Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresCronacaUniversità › Porto Torres: Assovela ricorda Gabriella Mondardini
M. P. 20 agosto 2014
Si sono svolti ieri i funerali della professoressa Gabriella Mondardini Morelli, nella chiesa di Cristo Risorto, salutata dal mondo delle associazioni, dalle istituzioni e dall’Università
Porto Torres: Assovela ricorda Gabriella Mondardini


PORTO TORRES - Si sono svolti ieri i funerali della professoressa Gabriella Mondardini Morelli, nella chiesa di Cristo Risorto, salutata dal mondo delle associazioni, dalle istituzioni e dall’Università. Aveva 73 anni, insegnava Antropologia culturale nella facoltà di Lettere e Filosofia di Sassari, dove coordinava il laboratorio di Antropologia culturale e sociale. Nei suoi libri il riferimento privilegiato per il mare e le tradizioni locali, quelle dei pescatori e delle loro imbarcazioni. La ricerca e lo studio sulle società marinare gli ha permesso di pubblicare numerosi saggi (Spazio e tempo nella cultura dei pescatori 1988, La cultura del mare 1990, I figli di Glaukos 1995, Gente di mare in Sardegna, 1997).

La sua passione per tutto ciò che è la vita del mare l’ avvicina all’associazione Vela latina di Porto Torres, fino a farne parte integrante nel 2003, e per otto anni offre il suo prezioso contributo e le sue conoscenze per scoprire nuovi “tesori marini”, che non nasconde gelosamente ma le enormità di cose e le numerose storie raccolte le elabora e le rivela generosamente alle nuove generazioni. « Quanto ha fatto per la nostra associazione non potrà mai essere dimenticato. Il suo amore per le barche, per il mare, per i pescatori era immenso» ha dichiarato Lorenzo Nuvoli segretario di Assovela.

In tanti ad augurarsi che il suo lavoro e i sui studi non vadano dispersi, lei per prima che amava regalare i suoi libri dove si raccontano le tradizioni e le manifestazioni rievocative storico-marinare. Di fronte ad eventi come la Regata del pescatore ripeteva sempre ai soci Assovela, «voi non avete idea di ciò che avete fatto. State facendo riemergere gli antichi saperi, la cultura e la tradizione marinara». Teneva a distinguere i terricoli dai marinai; i primi si muovono agevolmente nel loro ambiente naturale, i secondi necessariamente più astuti per sopravvivere ai pericoli del mare, e obbligati a dotarsi di uno strumento, un’imbarcazione per muoversi e di abilità per affrontare le difficoltà che nasconde il mare.

La sua curiosità sulle barche è divenuta col tempo passione per la vela e insieme fenomeno da studiare, si divertiva infatti ad intervistare i pescatori allo scopo di attingere dalla loro memoria i saperi, le abilità e l’ingegnosità patrimonio della loro vita e del loro mestiere, quello antico di una città di mare come Porto Torres, così come lei amava definire, e per questo la adorava. «Uomo, barca ed evoluzione cosi si svolgevano i suoi studi antropologi che andavano oltre le nostre idee», ricorda Nuvoli. Aveva scoperto il segreto del garbo attraverso il quale si costruivano le barche, un’antica tradizione trasmessa da Pasqualino Polese, maestro d’ascia che conserva ancora il segreto. I garbi sono impiegati per tracciare gran parte delle ordinate dello scafo delle imbarcazioni. Reperti affascinanti nascosti e mai rivelati dai pescatori, sistemi con cui si progettava la costruzione di un’imbarcazione. Eppure con la sua “avidità” di conoscere il mare e la gente di mare aveva conquistato la fiducia dei vecchi costruttori di barche che riconobbero le sue capacità di studiosa, capace di mettere in discussione non solo i soggetti della ricerca ma anche la sua posizione di ricercatrice, come una vera e unica antropologa di mare, quale era Gabriella Mondardini.
Commenti
14:00
Anche a Sassari il 30 settembre è la Notte Europea dei Ricercatori. Oltre 300 città coinvolte, più di 350 eventi
14:42
Giacomo Rizzolatti, Gian Luigi Gessa e Kokichi Sugihara inaugurano il nuovo corso Uniss in Scienze e tecniche psicologiche dei processi cognitivi
14:35
Sottoposto a regime di detenzione nel carcere di Uta, che giovedì mattina taglierà il traguardo della laurea in Ingegneria civile, discutendo alle 12 la sua tesi con la prof.ssa Alessandra Carucci
26/9/2016
Classe 1982, è il primo studente dell’Università di Cagliari ad aver conseguito la laurea al termine di un corso di laurea blended e-learning
20:00
L’evento rientra nell’ambito della Settimana della scienza. Atenei e centri di ricerca presentano le proprie attività per contribuire alla crescita del tessuto produttivo, sociale e culturale
© 2000-2016 Mediatica sas