Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresEconomiaAmbiente › Provincia a Eni: «vertice su occupazione a Porto Torres»
M. P. 9 ottobre 2014
La Provincia chiede ad Eni la convocazione di un vertice per fare il punto sul percorso avviato nel polo industriale di Porto Torres e affrontare le questioni legate all’ambiente e all’occupazione
Provincia a Eni: «vertice su occupazione a Porto Torres»


PORTO TORRES - La Provincia chiede ad Eni la convocazione di un vertice per fare il punto sul percorso avviato nel polo industriale di Porto Torres con l’avvio del progetto di Matrìca e affrontare in particolare le questioni legate all’ambiente e all’occupazione. All’orizzonte la positiva prospettiva legata al nuovo contratto da 71 milioni di euro aggiudicatosi il gruppo Astaldi (al 48,55%), per la bonifica dell'area industriale di Porto Torres, di cui è committente Syndial, società del gruppo Eni. L'appalto include la progettazione e la realizzazione dei lavori di bonifica integrata e messa in sicurezza permanente di tre siti inquinati da residui di processi industriali, per una superficie totale di intervento pari a circa 350mila metri quadrati.

«Subito un incontro con tutti i rappresentanti delle società della “galassia Eni”, per capire come sta procedendo il percorso avviato a Porto Torres con l’insediamento di Matrìca e per conoscere nel dettaglio le prossime evoluzioni dei progetti connessi, dai quali il territorio attende un importante cambio di passo sul piano ambientale, produttivo e occupazionale». Lo chiedono il presidente della Provincia di Sassari, Alessandra Giudici, l’assessore provinciale dell’Ambiente, Paolo Denegri, e l’assessore provinciale del Lavoro, Rosario Musmeci. Già due settimane fa Alessandra Giudici aveva scritto ai vertici Eni, Versalis, Matrìca ed Enipower per manifestare «l’opportunità e l’urgenza di promuovere un incontro per una dettagliata analisi sulla situazione del sito industriale di Porto Torres».

La nuova richiesta viene resa pubblica con la speranza che anche gli altri attori istituzionali, economici e sociali coinvolti a vario titolo nel dibattito vogliano farsi promotori delle stesse istanze che arrivano dal territorio. «Ci rivolgiamo ancora a Eni alla luce della necessità emersa di conoscere nel dettaglio ogni più recente sviluppo delle attività in atto – dicono il presidente e i due assessori – sulle quali il territorio ha bisogno di essere informato, per poter esprimere il proprio decisivo parere e scongiurare il rischio che una partita così importante possa non produrre i risultati sperati».

Al di là delle questioni legate ai progetti per le bonifiche, «che sono stati presentati nei giorni scorsi e che meritano sicuramente un approfondimento a parte», spiega Alessandra Giudici, la Provincia chiede di essere aggiornata sul percorso relativo al progetto di Enipower per la centrale a biomasse, ma anche sull’attività dei cantieri e sull’attuazione del programma di Matrìca. Per Alessandra Giudici, Paolo Denegri e Rosario Musmeci, «l’oggetto centrale delle nostre attenzioni, per cui l’incontro si fa straordinariamente urgente, è legato all’obiettivo di garantire la continuità occupazionale delle maestranze coinvolte nelle attività dirette e dell’indotto nell’area di crisi, compresa la valutazione delle modalità e delle procedure adottate per individuare le imprese coinvolte nelle attività fase di avvio, dalle bonifiche ai nuovi interventi infrastrutturali».
Commenti
14:41
«Noi del circolo Pd di Porto Torres chiediamo all´amministrazione maggiore attenzione alle segnalazioni che i cittadini quotidianamente fanno attraverso i partiti o personalmente sui social, per denunciare i tanti problemi presenti nel nostro territorio comunale»
21/4/2018
I carabinieri della compagnia di Porto Torres guidati dal capitano Romolo Mastrolia in collaborazione con i militari dei Noe - Nucleo operativo ecologico - hanno denunciato un portotorrese e due cittadini rom per abbandono di rifiuti pericolosi all’interno del campo nomadi
21/4/2018
Atto storico del Comune di Alghero che tenta di chiudere una vergogna aperta pluridecennale, con insediamenti abusivi sulla costa di Porto Conte. Nonostante la prescrizione nel processo, rimane la lottizzazione senza autorizzazione e il dirigente pubblica l´atto con cui vengono annesse al patrimonio pubblico le 133 piazzole
21/4/2018
«Il Wwf, vista l’ordinanza d’ingiunzione pubblicata nell’albo Pretorio del Comune di Alghero, plaude all’azione intrapresa dal dirigente del settore Demanio del Comune di Alghero Guido Calzia che mira ad acquisire al patrimonio comunale l’area di Sant’Imbenia nel Comune di Alghero», dichiara il delegato Wwf per la Sardegna Carmelo Spada
20/4/2018
A Parigi il percorso individuato è il riconoscimento del corallo come patrimonio dell’umanità. Dopo Alghero, anche la cittadina in provincia di Napoli ha proposto la candidatura della lavorazione artigianale del corallo e del cammeo di Torre del Greco a patrimonio immateriale dell´Umanità Unesco”
© 2000-2018 Mediatica sas