Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaAmministrazione › Porto Torres: Sulla mozione portualità interviene Syndial
M. P. 10 ottobre 2014
Disponibilità al confronto con le istituzioni da parte di Syndial, in riferimento alla mozione sulla portualità industriale approvata in consiglio comunale, sulle ridelimitazioni delle concessioni demaniali portuali in seno a Eni
Porto Torres: Sulla mozione portualità interviene Syndial


PORTO TORRES - Disponibilità al confronto con le istituzioni da parte di Syndial che, in riferimento alla mozione sulla portualità industriale presentata in consiglio comunale da alcuni consiglieri comunali, comunica che il pontile Secchi non è strategico per il proprio business e che la società ha già predisposto un piano di decommissioning dell’asset, di cui si prevede la demolizione tra il 2015 e 2016, con l’auspicio della definizione del percorso entro il primo semestre 2015. In realtà la mozione sulla portualità (primo firmatario Massimo Piras), discussa e modificata secondo le indicazioni della conferenza dei capigruppo, e approvata all’unanimità dal Consiglio comunale, si riferisce anche alle aree retroportuali, «che debbono essere cedute secondo delle regole che rendano vantaggioso l'insediamento di nuove intraprese interessate allo sfruttamento delle utilities esistenti», precisa Piras.

Oggetto della mozione è proprio la ridelimitazione delle concessioni demaniali portuali in seno ad Eni con la liberazione delle infrastrutture non utilizzate affinché queste possano essere immediatamente messe a reddito con la ricerca di nuovi operatori mondiali pronti ad occupare le aree logistiche di interesse strategico del porto di Porto Torres. Nella mozione la richiesta al sindaco di farsi promotore dell’ incontro tra il Consiglio Comunale di Porto Torres, la Regione Autonoma della Sardegna, la Camera di Commercio del Nord Sardegna, Confindustria, la Provincia ed i Sindaci dell' Area Vasta del Nord Ovest Sardegna.

«Partendo dal presupposto essenziale secondo cui il porto di Porto Torres è un porto nazionale di interesse sovraterritoriale, - sottolinea Piras - non è più procrastinabile l'attivazione di un tavolo dei trasporti che si occupi sia dell'implementazione dei collegamenti con la penisola ed i paesi europei sfruttando il progetto Optimed, sia dell'individuazione di un nuovo soggetto, privato o misto pubblico/privato, che si sostituisca ad Eni per la gestione delle infrastrutture esistenti dichiarate dalla stessa multinazionale non più asset prioritari». Altre priorità per il rilancio della portualità, rilevate nella mozione: la rigassificazione e la zona franca doganale.
Commenti
13:41
Entro le ore 12 di mercoledì 25 ottobre i cittadini che hanno aderito al progetto del fotovoltaico dovranno presentare anche il proprio Isee al Comune di Porto Torres
17/10/2017
E’ in programma venerdì 20 ottobre la seduta del consiglio comunale che a partire dalle 9.30 affronterà la proposta “Solleciti al Consiglio della Regione Autonoma della Sardegna nel reimpiego dei lavoratori ex Ati Ifras" a firma del capogruppo 5 Stelle, Gavino Bigella
16/10/2017 video
Impegno mantenuto dal sindaco di Alghero per ricreare un quadro amministrativo stabile, col coinvolgimento attivo del Partito democratico. Entro il 5 novembre la decisione definitiva. Poche le alternative in città e nessun progetto autorevole all´orizzonte tra le opposizioni di destra
16/10/2017
Il coordinamento politico di Sardenya i Llibertat esce allo scoperto e risponde presente all´appello del Primo cittadino di Alghero e del capogruppo Dem in Consiglio comunale e si dice pronto ad aderire con convinzione al tavolo del Centrosinistra. Di seguito il documento integrale
16/10/2017
Venerdì, il sindaco di Sassari ha coordinato il seminario “Il ruolo delle Città medie per la costruzione dell’Agenda urbana nazionale”. L’incontro si è svolto durante la 34esima Assemblea nazionale Anci
16/10/2017
Alghero, negli ultimi quindici anni soprattutto, è sempre stata terra di laboratori politici. Con alcuni "casi" difficilmente eguagliabili: era il 2002 e l´allora neo-eletto sindaco rassegnò le dimissioni dopo tre mesi dal mandato. Tutte le tappe dal 2002 al 2017
© 2000-2017 Mediatica sas