Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaUrbanistica › Porto Torres, Rete del Gas: si parte il 12 gennaio
Mariangela Pala 5 gennaio 2015
A partire dal 12 gennaio la ditta Cpl Concordia group, titolare di concessione per la realizzazione dell’impianto di distribuzione del gas nel territorio di Porto Torres, avvierà i lavori nel centro abitato
Porto Torres, Rete del Gas: si parte il 12 gennaio


PORTO TORRES - A partire dal 12 gennaio la ditta Cpl Concordia group, titolare di concessione per la progettazione, realizzazione e gestione dell’impianto di distribuzione del gas nel territorio di Porto Torres, eseguirà i lavori in alcuni tratti stradali del centro abitato. Il progetto, modificato nel suo testo originale, e approvato all’unanimità nell’ultima seduta del consiglio comunale 2014, prevede la realizzazione della rete di distribuzione del gas metano e cavidotto multiservizio dei centri abitati, dei comuni costituenti l’organismo di bacino 4 (Porto Torres Sorso, Sennori, Stintino e Osilo).

Il progetto “Bulgas” sulla realizzazione della rete energetica e della banda larga, già approvato dai sindaci dei comuni coinvolti, di cui Porto Torres è capofila, ha un costo complessivo di 27, 2 milioni di euro (9 a carico della Regione e il resto a carico del concessionario), prevede anche l’intervento di fibra ottica finanziata interamente dalla Regione, che ne è divenuta proprietaria. L’Assessore ai lavori pubblici, Gavino Gaspa, aveva illustrato in consiglio l’argomento: «stiamo eseguendo l’ultimo atto utile per far decollare un’opera pubblica, che ha una genesi datata 1999, e che nel 2008 vide l’assegnazione dei lavori tramite gara d’appalto bandita dalla giunta comunale».

Il consigliere, Luciano Mura esprimendo il suo voto positivo, sottolineò: «riuscimmo a presentare un’offerta che ci consentì di realizzare il cavidotto evitando di rompere le strade di Porto Torres per tutte le opere di urbanizzazione previste». Il consigliere Mura ha evidenziato come la Sardegna sia una delle poche regioni non metanizzate, e seppure nella prima fase la città non avrà il metano, «la presenza della rete del gas permetterà di fare un ragionamento sulla possibilità di gas metano attraverso i rigassificatori, creando per la Sardegna una situazione di parità rispetto alle altre regioni». Nel frattempo prima dell’avvio dei lavori, è stata predisposta un’ordinanza in materia di viabilità, da modificare di volta in volta, a partire dal 12 gennaio e fino al termine dei lavori.
Commenti
© 2000-2016 Mediatica sas