Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaEconomia › Lai, Pd: «Dove sono finiti gli investimenti E.On?»
M. P. 17 ottobre 2014
Investimenti promessi, 100 milioni di euro, e mai realizzati, bonifiche e appalti che penalizzano le imprese sarde. Interrogazione di un gruppo di senatori del Pd al Ministro dello Sviluppo Economico sulla società tedesca che opera a Fiumesanto
Lai, Pd: «Dove sono finiti gli investimenti E.On?»


PORTO TORRES - Un anno fa un comunicato congiunto del Mise e dell’allora assessore regionale all’industria Antonello Liori annunciava con grande enfasi il piano di investimenti di E.On a Fiumesanto. Cento milioni di euro per l’adeguamento dei gruppi 3 e 4 e per la dismissione dei gruppi 1 e 2. A distanza di un anno di quell’investimento non c’è traccia. Dell’argomento si occupano in un’interrogazione inviata al Ministro dello sviluppo economico, i senatori del Partito democratico Silvio Lai, Giuseppe Luigi Cucca, Ignazio Angioni e Luigi Manconi, dal capogruppo del Pd in commissione ambiente Massimo Caleo e dal capogruppo Pd in commissione industria Salvatore Tomaselli.

«Alla notizia di quello che veniva considerato un piano di investimenti in pochi avevano esultato», - afferma il primo firmatario Silvio Lai. «Le perplessità erano legate prima di tutto al fatto che all’incontro al Mise tra regione ministero e l’amministratore delegato di E.On Miguel Antonanzas non furono invitate e coinvolte le istituzioni locali e i rappresentanti sindacali», si legge nell'interrogazione, in cui si sottolinea che venivano spacciati per investimenti quelli che in realtà erano adeguamenti, peraltro obbligati per legge. «La nostra preoccupazione e le nostre perplessità oggi sono ancora maggiori perché non si hanno notizie di quei 100 milioni di euro di interventi nella centrale. E quel che è peggio, - prosegue Lai -, è che sta venendo fuori un quadro preoccupante sulla situazione di inquinamento ambientale nei terreni sottostanti i gruppi 1 e 2. Per questo motivo insieme ai colleghi Cucca, Manconi, Angioni, Caleo e Tomaselli abbiamo deciso di interrogare urgentemente il Ministro dello sviluppo economico».

I senatori del Pd choedono risposte precise riguardo alle promesse e agli accordi che l’amministratore delegato di E.On ha annunciato proprio nella sede ufficiale del ministero. Pare, inoltre, che la società tedesca anche nell’affidamento degli appalti stia procedendo con modalità che penalizzano in modo grave le imprese sarde. Queste ultime si trovano ad essere scavalcate nell’affidamento da società della penisola per poi doversi accontentare di ottenere subappalti che non consentono di ottenere un adeguato guadagno per i lavori svolti. E infine, un ultimo aspetto preso in considerazione dall’interrogazione riguarda la realizzazione del quinto gruppo a carbone. Sembra infatti che E.On abbia presentato un piano stralcio compatibile con il progetto di bonifica. «Questo consentirebbe di non vincolare l’avvio dei lavori per il nuovo gruppo all’intera bonifica del sito di Fiumesanto», si legge nel documento. Tale piano però non avrebbe ancora ottenuto il via libera da parte del ministero dell’ambiente. «Ci auguriamo, - conclude Lai - anche a nome dei colleghi senatori, che dal Ministro arrivino non solo risposte ma anche interventi decisi nei confronti di E.On».
Commenti
18:01
Un fatturato di 1 milione e 560mila euro e 31 dipendenti. Sono i numeri scritti sul bilancio consuntivo del 2015 approvato dall´assemblea della società in house Multiservizi Porto Torres
23/5/2016
«Per quanto riguarda la situazione di Porto Torres – ha detto - abbiamo rendicontato ciò che stiamo facendo sulla Chimica verde, in cui crediamo moltissimo come volano di sviluppo per il territorio»
25/5/2016
Per l´amministrazione regionale starebbero facendo resistenza alla rinegoziazione degli interessi sui mutui agevolati, previsti dalla legge del 1985. La rabbia dell´assessore Maninchedda
24/5/2016
Due giornate di lavoro nei centri Huawei in Cina per il vicepresidente della Regione Raffaele Paci e la delegazione del CRS4. All´orizzonte un laboratorio di innovazione congiunta a Pula
© 2000-2016 Mediatica sas