Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaAmbiente › Porto Torres: Ok al Regolamento rifiuti, opposizione si astiene
Mariangela Pala 24 settembre 2014
Approvato, non senza polemiche, dal Consiglio comunale nella seduta odierna, il “Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati, igiene urbana e ambientale”
Porto Torres: Ok al Regolamento rifiuti, opposizione si astiene


PORTO TORRES - Approvato, non senza polemiche, dal Consiglio comunale nella seduta odierna, il “Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati, igiene urbana e ambientale” che rappresenta il documento con cui l’Amministrazione comunale definisce gli standard di servizio che intende garantire ai cittadini, fissando le regole per la corretta gestione del servizio di igiene urbana. Nove i voti favorevoli espressi dalla maggioranza contro i cinque astenuti della minoranza, che hanno permesso l’approvazione di un Regolamento, che costituisce la premessa per avviare le procedure per una nuova gara d’appalto del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Aggiornato al contesto normativo regionale, il Regolamento ha la finalità di una corretta gestione dei rifiuti urbani, intesa come insieme di azioni di raccolta, trasporto, recupero e smaltimento, e il controllo delle procedure per il decoro urbano e l'igiene ambientale. Proprio su quest’ultimo aspetto, si è aperta la discussione in consiglio, in relazione all’educare, controllare, correggere e sanzionare cittadini e aziende rispetto ai corretti comportamenti nella raccolta e nel conferimento dei rifiuti. «Ci tengo a sottolineare che credo sia democraticamente dovuto informare la cittadinanza su quanto succede durante le commissioni e cosa comporta da un punto di vista politico una modifica del Regolamento rifiuti, – interviene il consigliere Toni Chessa – infatti attraverso i Regolamenti si incide sui capitolati speciali d’appalto così come è importante che sia i regolamenti come gli appalti vengano rispettati, e a Porto Torres non succede né l’uno né l’altro».

Il consigliere Chessa fa riferimento alle accuse fategli da qualche esponente della maggioranza, circa una sua esternazione sulla gestione dell’appalto dei rifiuti urbani, apparsa sulla stampa. Il nuovo Regolamento stabilisce, inoltre, le sanzioni amministrative per violazioni delle disposizioni regolamentari in materia di abbandono o scorretto conferimento dei rifiuti, con l’obiettivo di intervenire sui troppi casi di degrado ambientale che si verificano in tutto il territorio cittadino. «La città è sporca perché i capitolati non vengono messi in pratica e perchè vi è quasi totale assenza di sanzioni – aggiunge Chessa – tutto questo induce il cittadino a non ottemperare al pagamento delle sanzioni, poiché le stesse non vengono applicate ai gestori inadempienti».

Dubbi anche sulla efficacia delle isole ecologiche, previste dal Regolamento sui rifiuti per le attività commerciali, da dislocare nei diversi punti del centro cittadino. I dati, secondo Chessa confermerebbero che il passaggio da un sistema di raccolta di tipo spinto ad uno di tipo misto, diminuirebbe le percentuali di raccolta differenziata, perché si correrebbe il rischio di inquinare il rifiuto all’interno delle stesse isole ecologiche, con la probabilità di generare le discariche abusive, difficilmente controllabili con qualsiasi sistema di gestione e di verifica degli stessi, come le telecamere. L’intervento del consigliere Pietro Madeddu è diretto a diffendere il capitolato d’appalto dei rifiuti urbani gestito dalla Ciclat , «il regolamento è stato varato per dare risposte positive, e con una tariffa sulla nettezza urbana inferiore rispetto ad altri paesi. Dobbiamo vigilare per far rispettare i regolamenti, ma spesso non esiste in questa città un senso civico. Per quanto riguarda la società che gestisce il servizio devo sottolineare che noi siamo riusciti ad ottener dei servizi aggiuntivi con un rapporto qualità prezzo che ha permesso di rendere il servizio, il più efficiente della Sardegna».

Interviene inoltre a ribadire che nel centro ecologico si permette di conferire sia ai cittadini che ai commercianti, «dobbiamo far funzionare ciò che già funziona bene. E migliorare ciò che non è efficiente», conclude Madeddu. Sulle sanzioni, l’assessore all’ambiente Gavino Gaspa precisa che il Regolamento è stato modificato per aggiornare il sistema della sanzioni e renderle più restrittive per i cittadini, mentre per quanto riguarda le isole ecologiche la funzione, secondo Gaspa, è quella di rendere più decoroso il centro cittadino eliminando i bidoni che spesso creano disagio ai cittadini residenti nella zona.
Commenti
14:44
Lunedì 10 ottobre alle 11 i responsabili della Syndial, la società incaricata ad attuare le bonifiche nell’area industriale di Porto Torres, presenterà al pubblico presso il Museo del Porto lo studio di impatto ambientale e il relativo Progetto Nuraghe fase 1 “Realizzazione di una piattaforma polifunzionale e di un sito di raccolta” da realizzarsi nella zona industriale di “La Marinella”
19:24
Spazzatura di ogni genere abbandonata nello spazio tra la recinzione e il muro che delimita l’area dove sono state riprese le lavorazioni necessarie a completare l’opera avviata dalla società appaltatrice Lakit Srl
17:01
Una pianificazione degli ecocentri a livello regionale per scongiurare un impatto negativo degli impianti sull’ambiente e sulla popolazione. A sollecitare un provvedimento il consigliere regionale Edoardo Tocco (FI)
28/9/2016
Gli addetti dell´azienda che gestisce il servizio di igiene urbana, intervenuta su richiesta dell´amministrazione comunale ha effettuata una vasta pulizia nei vari terreni e cunette dove stati rimossi quintali di spazzatura tra oggetti di plastica, lattine, materiali della frazione indifferenziata, rifiuti ingombranti con gli scheletri arrugginiti di qualche elettrodomestico
28/9/2016
Lo ha affermato l’assessore della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano, commentando l’esito della riunione di ieri della Commissione Ambiente ed Energia della Conferenza delle Regioni
28/9/2016
"CircOliamo", la campagna educativa itinerante di sensibilizzazione sul corretto smaltimento dei lubrificanti, ha fatto tappa a Sassari, in piazza d´Italia
18:48
«Ben venga la riforma delle agenzie ed il lavoro in rete», ha dichiarato nell´occasione l´assessore regionale dell´Ambiente
27/9/2016
Il dato emerge nella tappa a Olbia di CircOLIamo, la campagna educativa itinerante organizzata dal Consorzio obbligatorio degli oli usati con il patrocinio del ministero dell´Ambiente, Anci e Regione Sardegna
29/8/2016
Mercoledì 31 agosto resterà chiuso sino alle ore 14. I tecnici del Comune di Sassari eseguiranno il trattamento fitosanitario
© 2000-2016 Mediatica sas