Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaEconomia › Porto Torres, Lai: «Una Governance per accelerare le bonifiche»
M. P. 7 novembre 2014
Eni conferma gli investimenti sulla chimica verde. Nei prossimi giorni una conferenza di servizi al Ministero del´Ambiente per conoscere il contenuto del progetto Astaldi e i tempi delle bonifiche nel territorio di Porto Torres.
Porto Torres, Lai: «Una Governance per accelerare le bonifiche»


PORTO TORRES - Conferma o meno degli investimenti in Sardegna e a Porto Torres; la questione bonifiche e il rapporto tra il colosso Eni e il territorio, queste le domande che il senatore Silvio Lai ha posto all’amministratore delegato Eni, Claudio Descalzi in occasione dell’audizione tenuta dalla commissione industria del senato, in cui la multinazionale conferma gli impegni sulla chimica verde e garantisce trasparenza e velocità sulle bonifiche. «E’ indubbio che siamo di fronte ad un forte cambiamento nella leadership del modello di gestione industriale che Eni sta portando avanti, in cui è coinvolto il territorio di Porto Torres e della Sardegna tutta», ha dichiarato il Senatore Silvio Lai, nella sede del Partito democratico a Porto Torres, dove ha relazionato sull’incontro avvenuto con Eni. Presenti, nella sezione cittadina, il segretario provinciale Giampiero Cordedda, il segretario cittadino Pinuccio Vacca, il consigliere comunale Luciano Mura, i membri della segretaria, Antonello Cabitta e Antonio Carta. Lai, ha chiesto conferma delle voci di un disimpegno di Eni sulla chimica verde rispetto agli impegni presi a Porto Torres. Descalzi ha confermato che l'impegno sulla chimica verde in Italia prosegue, con la raffineria verde a porto Marghera e la proposta di una seconda raffineria dedicata al bio Diesel in Sicilia a Gela e, ricordando gli oltre 380 brevetti in possesso di Eni sull'argomento ha confermato il percorso stabilito a Porto Torres, prendendo impegni per una verifica puntuale con le istituzioni locali.

Riguardo la scarsa qualità dei rapporti con le comunità locali in Italia, sollecitato dalle osservazioni di Silvio Lai che ha rammentato la positiva cultura del dialogo dell'Eni, di Mattei, Descalzi ha detto esplicitamente che «se non si riesce ad avere un rapporto chiaro, un contatto partecipativo non solo con le istituzioni ma con le comunità nel loro insieme, la responsabilità é nostra e non basta avere una legge e rispettarla». Il senatore Lai ha pertanto invitato l’ad Descalzi a recarsi in Sardegna per rendersi conto della reale qualità dei rapporti con la popolazione e le istituzioni locali e per effettuare una verifica sul campo dello stato dell'arte delle bonifiche. Su questo tema, Lai ha segnalato come le istituzioni locali siano all'oscuro del progetto assegnato all’ azienda Astaldi che ha vinto la selezione promossa da Syndial oltre un anno e mezzo fa e della metodologia proposta, tenuto conto che si parla di interventi di tombamento, senz’altro meno onerosi ma anche limitativi degli utilizzi futuri del sito.

Inoltre resta del tutto oscuro in che tempi saranno completate le bonifiche e che fine faranno i terreni una volta completata la procedura. Descalzi, rispondendo alle domande ha affermato che la procedura di selezione deve essere necessariamente trasparente perché si tratta di gare ad evidenza pubblica secondo la legislazione europea, ed ha garantito che ogni dato sarà comunicato al Parlamento e che al completamento della procedura, che sarà il più rapido possibile, i terreni saranno restituiti alla comunità locale, comune o regione. Su questo punto è intervenuto il responsabile per Eni Salvatore Sardo, comunicando che alla procedura sono state invitate 25 aziende tra le quali sono state selezionate 3 per i progetti specifici. Il progetto che ha vinto é assolutamente innovativo e prevede la bonifica dei terreni nel territorio. La procedura è nelle mani del ministero dell'ambiente che deve convocare una conferenza di servizi, nella quale saranno rese note le procedure di bonifica proposte e sarà possibile verificarne la correttezza e l'efficacia. Ha inoltre sostenuto che su 1500 ettari in totale 1400 sono già disponibili, mentre ne restano 100 da bonificare e ha comunicato che sino ad ora sono stati spesi per la bonifica 170 milioni di euro nel sito di Porto Torres.

Informazioni non condivise da Lai che ha affermato di essere in possesso di dati differenti. Descalzi a questo punto ha assunto l'impegno di verificare i dati e di inviare una risposta scritta sul tema. Silvio Lai a margine dell'audizione ha detto «Pare vi sia un segnale nuovo, come la volontà di interloquire con il territorio in maniera differente, alla Mattei, anche in Italia. Sopratutto mi aspetto che gli impegni sulle risposte formali e scritte in merito alle domande fatte in commissione, sulle quali ho scritto al presidente Mucchetti, arrivino corredati di dati chiari e specifici su investimenti previsti o proposte alternative per la chimica verde, sul progetto che ha vinto la prima parte delle bonifiche e sui tempi previsti per la restante parte di bonifiche mancanti».

«Per quanto riguarda Porto Torres, - ha concluso Silvio Lai - la novità é data dall'impegno specifico della conferenza di servizi al ministero dell'Ambiente che deve essere la sede nella quale si chiarisce il contenuto del progetto Astaldi e i tempi delle bonifiche nel territorio turritano. In quella sede la Sardegna deve parlare una sola voce, autorevole e con le idee chiare, ma il mio pensiero é che essa vada preceduta da un incontro tra Pigliaru e Descalzi per chiarire gli impegni a medio termine presi e che riguardano Porto Torres, come negli altri siti del sud della Sardegna su cui è impegnata Eni, perché non possono continuare ad essere in questo stato». Il senatore Lai ha infine sottolineato come Eni sia sempre pronta sotto il profilo tecnologico e delle autorità, mentre le competenze delle istituzioni confliggono tra di loro (Ministero, Regione Provincia), pertanto è necessario che via sia un unico e nuovo Ente che abbia le funzioni specifiche per gestire il territorio, che ricade nel Sito di interesse nazionale. Una sfida che prenda in considerazione una nuova governance, molto più semplice e veloce che si occupi del controllo, della verifica e della manutenzione delle bonifiche, garantendone la celerità.
Commenti
28/6/2016
Il film termoretraibile è un´etichetta ideale per confezionare qualsiasi tipo di merce da imballare: garantisce stabilità dai piccoli ai grossi imballi. Il collaudo è avvenuto giovedì scorso nella zona industriale presso la sede della società Turris Sleeve presieduta da Gianluca Tanda
28/6/2016
È stata prorogata al prossimo 7 luglio la scadenza dei termini del bando per partecipare al Forum dell’ICT in programma a ottobre, a Cagliari
29/6/2016
L´obiettivo è individuare soluzioni e metodologie utili ad innescare un percorso di sviluppo sostenibile e duraturo
© 2000-2016 Mediatica sas