Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaLavoro › Francesconi: «Sancire la tutela delle imprese turritane»
Mariangela Pala 24 ottobre 2014
Garantire la tutela delle imprese e delle maestranze del territorio. Proposta di ordine del giorno del consigliere comunale di Autonomia popolare, Davide Francesconi
Francesconi: «Sancire la tutela delle imprese turritane»


PORTO TORRES - Garantire la tutela delle imprese e delle maestranze del territorio come atto dovuto alla professionalità acquisita in decenni di alta attività industriale a Porto Torres. E’ ciò che chiede il consigliere comunale di Autonomia popolare, Davide Francesconi attraverso una proposta di ordine del giorno per promuovere l’avvio di un tavolo istituzionale con chi dovrà gestire le attività industriali inerenti le bonifiche, che, attraverso un dibattito diretto e crudo sancisca la piena tutela della manodopera locale. «E’ormai provato dai fatti e dalla cronaca di questi ultimi anni, che se non si riesce a fare quadrato attorno ad una delle più grandi emergenze occupazionali d’Italia attraverso provvedimenti di tale entità, tutti i lavori che ruotano attorno al petrolchimico ed al sito di interesse nazionale per le bonifiche, continueranno ad essere un affare unicamente per le aziende estranee al nostro territorio» sottolinea Francesconi.

In questa fase di investimenti sulle bonifiche (tra cui i 150 milioni stanziati da Syndial), con un attività poco trasparente e monca di certezze, «dove gli scippi sugli stessi “step” definitivi alla chimica verde vengono svenduti sui mercati rionali di mezza Italia,sulle bonifiche», è quanto mai opportuna «la costituzione di una atto convenzionale istituzionale con il coinvolgimento delle parti sociali (sindacati, Camera di commercio, Consorzio Industriale Provinciale e associazioni di categoria) per sottoscrivere l’accordo di tutela e salvaguardia del lavoro del nostro territorio e far sì che le imprese locali abbiano l’opportunità di partecipare allo svolgimento delle attività di bonifica», si precisa nel documento. Un’azione forte e decisa della politica locale, provinciale e regionale in un momento in cui non ci si può più permettere che imprese non locali, provenienti dal resto d’Italia, prendano il posto delle imprese turritane, paralizzate dalla crisi che travolge da anni i lavoratori e le famiglie coinvolte.

«Auspicando che l’intero asse istituzionale, - continua Francesconi - tralasciando beghe di povertà elettorale, faccia quadrato attorno ad un concetto fondamentale e vigili affinchè le comunità del nord-ovest della Sardegna non barattino il proprio futuro con qualche flebile promessa lavorativa, carente di un piano industriale con risorse economiche certe, o che addirittura abbia un ulteriore impatto ambientale negativo sul territorio». In conclusione il consigliere di Autonomia popolare chiede che venga dato seguito al presente ordine del giorno promuovendo immediatamente un’assemblea pubblica aperta con il coinvolgimento della Provincia di Sassari, dei comuni di Sassari, Porto Torres e Alghero, Consorzio Industriale Provinciale insieme alle rappresentanze sociali e di categoria per portare avanti attraverso un fronte comune con gli Enti Locali, le prerogative citate nel presente documento.
Commenti
12:51
Da martedì 4 aprile, le imprese di Alghero potranno sfruttare i finanziamenti previsti per le aree di crisi industriale non complessa, in cui il territorio è inserito. Le novità saranno illustrate lunedì mattina, in una conferenza stampa prevista nella Sala Mosaico del Museo della Città
23/3/2017
Le lavoratrici o i lavoratori possono rivolgersi alla Consigliera di Parità tutte le volte che ritengono di aver subito una discriminazione nell’accesso al lavoro, nello sviluppo professionale e di carriera e nelle condizioni di lavoro in ragione del genere. Diletta Mureddu è la supplente
22/3/2017
Dagli operai la richiesta alla Regione di interloquire con la multinazionale Indorama proprietaria della fabbrica per il rilancio della produzione di Pet
21/3/2017
Obiettivi della giunta regionale: promuovere contratti stagionali più lunghi attraverso un sistema di contributi a disposizione delle imprese del settore che impiegheranno i propri dipendenti oltre il periodo canonico dei quattro mesi di alta stagione
21/3/2017
Approvato le linee guida a cui dovrà adeguarsi Insar nella predisposizione del “Programma di accompagnamento all’esodo”. La dotazione finanziaria è di 6,7 milioni
© 2000-2017 Mediatica sas