Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresCulturaAmbiente › Porto Torres: una targa agli artisti della Tartaruga
M. P. 30 dicembre 2014
Una targa quale segno di riconoscenza per il lavoro di recupero della Tartaruga, la scultura danneggiata dai vandali la notte della vigilia di Natale, a Mastro Antonio Congiata, Angelo Dedola e Benito Lazzarini
Porto Torres: una targa agli artisti della Tartaruga


PORTO TORRES - Una targa quale segno di stima e riconoscenza per il lavoro di recupero della Tartaruga, la scultura danneggiata dai vandali la notte della vigilia di Natale, è stata consegnata questa mattina a coloro che si sono attivati per “restaurare” e valorizzazione l’opera simbolo della baia di Balai. La cerimonia si è svolta presso la sala del Palazzo del Marchese, alla presenza dell’assessore all’ambiente, Gavino Gaspa, e all’assessore al decoro urbano, Davide Tellini, i quali hanno consegnato le targhe al concittadino Benito Lazzarini, autore dell’opera, al Maestro Antonio Congiata, per il suo pronto intervento di ricostruzione della scultura, con su scritto “Candu lu cori è d’oro, li mani no so di mancu”.

La terza targa intitolata “L’amori pà Barai in giru paru Mondu” è stata assegnata al concittadino Angelo Dedola, per la sensibilità e la particolare attenzione verso il patrimonio pubblico. «L’iniziativa nasce da un fatto spregevole, da un atto di vandalismo da condannare – dichiara l’assessore Gaspa – che non colpisce l’amministrazione in sé, ma la città intera e l’estro artistico e l’amore che alcune persone hanno per Porto Torres». Un particolare ringraziamento è stato rivolto a “l’ambasciatore di Balai nel mondo”, Angelo Dedola, così come è stato definito dall’assessore Gaspa, per la sua attività di coordinamento del lavoro di recupero, fatto con passione e rispetto nei confronti del patrimonio e del decoro pubblico della città.

L’assessore Tellini ha voluto ricordare la sfida nata all’epoca della realizzazione del delfino ad opera di Lazzarini, che nel 2011 realizzò anche la tartaruga oggetto di sfregio. Una sfida accolta immediatamente, così come è stata tempestiva l’iniziativa di recupero degli artisti che con il loro braccio armato hanno “salvato” la scultura simbolo. Un ringraziamento immenso all’amministrazione arriva da Angelo Dedola: «Grazie per il conferimento di questo riconoscimento che non mi aspettavo, perché da cittadino credo che il mio sia stato un atto dovuto».
Commenti
18/8/2017
Ieri sera, quattro persone, armati di scope e buona volontà, hanno ripulito Piazza della Madonna di Latte Dolce, in Via Cedrino
17/8/2017
Programmazione degli interventi negli alvei dei fiumi nel territorio, interventi strutturati, manutenzioni cicliche e pluriennali. Pronto il progetto e la richiesta di finanziamenti. Continua e si amplia la salvaguardia degli arenili con interventi nella spiaggia della Speranza e fronte Palazzo dei congressi
© 2000-2017 Mediatica sas