Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaAmbiente › Porto Torres: Si all’ampliamento della discarica di Barrabò
Mariangela Pala 16 febbraio 2015
La Giunta regionale ha espresso un giudizio positivo sulla compatibilità ambientale della discarica di Barrabò. Approvato il progetto di ampliamento e sistemazione dell´impianto per rifiuti non pericolosi
Porto Torres: Si all’ampliamento della discarica di Barrabò


PORTO TORRES - Approvato dalla Regione Sardegna il progetto definitivo di ampliamento e sistemazione della discarica per rifiuti non pericolosi a Barrabò, che sarà realizzata nella zona industriale di Porto Torres. La discarica è stata realizzata e gestita dal Consorzio industriale provinciale di Sassari che ne è proprietaria. Ubicata ad appena qualche chilometro di distanza, verso sud-est, dalla zona della Termocentrale di Fiume Santo, l’area dell’impianto è raggiungibile percorrendo la strada in direzione Stintino fino alla rotatoria per Alghero, meglio nota come “strada dei due mari”, da cui si snoda l’ingresso all’area industriale e alla discarica.

Nella struttura si smaltiscono attualmente i rifiuti provenienti sia dagli impianti produttivi e di depurazione dell’area industriale, sia rifiuti provenienti dall’esterno, operando in conto terzi. Il progetto di ampliamento della discarica è stato depositato per la prima volta nel gennaio del 2010. La procedura venne sospesa dal Servizio Sostenibilità ambientale, valutazione impatti e sistema informativo ambientale (Savi) nel febbraio del 2011 su richiesta del proponente a seguito del parere negativo del Servizio Tutela dell’Atmosfera e del Territorio relativamente alla volumetria richiesta, pari a 219mila metri cubi, non coerente con le previsioni dell’allora vigente Piano Regionale di Gestione dei rifiuti speciali. Tale criticità è stata superata con l’approvazione del nuovo Piano a fine 2012.

Il progetto di ampliamento prevede la realizzazione di una nuova vasca, attigua a quella attualmente in esercizio, della capacità di 98.729 metri cubi e l’innalzamento degli argini della vasca attuale al fine di incrementare la capacità di smaltimento di ulteriori 120mila metri cubi. Inoltre il progetto prevede l’adeguamento degli impianti e dei presidi di controllo (antincendio, evacuazione percolati, ecc.) al nuovo disegno dei moduli di smaltimento; la sistemazione ambientale dell’area di pertinenza dell’impianto e la realizzazione di interventi volti a mitigare l’impatto paesaggistico della discarica, oltre alla copertura finale dei due moduli a chiusura dell’attività di smaltimento. La commissione all’ambiente e la struttura tecnica comunale avevano espresso un parere negativo alla proposta di ampliamento della discarica di Barrabò.

Un parere politico che non ha condizionato la scelta della Giunta regionale, condividendo quanto proposto e rappresentato dall'Assessore della Difesa dell'Ambiente, Raffaele Paci, che ha espresso un giudizio positivo sulla compatibilità ambientale dell’intervento, a patto che siano rispettate e recepite nel progetto, da sottoporre ad Aia (Autorizzazione integrata ambientale della Provincia di Sassari), alcune prescrizioni riguardanti la tipologia dei rifiuti, la volumetria, le autorizzazioni e le caratterizzazioni, sull’osservanza delle quali dovranno vigilare, per quanto di competenza, il Comune di Porto Torres, la Provincia di Sassari, il Servizio territoriale dell’Ispettorato Ripartimentale del Cfva di Sassari e l’Arpas.
Commenti
21/6/2017
«Sarà una coincidenza ma quando qualcuno segnala il problema dello Scoglio Lungo, solitamente viene subito etichettato come terrorista da un rappresentante delle istituzioni che tende a negare o a minimizzare il problema». Il presidente del Comitato tuteliamo il Golfo dell’Asinara, Giuseppe Alesso critica aspramente le affermazioni fatte dall’assessore all’Ambiente Cristina Biancu
18:29
L’appuntamento è per domani, venerdì 23 giugno all’Isola dell’Asinara, alle ore 10.30, bordo di Goletta Verde, la storica imbarcazione di Legambiente a tutela del mare e delle coste italiane
20/6/2017
Nei giorni scorsi è stata allestita una tenda da campeggio con tanto di materassi, bombola a gas e altre attrezzature capaci di mettere a rischio la sicurezza dell’area verde di fronte la spiaggia di Balai
21/6/2017
Le serate si svolgeranno alle ore 18.30 in tre diverse zone del Comune: giovedì 29 giugno presso il Museo del Porto; lunedì 3 luglio presso la palestra “A. Nardi” della Scuola Bellieni in Piazza Don Milani e mercoledì 5 luglio presso la sala Ristorante “Li Lioni”
20/6/2017
Il giacimento archeologico di Cala Reale è stato riaperto al pubblico. All'inaugurazione del sito sommerso dell’Asinara con i suoi 38 mila frammenti di anfore anche il soprintendente Francesco Di Gennaro e dell’archeologa Gabriella Gasperetti
21:59
Il centro ogliastrino, primo Comune in Sardegna sopra i 10mila abitanti per produzione di rifiuti free, ovvero per aver puntato alla riduzione di rifiuto secco non riciclabile attestandosi ben al di sotto degli standard fissati, è stato premiato a Roma da Legambiente
16:38
Il polmone verde di Alghero alla mercé di vandali e incivili. Rifiuti in ogni angolo. Dopo aver riassestato il servizio, con discreti risultati, nel centro urbano, le attenzioni dell'Assessorato si concentrano a Maria Pia. Nuovi bidoni in tutti gli stabilimenti e operai al lavoro
© 2000-2017 Mediatica sas