Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaAmbiente › Porto Torres: addio alla storica «Strada dell’amore»
Mariangela Pala 3 gennaio 2015
Da ieri mattina è entrata in vigore l’ordinanza provinciale che impone al comune di Porto Torres di chiudere al traffico per tutti i veicoli la “Strada dell’amore”. Consentito l´accesso solo ai pedoni e alle bici
Porto Torres: addio alla storica «Strada dell’amore»


PORTO TORRES - Per gli innamorati che avevano pianificato di dichiararsi amore nell’intimità delle loro auto, lungo la cosiddetta “Strada dell’amore”, lo storico sentiero a picco sul mare che si distende tra la chiesetta di Balai lontana e Platamona, dovranno cambiare programma. O scegliere un'altra destinazione. Perché la celebre strada, in seguito all’ennesima ordinanza sindacale, è stata chiusa al traffico per tutti i veicoli, consentendo l’accesso solo ai pedoni e alle biciclette.

Da ieri mattina, infatti, è entrata in vigore l’ordinanza provinciale n°29/2014 che impone al comune di Porto Torres di chiudere al traffico la famosa “Strada dell’amore”, ordinando di predisporre l’apposita segnaletica. «Un’ordinanza figlia di una serie di segnalazioni fatte dall’amministrazione comunale a partire da gennaio 2014, dove più volte quel tratto di strada è stato oggetto di controlli, di verifiche puntuali e bonifiche, poiché sistematicamente veniva fatta oggetto di discariche abusive», ha sottolineato l’assessore al decoro, Davide Tellini. Si tratta di cumuli di rifiuti di ogni genere, anche pericolosi, abbandonati da ignoti a margine della strada, così come è emerso dai controlli effettuati dal Corpo forestale e dalla Vigilanza ambientale. I rifiuti rendevano la zona impraticabile.

In seguito ad una serie di interlocuzioni tra i vari uffici tecnici comunali e provinciali, è stata emanata l’ordinanza dalla Provincia di Sassari che consentirà la chiusura del reliquato stradale a tutti i veicoli, e l’avvio delle bonifiche e della pulizia di tutta l’area (identificata nel Pai come Hg2), a partire da lunedì 5 gennaio. «L’intendimento dell’amministrazione comunale, a cui la Provincia ha consegnato il tratto di strada compreso tra la Torre Abbacurrente e la chiesa di Balai lontana, è di trasformare il sentiero in una zona fruibile: un’area pedonale e ciclabile con un piccolo belvedere», ha aggiunto l’assessore Tellini. L’obiettivo è di riqualificare l’area, in accordo con le autorità competenti, allungando il percorso pedonale/ciclabile che parte dalla strada dell’amore e arriva fino alla Torre Abbacurrente, tracciando i sentieri della zona, classificata sito di interesse comunale.
Commenti
23/6/2016
Fuga dal campo rom, la situazione di degrado insostenibile costringe le famiglie residenti a scappare alla ricerca di aree vivibili
24/6/2016
Più controlli nei litorali e verifiche sui rifiuti abbandonati per strada: nuovi indirizzi che aumentano le sanzioni per i trasgressori. L´attività sarà potenziata con l´inserimento in organico di sei vigili stagionali
16:48
Ad un anno di distanza i familiari e l’associazione culturale, costituita per ricordarlo, col patrocinio dell’amministrazione comunale, organizzano una serata in suo onore
13:03
Da oggi, il sito riapre al pubblico anche nei fine settimana. L’Università degli Studi di Cagliari propone un’offerta completamente rinnovata, l’orario continuato e visite guidate in lingua straniera con nuovi servizi e spazi da scoprire
24/6/2016
Martedì, l´aula magna della Facoltà di Ingegneria e Architettura dell’Università ospiterà la conferenza finale del progetto finanziato dal Programma Enpi Cbc Med, di cui la Regione Autonoma della Sardegna è l’Autorità di Gestione
24/6/2016
Sul fondale della Baia c´è un tesoro scoperto quarant´anni fa, ma rimasto celato ai più fino ai giorni nostri. Il Comitato di Borgata vorrebbe che ora questo tornasse alla ribalta per essere conosciuto, per divenire un´ulteriore attrazione turistica tra le meraviglie che appartengono al comprensorio di Porto Conte
24/6/2016
Ieri, a Roma, il Comune di Sassari (unico tra gli enti locali di grandi aree) ha ottenuto il riconoscimento da Legambiente e Raee. Il sindaco Nicola Sanna dedica il premio a Massimo Fresi
© 2000-2016 Mediatica sas