Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresEconomiaLavoro › Fiumesanto: Furlan, dopo vendita ora sviluppo
M. P. 14 gennaio 2015
Il segretario generale del sindacato, Anna Maria Furlan, a margine del Consiglio generale della Cisl sarda, ha dichiarato che dopo la vendita di E.On ora bisogna puntare su piani industriali seri
Fiumesanto: Furlan, dopo vendita ora sviluppo


PORTO TORRES - Il segretario generale del sindacato, Anna Maria Furlan, a margine del Consiglio generale della Cisl sarda, commentando il passaggio di proprietà della centrale di Fiume Santo, dalla multinazionale tedesca E.On alla società ceca Eph. ha dichiarato: «Per la vendita di E.On ci aspettiamo piani industriali seri: la Cisl ha una tradizione di concretezze».

Ha poi rivolto un appello alla Regione Sardegna, alla quale la Cisl chiede di «puntare su crescita e sviluppo per dare prospettive serie per chi non ha il lavoro o per chi rischia di perderlo».
Commenti
23/9/2017
Pubblicato sul sito del Comune l´avviso per l´iscrizione: scadenza 27 settembre
12:16
Il Governo non impugna la legge votata in Consiglio regionale sul futuro dei dipendenti dell´ex Ipab San Giovanni Battista di Ploaghe. «Raggiunta la soluzione definitiva e stabile per i lavoratori», dichiara con soddisfazione l´assessore regionale Luigi Arru
13:41
In programma mercoledì mattina, nel corso di una tavola rotonda prevista nelle sale de Lo Quarter, la presentazione dello sportello Alghero per l´impresa. Intanto, nei giorni scorsi si è tenuta una riunione della Consulta
23/9/2017
«Il percorso va avanti, manteniamo gli impegni», assicura l´assessore regionale degli Affari generali Filippo Spanu, in relazione alla situazione dei lavoratori ex Ati Ifras
23/9/2017
L´azienda chiarisce definitivamente con una lettera inviata al Comune di Alghero tramite lo Studio legale Tore, i motivi alla base dei cambiamenti di organico del nuovo servizio scuolabus: alcuni lavoratori avrebbero preferito fare causa contro le nuove condizioni contrattuali anziché firmare il contratto. confermati i livelli occupazionali imposti dal contratto. Intanto arrivano i nuovi mezzi e si prefigura un netto miglioramento del servizio
© 2000-2017 Mediatica sas