 1 agosto 2014
Una giornata all´Asinara con gli attori e il regista del film “La stoffa dei sogni” ispirato a Edoardo De Filippo, girato interamente nell’isola con Sergio Rubini ed Ennio Fantastichini come protagonisti
Sul set con Sergio Rubini all´Asinara | Foto


PORTO TORRES – “La stoffa dei sogni” é il nuovo film del regista sardo Gianfranco Cabiddu, ambientato interamente nell'isola de L’Asinara e liberamente ispirato a "L'arte della commedia" di Eduardo e alla sua traduzione della "Tempesta" di Shakespeare. «É un film nato per essere girato a L’Asinara, – spiega il regista – volevo raccontare questa storia già dal 1999, quando ho fatto il mio primo giro sull’isola». La trama racconta di una nave con a bordo una modesta compagnia di teatranti e alcuni pericolosi camorristi, che naufraga sulle coste di un’isola. Non un'isola qualunque, ma L'Asinara, isola - carcere in mezzo al Mediterraneo, dove diventa difficile distinguere gli attori dai criminali. Attraverso le picaresche avventure dei naufraghi, si dipanano il tema profondo della necessità dell'arte nella vita dell'uomo e quello universale della colpa, del riscatto e del perdono.

«Rappresenta un’epoca di passaggio, nel dopoguerra, dove ancora era possibile sognare, con quattro catinelle e assi di cartapesta, l’epoca della speranza – aggiunge Cabiddu – vissuta nell’isola attraverso la solitudine totale che rende il gesto di pacificazione più reale anche al giorno d’oggi». Il regista, i produttori e gli attori, incontrati sul set durante gli ultimi giorni di riprese a L’Asinara, sottolineano l’atmosfera e l’importanza dello stare tutti insieme per un mese intero in un luogo così particolare e unico e di averne tratto beneficio, nelle strette relazioni instaurate legate al reale isolamento vissuto nell’isola.

«Dai primi momenti vissuti insieme con gli altri attori - racconta Ennio Fantastichini – ci siamo resi conto che l’isolamento e la magia dell’isola ci ha permesso di tornare a sognare. Inizialmente incubi legati al forte impatto con l’ambiente circostante, per poi trasformarsi in risvegli con un piacevole ricordo dei sogni notturni. Sogni “agghiaccianti” che ti smuovono qualcosa dentro e arrivano dall’energia che quest’isola trasmette e da un impatto con la natura che è anche il telaio narrativo fortissimo del film». Durante le interviste realizzate con i diversi attori del film, tra i quali, oltre a Ennio Fantastichini e Sergio Rubini, nel cast con Gaia Bellugi, Teresa Saponangelo, Renato Carpentieri, Francesco di Leva e Ciro Petrone e la partecipazione di Luca De Filippo, si avvertono le geometrie e le complicità personali che si sono create. Lo conferma anche Sergio Rubini, che si dice orgoglioso di aver preso parte a quest’avventura e sostiene che, come non mai, a L’Asinara e in Sardegna, con il cinema e la cultura si può fare business: «In questo film il teatro con la sua finzione è servito per svelare la realtà: è un luogo indimenticabile».

Dichiarano invece i produttori Isabella Cocuzza e Arturo Paglia per Paco Cinematografica: «Quando Gianfranco Cabiddu ci ha raccontato il suo progetto abbiamo immediatamente percepito il senso di necessità che lo ispirava e siamo felici di aver intrapreso con lui quest'avventura. Oggi ci vuole coraggio per girare e produrre un film, ma questo coraggio è arrivato dal copione e dalla disponibilità degli attori».
Il film ha avuto il supporto della Regione Autonoma della Sardegna e della Sardegna Film Commission in associazione con Videoprogetti ed è stato riconosciuto d'interesse culturale nazionale dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo.

[Foto Valeria Verona]: il regista Cabiddu con Sergio Rubini durante le riprese del film
Commenti

19/7/2016
Il viaggio dei cinenauti di “Cinema delle terre del mare” inizierà mercoledì 27 luglio alle 20 in piazza della Juharia con Passo dopo passo, messinscena della compagnia Theatre en vol di Sassari, per la regia di Michéle Kramers e la scenografia di Puccio Savioli
© 2000-2016 Mediatica sas