Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaAmbiente › Porto Torres: Si all’ampliamento della discarica di Barrabò
Mariangela Pala 16 febbraio 2015
La Giunta regionale ha espresso un giudizio positivo sulla compatibilità ambientale della discarica di Barrabò. Approvato il progetto di ampliamento e sistemazione dell´impianto per rifiuti non pericolosi
Porto Torres: Si all’ampliamento della discarica di Barrabò


PORTO TORRES - Approvato dalla Regione Sardegna il progetto definitivo di ampliamento e sistemazione della discarica per rifiuti non pericolosi a Barrabò, che sarà realizzata nella zona industriale di Porto Torres. La discarica è stata realizzata e gestita dal Consorzio industriale provinciale di Sassari che ne è proprietaria. Ubicata ad appena qualche chilometro di distanza, verso sud-est, dalla zona della Termocentrale di Fiume Santo, l’area dell’impianto è raggiungibile percorrendo la strada in direzione Stintino fino alla rotatoria per Alghero, meglio nota come “strada dei due mari”, da cui si snoda l’ingresso all’area industriale e alla discarica.

Nella struttura si smaltiscono attualmente i rifiuti provenienti sia dagli impianti produttivi e di depurazione dell’area industriale, sia rifiuti provenienti dall’esterno, operando in conto terzi. Il progetto di ampliamento della discarica è stato depositato per la prima volta nel gennaio del 2010. La procedura venne sospesa dal Servizio Sostenibilità ambientale, valutazione impatti e sistema informativo ambientale (Savi) nel febbraio del 2011 su richiesta del proponente a seguito del parere negativo del Servizio Tutela dell’Atmosfera e del Territorio relativamente alla volumetria richiesta, pari a 219mila metri cubi, non coerente con le previsioni dell’allora vigente Piano Regionale di Gestione dei rifiuti speciali. Tale criticità è stata superata con l’approvazione del nuovo Piano a fine 2012.

Il progetto di ampliamento prevede la realizzazione di una nuova vasca, attigua a quella attualmente in esercizio, della capacità di 98.729 metri cubi e l’innalzamento degli argini della vasca attuale al fine di incrementare la capacità di smaltimento di ulteriori 120mila metri cubi. Inoltre il progetto prevede l’adeguamento degli impianti e dei presidi di controllo (antincendio, evacuazione percolati, ecc.) al nuovo disegno dei moduli di smaltimento; la sistemazione ambientale dell’area di pertinenza dell’impianto e la realizzazione di interventi volti a mitigare l’impatto paesaggistico della discarica, oltre alla copertura finale dei due moduli a chiusura dell’attività di smaltimento. La commissione all’ambiente e la struttura tecnica comunale avevano espresso un parere negativo alla proposta di ampliamento della discarica di Barrabò.

Un parere politico che non ha condizionato la scelta della Giunta regionale, condividendo quanto proposto e rappresentato dall'Assessore della Difesa dell'Ambiente, Raffaele Paci, che ha espresso un giudizio positivo sulla compatibilità ambientale dell’intervento, a patto che siano rispettate e recepite nel progetto, da sottoporre ad Aia (Autorizzazione integrata ambientale della Provincia di Sassari), alcune prescrizioni riguardanti la tipologia dei rifiuti, la volumetria, le autorizzazioni e le caratterizzazioni, sull’osservanza delle quali dovranno vigilare, per quanto di competenza, il Comune di Porto Torres, la Provincia di Sassari, il Servizio territoriale dell’Ispettorato Ripartimentale del Cfva di Sassari e l’Arpas.
Commenti
21/4/2018
I carabinieri della compagnia di Porto Torres guidati dal capitano Romolo Mastrolia in collaborazione con i militari dei Noe - Nucleo operativo ecologico - hanno denunciato un portotorrese e due cittadini rom per abbandono di rifiuti pericolosi all’interno del campo nomadi
14:41
«Noi del circolo Pd di Porto Torres chiediamo all´amministrazione maggiore attenzione alle segnalazioni che i cittadini quotidianamente fanno attraverso i partiti o personalmente sui social, per denunciare i tanti problemi presenti nel nostro territorio comunale»
21/4/2018
Atto storico del Comune di Alghero che tenta di chiudere una vergogna aperta pluridecennale, con insediamenti abusivi sulla costa di Porto Conte. Nonostante la prescrizione nel processo, rimane la lottizzazione senza autorizzazione e il dirigente pubblica l´atto con cui vengono annesse al patrimonio pubblico le 133 piazzole
21/4/2018
«Il Wwf, vista l’ordinanza d’ingiunzione pubblicata nell’albo Pretorio del Comune di Alghero, plaude all’azione intrapresa dal dirigente del settore Demanio del Comune di Alghero Guido Calzia che mira ad acquisire al patrimonio comunale l’area di Sant’Imbenia nel Comune di Alghero», dichiara il delegato Wwf per la Sardegna Carmelo Spada
20/4/2018
A Parigi il percorso individuato è il riconoscimento del corallo come patrimonio dell’umanità. Dopo Alghero, anche la cittadina in provincia di Napoli ha proposto la candidatura della lavorazione artigianale del corallo e del cammeo di Torre del Greco a patrimonio immateriale dell´Umanità Unesco”
© 2000-2018 Mediatica sas