Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresCulturaCronaca › Violenza donne, scarpe rosse in vetrina a Porto Torres
M. P. 29 novembre 2014
A Porto Torres, per la giornata mondiale contro la violenza sulle donne indetta dall´Onu, l’iniziativa della sezione Fidapa di Porto Torres, stasera alle 18
Violenza donne, scarpe rosse in vetrina a Porto Torres


PORTO TORRES - Scarpe rosse e non solo. A Porto Torres, per la giornata mondiale contro la violenza sulle donne indetta dall'Onu, l’iniziativa della sezione Fidapa B.p.w Italy di Porto Torres , contro il femminicidio, la violenza familiare e, in generale, la condizione delle donne in tutti i campi della società. La manifestazione “Scarpe che parlano, storie che camminano” edizione 2014, avrà inizio stasera alle ore 18 presso la Torre Aragonese. Da lì partirà una fiaccolata itinerante a tappe, con letture di racconti relativi alla vita di alcune donne vittime di violenza negli ultimi due anni.

In ogni luogo individuato come tappa del percorso è prevista, inoltre, la sistemazione delle scarpe rosse utilizzate in tutto il mondo come simbolo del femminicidio. La manifestazione proseguirà, poi, nella Sala Filippo Canu, dove si susseguiranno gli interventi di Maria Lucia Fancellu, Presidente della sezione Fidapa di Porto Torres e di Lorenza Bazzoni della Psicologa-psicoterapeuta della Asl n.1 Glam di Sassari. A seguire sono in programma una dimostrazione di difesa personale tenuta dal Maestro Paolo Algisi, un’esibizione di danza della scuola Asd “Dietro le Quinte Danza” di Ilaria Frau e un flashmob che prevede la proiezione di un breve filmato.

Una serata per celebrare e non dimenticare la forza e il coraggio delle donne. Collabora alla manifestazione il Centro commerciale naturale “Le Botteghe Turritane”. Presso le attività commerciali, artigianali e turistiche verranno esposte nelle proprie vetrine o nei loro locali un paio di scarpe rosse femminili o anche un semplice fiocco rosso, come simbolo mondiale della battaglia contro la violenza sulle donne.
Commenti
16/1/2017
La banda dello smeriglio ha tentato un furto nel punto vendita di San Giovanni Suergiu. I Carabinieri hanno aperto le indagini del caso
9:32
La giovane è stata fermata dai dipendenti di un’attività commerciale, mentre cercava di allontanarsi con degli alcolici all’interno di una borsa, attraverso il varco riservato all’accesso dei clienti
10:00
Una decina dei suddetti puntatori sono risultati difformi dalle categorie consentite mentre i rimanenti erano del tutto privi di etichettatura identificativa. Denunciato il titolare dell´attività
12:00 video
Un Maggiolone Volkswagen vecchio modello è stato incendiato questa mattina in Largo Dello Sperone. Le indagini sono affidate ai carabinieri che dovranno stabilire se la natura dell'episodio è un atto intimidatorio rivolto al titolare del mezzo
10:39
Il giovane aveva della marijuana in tasca e ha ammesso di aver acquistato lo stupefacente per rivenderlo a suoi coetanei frequentatori degli istituti scolastici cittadini
15:33
Il padre e il comandante dell´imbarcazione saranno processati per la morte di Letizia Trudu, la bambina di 11 anni uccisa nell´estate del 2015 dall´elica dello yacht dal quale si era tuffata assieme al padre e alla sorellina nelle acque di Santa Margherita di Pula
16/1/2017
Il Tribunale del Riesame di Sassari ha disposto il dissequestro dell´area esterna del noto locale di Baja Sardinia. Il sequestro era stato disposto con l´accusa di abuso edilizio
16/1/2017
I giudici del Tribunale del Riesame di Sassari hanno rigettato le richieste di revoca e attenuazione della misura cautelare del divieto di dimora per il primo cittadino Dionigi Deledda. Stessa sorte per la segretaria comunale
16/1/2017
Tre slot e una macchina cambiamonete è il bilancio del furto avvenuto nella tabaccheria al numero 26 di via Tarragona ad Alghero. Le indagini sono affidate alla Polizia di Stato
16/1/2017
Condannato per abusi sessuali con una sua alunna e sospetti di adescamento verso una seconda: una sentenza più pesante di quella chiesta dall´accusa è stata inflitta dal giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Cagliari Roberto Cau. Prevista anche una provvisionale di 80mila euro alle parte civili
© 2000-2017 Mediatica sas