Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaDisservizi › Porto Torres, Pd denuncia: «scuolabus a giorni alterni»
Mariangela Pala 8 gennaio 2015
I consiglieri comunali del Partito democratico, Luciano Mura e Massimiliano Ledda, intervengono sulla questione del malfunzionamento del servizio scuolabus della scuola primaria del Comprensivo 1 e 2
Porto Torres, Pd denuncia: «scuolabus a giorni alterni»


PORTO TORRES - I consiglieri comunali del Partito democratico, Luciano Mura e Massimiliano Ledda, intervengono sulla questione del malfunzionamento del servizio scuolabus della scuola primaria del Comprensivo 1 e 2. Il gruppo consiliare di opposizione denuncia, attraverso un’interrogazione, il continuo disservizio e le precarie condizioni con le quali gli studenti sono costretti a viaggiare. Gli scuolabus comunali, infatti, nel corso dell’anno scolastico 2013-2014 non hanno effettuato regolarmente il proprio servizio di competenza, a causa di diversi guasti meccanici, e tale situazione si sta ripetendo anche per quest’anno scolastico.

Il servizio viene svolto da due scuolabus per due linee e il Comune non dispone più di autobus di riserva. I consiglieri del Pd, sottolineano che in caso di guasto di uno dei due mezzi, «il servizio viene svolto a giorni alterni sulle due linee con l’incredibile risultato che i bambini possono frequentare le lezioni a giorni alterni, - affermano Mura e Ledda - e i fortunati scolari che possono usufruire del servizio arrivano comunque a scuola con notevoli ritardi». Una situazione che costringe così un genitore a prendere le propria macchina per accompagnare i propri figli a lezione, e purtroppo coloro che sono privi della disponibilità del mezzo, devono rinunciare a mandare i figli a scuola, venendo così a mancare quello che è il loro diritto allo studio.

«La possibilità di frequentare le scuole deve essere garantita a tutti i bambini – sostiene Mura – e le istituzioni debbono agire al fine di rimuovere eventuali ostacoli che possono rendere difficoltoso il rispetto della frequenza quotidiana». Inoltre tutto ciò sta provocando uno stato comprensibile di ansia sia nei bambini sia nei genitori, che ogni mattina mentre sperano di vedere arrivare lo scuolabus scoprono poi che l’autobus non parte perché non funziona.

«Il servizio è un supporto all’esercizio di un diritto-dovere quale quello dell’Istruzione e che lo stesso, - si legge nella nota - deve essere programmato con criteri tali da garantire la soluzione meno dispersiva e più diretta possibile per il raggiungimento delle sedi scolastiche nel minor tempo possibile». Premesso che i Comuni sono titolari del servizio di scuolabus, «il Sindaco è direttamente responsabile degli interventi tesi ad impedire la dispersione scolastica», - sostengono Mura e Ledda.

A tale proposito i consiglieri del Pd chiedono al sindaco di conoscere: «quali provvedimenti intenda assumere perché questa vergognosa situazione venga a cessare e quali precauzioni intenda adottare onde evitare, che nel futuro, si ripetano tali carenze organizzative che hanno comportato il cattivo funzionamento del servizio». I consiglieri Mura e Ledda sperano che la denuncia da loro fatta, insieme all’appello dei genitori, porti ad una risoluzione definitiva del problema, in modo tale da garantire, a tutti i bambini che ne hanno bisogno, il servizio di scuolabus affinché possano andare tranquillamente a scuola.
Commenti
22/8/2016
Stando a quanto spiegato dagli uffici del gestore idrico, il “fuori norma” è causato dallo scarso ricircolo in un tratto terminale di rete
22/8/2016
«Situazione intollerabile, intervenga immediatamente», intima il sindaco di Alghero Mario Bruno ad Abbanoa. Il divieto precauzionale riguarda l’utilizzo dell’acqua della rete, che non può essere bevuta, né utilizzata per la preparazione degli alimenti, mentre può essere utilizzata per il lavaggio della frutta e verdura e per gli usi igienici personali
22/8/2016
Dal Lido alla Mercede, le lamentele sui contenitori maleodoranti non si placano. E nemmeno la puzza nauseabonda, che non risparmia neppure il centro storico. Le operazioni di pulizia sono già iniziate ma serve un´azione incisiva e rapida
© 2000-2016 Mediatica sas