Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresAmbienteAmbiente › «Primo no agli speculatori del mar di Sardegna»
D.C. 12 novembre 2014
Pericolo scampato, almeno per ora, dai cetacei e dai mammiferi del mare, che stando a quanto spiegato dal Grig, sarebbero stati minacciati dagli spari d'aria compressa previsti dal progetto Schlumberger Italiana Spa, bocciato dalla Commissione Via-Vas, ma non ancora definitivamente respinto
«Primo no agli speculatori del mar di Sardegna»


STINTINO - L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus guarda con grande soddisfazione al risultato positivo del procedimento di valutazione di impatto ambientale, conclusosi il 7 novembre con il parere negativo della Commissione Via-Vas del Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare nei confronti del progetto di indagine geofisica "2D" in una vastissima area del Mar di Sardegna, presentato dalla società di ricerche petrolifere "Schlumberger Italiana Spa". Infatti, il Grlg, il 24 giugno aveva inoltrato un atto di intervento nel procedimento di Via, coinvolgendo Ministero, il Servizio valutazione impatti della Regione autonoma della Sardegna, il Parco nazionale dell’Asinara, il Parco naturale regionale di Porto Conte, l’Area marina protetta del Sinis–Mal di Ventre, tutti i Comuni rivieraschi (Alghero, Bosa, Cuglieri, Magomadas, Narbolia, Porto Torres, San Vero Milis, Sassari, Stintino, Tresnuraghes, Villanova Monteleone) ed infine i comitati e cittadini.

Quindi, sebbene in realtà il procedimento non sia ancora completamente concluso, il Grlg, a fronte di 377 atti di intervento, ha motivo di pensare che la Commissione Via/Vas ne sarà influenzata al punto da negare la compatibilità del progetto ambientale. Comunque, per ora «gli speculatori dell’energia» sono stati respinti dal centro del Mediterraneo e precisamente da quasi 21mila chilometri quadrati, contigui al ben noto “Santuario Pelagos” (il Santuario per i Mammiferi marini), istituito come area marina protetta di interesse internazionale e area specialmente protetta di interesse mediterraneo, in base all’Accordo internazionale sottoscritto a Roma il 25 novembre 1999 e ratificato con legge n.391/2001.

L’attività di prospezione, secondo quanto riportato nello studio di impatto ambientale, consisterebbe in “spari” di aria compressa per oltre 7300 chilometri di tracciato complessivo, per un periodo di 10 settimane. Questi “spari” inoltre avrebbero una cadenza di uno ogni 5-15 secondi, con intensità sonora variabile fra 240 e 260 decibel, «intensità cioè – spiega Stefano Deliperi del Grlg - superata in natura solo da terremoti ed esplosioni di vulcani sottomarini».

Quindi, «il danno alle specie di cetacei e di tartarughe marine ben presenti nell’area marina interessata sarebbe devastante, sia sul piano uditivo che sotto il profilo dell’orientamento e altrettanto potrebbe ipotizzarsi per le specie ittiche, anche di interesse commerciale, con indubbi riflessi negativi sull’economia del settore della pesca». Ragion per cui, l’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus auspica un definitivo provvedimento di pronuncia di incompatibilità ambientale da parte del Ministero dell’ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare.
Commenti
24/5/2017
Una giungla urbana tra erbacce e rifiuti che avvolgono lentamente la città. Il gruppo politico Porto Torres in Movimento ha ritenuto doveroso fare alcune considerazioni sullo stato di incuria e degrado in cui versano le aree verdi della città, le strade, le scuole, i quartieri e la piazza del Comune
24/5/2017
Posizionata una batteria di bidoni al servizio dei commercianti di Porto Torres. Previsto l´incremento dei controlli e dei turni per il ritiro dei rifiuti
24/5/2017
Una giornata sulla sicurezza della navigazione nell’ambito della fase preparatoria dell’operazione Mare Sicuro 2017, volta a diffondere l’educazione marinara e la cultura del mare frutto della sinergia tra la Capitaneria di Porto – Guardia costiera e la Lega Navale Italiana sezione Golfo dell’Asinara
20:52
Nuova visita degli inquirenti presso gli uffici del settore Ambiente e Opere pubbliche nel comune di Alghero. Sequestrati documenti riferibili agli impianti di depurazione
23/5/2017
Quello in corso nella laguna di Alghero è un vero e proprio scandalo. Nessuna novità dal punto di vista scientifico, tutto abbastanza chiaro: l´abnorme sversamento di reflui dall´impianto di San Marco contribuisce a far impazzire l´ecosistema. Alte temperature e alghe in decomposizione che assorbono ossigeno: gamberi e pesci morti. Odori nauseabondi
23/5/2017
Domenica, il settore Ambiente e Verde pubblico del Comune di Sassari procederà all´abbattimento di quattro alberi in Via Sant´Anna. Dopo alcune segnalazioni, è stato verificato che le radici dei bagolari creavano infiltrazioni in una palazzina
24/5/2017
«Massima trasparenza e ulteriori monitoraggi», ha assicurato il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru, nel corso dell´incontro con i sindaci della Città metropolitana, guidati da Massimo Zedda
19/5/2017
Sabato 20 Maggio e Sabato 3 Giugno l’A.S.D. Cavalluccio Marino festeggia la Giornata mondiale sulla biodiversità e la Giornata Mondiale dell’Ambiente attraverso due eventi patrocinati dal Comune
© 2000-2017 Mediatica sas