Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaSolidarietà › Porto Torres: Solidarietà del Cd a Charlie Hebdo
Mariangela Pala 13 gennaio 2015
Un invito al sindaco Beniamino Scarpa a far osservare un minuto di silenzio al Consiglio comunale in rispetto delle vittime per l’attacco alla libertà di stampa subito dalla redazione di Charlie Hebdo
Porto Torres: Solidarietà del Cd a Charlie Hebdo


PORTO TORRES - Un invito al sindaco Beniamino Scarpa a far osservare un minuto di silenzio al Consiglio comunale, la massima istituzione democratica della città, in rispetto delle vittime per l’attacco feroce e bestiale alla libertà di espressione e di pensiero vissuto nei giorni scorsi dai giornalisti della redazione di Charlie Hebdo. A chiederlo, con un ordine del giorno, è il gruppo consiliare del Centro democratico, Franco Pistidda e Angelo Canu che affermano: «l’unica risposta civile è il sostegno di ogni istituzione rappresentativa europea ad una comune politica che abbia l’obiettivo di ampliare gli spazi di libertà e di democrazia anzitutto nei molti luoghi del mondo ove fondamentalismi e fanatismi di ogni genere li negano e li calpestano».

L’attacco omicida è avvenuto nei giorni scorsi nei confronti della redazione del giornale Charlie Hebdo, causando l’assassinio di 12 persone, tra cui il direttore e altri noti giornalisti e vignettisti oltre ad agenti di polizia, da parte di criminali che avrebbero rivendicato la propria appartenenza all’organizzazione terroristica Isis. «Preoccupati di fronte all’estendersi e all’aggravarsi di atti di fanatismo violento da parte di chi calpesta e infanga innanzitutto i veri valori della religione e della civiltà» - dichiarano nella nota i consiglieri del Cd.

Pertanto il Consiglio comunale sollecita il sindaco a farsi portavoce, tramite il Governo nazionale, «del cordoglio dei cittadini portotorresi, della loro vicinanza ai concittadini europei che oggi hanno pagato con la vita il loro coraggio civile nell’affermazione e nella difesa della democrazia e dei comuni valori di libertà e di tolleranza». Un gesto di solidarietà per ribadire la condanna ad ogni atto di violenza e per difendere la libertà di stampa, e per coloro che hanno pagato con la vita il loro coraggio civile nell’affermazione e nella difesa della democrazia e dei comuni valori di libertà e di tolleranza. Un giorno da ricordare come il più grave attacco della storia moderna alla libertà di espressione.
Commenti
21/6/2017
L’Unicef della provincia di Sassari organizza, in collaborazione con la Rete delle donne, un incontro ad Alghero, domenica 25 giugno, alle ore 19.30, nel Distretto della Creatività, in Piazza Pino Piras
© 2000-2017 Mediatica sas