Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaAmbiente › Porto Torres: addio alla storica «Strada dell’amore»
Mariangela Pala 3 gennaio 2015
Da ieri mattina è entrata in vigore l’ordinanza provinciale che impone al comune di Porto Torres di chiudere al traffico per tutti i veicoli la “Strada dell’amore”. Consentito l´accesso solo ai pedoni e alle bici
Porto Torres: addio alla storica «Strada dell’amore»


PORTO TORRES - Per gli innamorati che avevano pianificato di dichiararsi amore nell’intimità delle loro auto, lungo la cosiddetta “Strada dell’amore”, lo storico sentiero a picco sul mare che si distende tra la chiesetta di Balai lontana e Platamona, dovranno cambiare programma. O scegliere un'altra destinazione. Perché la celebre strada, in seguito all’ennesima ordinanza sindacale, è stata chiusa al traffico per tutti i veicoli, consentendo l’accesso solo ai pedoni e alle biciclette.

Da ieri mattina, infatti, è entrata in vigore l’ordinanza provinciale n°29/2014 che impone al comune di Porto Torres di chiudere al traffico la famosa “Strada dell’amore”, ordinando di predisporre l’apposita segnaletica. «Un’ordinanza figlia di una serie di segnalazioni fatte dall’amministrazione comunale a partire da gennaio 2014, dove più volte quel tratto di strada è stato oggetto di controlli, di verifiche puntuali e bonifiche, poiché sistematicamente veniva fatta oggetto di discariche abusive», ha sottolineato l’assessore al decoro, Davide Tellini. Si tratta di cumuli di rifiuti di ogni genere, anche pericolosi, abbandonati da ignoti a margine della strada, così come è emerso dai controlli effettuati dal Corpo forestale e dalla Vigilanza ambientale. I rifiuti rendevano la zona impraticabile.

In seguito ad una serie di interlocuzioni tra i vari uffici tecnici comunali e provinciali, è stata emanata l’ordinanza dalla Provincia di Sassari che consentirà la chiusura del reliquato stradale a tutti i veicoli, e l’avvio delle bonifiche e della pulizia di tutta l’area (identificata nel Pai come Hg2), a partire da lunedì 5 gennaio. «L’intendimento dell’amministrazione comunale, a cui la Provincia ha consegnato il tratto di strada compreso tra la Torre Abbacurrente e la chiesa di Balai lontana, è di trasformare il sentiero in una zona fruibile: un’area pedonale e ciclabile con un piccolo belvedere», ha aggiunto l’assessore Tellini. L’obiettivo è di riqualificare l’area, in accordo con le autorità competenti, allungando il percorso pedonale/ciclabile che parte dalla strada dell’amore e arriva fino alla Torre Abbacurrente, tracciando i sentieri della zona, classificata sito di interesse comunale.
Commenti
17/2/2017
I condizionatori, simbolo di una città che non “suda” più a causa della mancanza di lavoro e di prospettive economiche. Oggi fanno parlare di sé per il loro impatto estetico causa di provvedimenti e multe applicate secondo quanto stabiliscono le norme di attuazione del Piano particolareggiato del Centro Storico
17/2/2017
“Dalle bugie ai fatti – Acqua non potabile” , è il titolo della conferenza organizzata dalle associazioni Civiltà è Progresso e Adiconsum Sassari e Sardegna in programma martedì 21 febbraio alle 10.30 presso la Casa delle Associazioni in via Principe di Piemonte
17/2/2017
All'indomani della sentenza del Consiglio di Stato sull'appalto dei rifiuti ad Alghero, accuse all'indirizzo dell'amministrazione comunale arrivano da Patto Civico, Psd'Az e Ncd ma anche dal consigliere comunale di Forza Italia Michele Pais
17/2/2017 video
L'assessore all'Ambiente del comune di Alghero Raniero Selva parla di atteso epilogo dopo la sentenza della Corte di Stato sull'appalto d'igiene urbana. E non lesina alcune velenose frecciatine
17/2/2017
Focalizzare l´attenzione su quanto sta accadendo deve essere un momento di analisi e riflessione affinchè l´iniziativa in corso non funga da apri pista ad una “invasione” dei mari e delle coste sarde, non dimenticandoci che non esistono solo impianti off shore che sfruttano il moto ondoso, ma anche quelli eolici
© 2000-2017 Mediatica sas