Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaAmbiente › Porto Torres: Si all’ampliamento della discarica di Barrabò
Mariangela Pala 16 febbraio 2015
La Giunta regionale ha espresso un giudizio positivo sulla compatibilità ambientale della discarica di Barrabò. Approvato il progetto di ampliamento e sistemazione dell´impianto per rifiuti non pericolosi
Porto Torres: Si all’ampliamento della discarica di Barrabò


PORTO TORRES - Approvato dalla Regione Sardegna il progetto definitivo di ampliamento e sistemazione della discarica per rifiuti non pericolosi a Barrabò, che sarà realizzata nella zona industriale di Porto Torres. La discarica è stata realizzata e gestita dal Consorzio industriale provinciale di Sassari che ne è proprietaria. Ubicata ad appena qualche chilometro di distanza, verso sud-est, dalla zona della Termocentrale di Fiume Santo, l’area dell’impianto è raggiungibile percorrendo la strada in direzione Stintino fino alla rotatoria per Alghero, meglio nota come “strada dei due mari”, da cui si snoda l’ingresso all’area industriale e alla discarica.

Nella struttura si smaltiscono attualmente i rifiuti provenienti sia dagli impianti produttivi e di depurazione dell’area industriale, sia rifiuti provenienti dall’esterno, operando in conto terzi. Il progetto di ampliamento della discarica è stato depositato per la prima volta nel gennaio del 2010. La procedura venne sospesa dal Servizio Sostenibilità ambientale, valutazione impatti e sistema informativo ambientale (Savi) nel febbraio del 2011 su richiesta del proponente a seguito del parere negativo del Servizio Tutela dell’Atmosfera e del Territorio relativamente alla volumetria richiesta, pari a 219mila metri cubi, non coerente con le previsioni dell’allora vigente Piano Regionale di Gestione dei rifiuti speciali. Tale criticità è stata superata con l’approvazione del nuovo Piano a fine 2012.

Il progetto di ampliamento prevede la realizzazione di una nuova vasca, attigua a quella attualmente in esercizio, della capacità di 98.729 metri cubi e l’innalzamento degli argini della vasca attuale al fine di incrementare la capacità di smaltimento di ulteriori 120mila metri cubi. Inoltre il progetto prevede l’adeguamento degli impianti e dei presidi di controllo (antincendio, evacuazione percolati, ecc.) al nuovo disegno dei moduli di smaltimento; la sistemazione ambientale dell’area di pertinenza dell’impianto e la realizzazione di interventi volti a mitigare l’impatto paesaggistico della discarica, oltre alla copertura finale dei due moduli a chiusura dell’attività di smaltimento. La commissione all’ambiente e la struttura tecnica comunale avevano espresso un parere negativo alla proposta di ampliamento della discarica di Barrabò.

Un parere politico che non ha condizionato la scelta della Giunta regionale, condividendo quanto proposto e rappresentato dall'Assessore della Difesa dell'Ambiente, Raffaele Paci, che ha espresso un giudizio positivo sulla compatibilità ambientale dell’intervento, a patto che siano rispettate e recepite nel progetto, da sottoporre ad Aia (Autorizzazione integrata ambientale della Provincia di Sassari), alcune prescrizioni riguardanti la tipologia dei rifiuti, la volumetria, le autorizzazioni e le caratterizzazioni, sull’osservanza delle quali dovranno vigilare, per quanto di competenza, il Comune di Porto Torres, la Provincia di Sassari, il Servizio territoriale dell’Ispettorato Ripartimentale del Cfva di Sassari e l’Arpas.
Commenti
23/2/2017
Domani, venerdì 24 febbraio l’amministrazione comunale aderisce all´iniziativa nazionale “M´illumino di meno”, l’iniziativa volta al risparmio energetico
24/2/2017
L´Amministrazione comunale, in collaborazione con il gestore del servizio, Ambiente 2.0, ha programmato per mercoledì 1 marzo, in piazza Umberto I, un evento aperto al pubblico e alle scuole, durante cui sarà valutata la qualità del materiale conferito nei contenitori dell´indifferenziato
23/2/2017
Una vera e propria gara per la raccolta delle pile esauste. Protagonisti gli studenti principali attori di un progetto di educazione ambientale promosso dall’amministrazione comunale nell’ambito dei due istituti comprensivi assieme alla società che gestisce la raccolta dei rifiuti in città
25/2/2017
All’apparire delle alghe nella laguna del Calich, come ad ogni alba che si rispetti, riascoltiamo il medesimo chicchirichì. Il solito costante ritornello, tormentone dei cittadini, che racconta la necessità di nuovi studi per capire cosa sta succedendo nella Laguna del Calich
24/2/2017
Passo in avanti per le bonifiche in Sardegna. La conferenza di servizi convocata dal Ministero dell´Ambiente sul programma di messa in sicurezza e risanamento della falda acquifera dell´area industriale di Portovesme ha infatti avuto un esito positivo
23/2/2017
Saranno eseguite nei primi giorni della settimana prossima da parte dei tecnici dell’Arpas con il supporto del Parco di Porto Conte attente indagini chimico-fisiche e di verifica e determinazione delle specie di macroalghe proliferate in modo anomalo in modo particolare nelle porzioni meno profonde dell’area umida. Nella riunione convocata dal Parco di Porto Conte si è concordata la costituzione di un tavolo tecnico permanente funzionale all’innalzamento del livello di attenzione sulla laguna per una gestione sostenibile e produttiva dell’importante compendio naturalistico
24/2/2017
Una proposta di legge sulla tutela e valorizzazione delle maschere etno antropologiche. E´ l´iniziativa presentata stamane a Nuoro dai Riformatori Sardi
23/2/2017
In merito allo stato di salute della laguna di Alghero, le due associazione ambientaliste chiedono se ci siano fatti di rilevanza penale. Preoccupa il bloom algale di febbraio
© 2000-2017 Mediatica sas