Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaElezioni › Porto Torres: E’ Mulas il candidato sindaco di Ap
Mariangela Pala 24 gennaio 2015
E’ Massimo Mulas il candidato a Sindaco di Porto Torres del movimento di Autonomia popolare per le prossime amministrative 2015
Porto Torres: E’ Mulas il candidato sindaco di Ap


PORTO TORRES - E’ Massimo Mulas il candidato a Sindaco di Porto Torres del movimento di Autonomia popolare per le prossime amministrative 2015. La presentazione, questa mattina, durante la conferenza stampa, presso la sede di via Colonia Romana alla presenza del segretario cittadino, Alessandro Carta e del Presidente regionale di Ap, Enrico Piras. Un candidato a sindaco, una lista già completa e un’altra lista civica in programma: così parte Autonomia popolare nell'annunciare la sua partecipazione alle prossime elezioni amministrative. Tanti i punti affrontati per una campagna elettorale che di fatto è già iniziata. Il segretario Carta ha sottolineato il lavoro svolto in un anno di attività dalla nascita del movimento:«Abbiamo accolto nuovi amici all’interno di questa forza politica senza la quale non si fanno i conti per le prossime comunali».

In occasione dell’assemblea cittadina tenutasi nei giorni scorsi è stato elaborato un programma condiviso ed espresso una proposta di candidatura a sindaco: quella di Massimo Mulas, ex consigliere regionale. In una situazione politica in cui, secondo il segretario Carta c’è troppa strategia e si sta attendendo chissà quale tipo di eventi, il movimento ha sentito la necessità di “rompere il ghiaccio” formulando una proposta, una personalità politica importante in grado di governare la città. «Ho accolto l’invito a candidarmi perché ho un’idea, non perché cerco consenso elettorale in questa città che è alla ricerca di trasparenza e di persone che hanno intenzione di metterci la faccia da subito, senza valutare i propri avversari politici», dichiara Massimo Mulas.

Piena disponibilità, la sua, ad alleanze politiche con cui programmare e pianificare insieme il futuro della città di Porto Torres «vittima di una litigiosità dannosa come è accaduto in questi cinque anni di amministrazione Scarpa», aggiunge Mulas, che ha voluto rimarcare l’importanza del rilancio dell’economia di un territorio che soffre, ma che nasconde grandi potenzialità, come i 1250 ettari di aree infrastrutturate da bonificare e reindustrializzare, e poi i fondi comunitari a cui si accede senza la necessità di avere alcun appoggio politico «Per intercettare le risorse della comunità europea è necessario intraprendere una politica condivisa sull’economia con altri comuni, come Alghero, Sassari e altri centri minori, per non lasciare tutto a Cagliari».

Nessun progetto capace di intercettare i fondi comunitari, 12 milioni di euro, a disposizione del territorio per ragionamenti che riguardano reti idriche in aree disagiate, «sebbene ci sia consapevolezza di quali criticità soffre il servizio idrico presente nell’altra metà del territorio cittadino, cioè l’Asinara, - sostiene Mulas - in cui il problema dell’acqua impedisce uno sviluppo adeguato del turismo». A sostenere la candidatura dell’ex consigliere regionale, il Presidente, Enrico Piras «Sono orgoglioso di presentare il mio allievo e discepolo Mulas, in questa città dove non c’è politica, non c’è sindaco, non c’è istituzione. C’è solo caos e niente di peggio c’è mai stato prima». Un attacco all’amministrazione Scarpa ed una stoccata al Partito sardo d’azione «Il Psd’Az deve fare un grande periodo di Purgatorio prima di essere ammesso in Paradiso». Pronto a qualsiasi confronto con le altre forze politiche di centro-sinistra, anche per eventuali primarie, Piras dichiara: «partecipiamo ad una coalizione elettorale solo se i contendenti saranno all’altezza della capacità di Massimo Mulas, perché sono stanco dei défilè di moda della politica e di persone che si propongono come “nuovismo”».
Commenti
© 2000-2016 Mediatica sas