Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresEconomiaAgricoltura › A Porto Torres la produzione di capsule Lavazza
M. P. 4 marzo 2015
Lo stabilimento di Matrìca a Porto Torres scelto, tra i siti produttivi delle capsule biodregadabili, dalla grande azienda italiana del caffè
A Porto Torres la produzione di capsule Lavazza


PORTO TORRES - Una ricerca durata cinque anni da parte di Lavazza e Novamont ha portato alla nascita della prima capsula compostabile per caffe' espresso 100% italiana. Lo stabilimento di Matrìca a Porto Torres scelto, tra i siti produttivi delle capsule biodregadabili, dalla grande azienda italiana del caffè. La capsula, che sara' realizzata in Mater-Bi 3G compatibile con la macchina Lavazza 'Minu'' e disponibile in due miscele 100% Arabica, certificate dall'Ong Rainforest Alliance, sara' pronta nel secondo semestre 2015 e presente sul mercato nel 2016.

«E' una tappa storica per Lavazza in quanto presentiamo un nuovo prodotto che prima non c'era - commenta il vice presidente del Gruppo torinese Marco Lavazza - finalmente abbiamo raggiunto un importante traguardo scientifico e tecnologico». «Proprio nell'anno in cui celebriamo i nostri 120 anni, che coincidono con Expo, - aggiunge Marco Lavazza - dove Lavazza e' caffe' ufficiale di Padiglione Italia, la capsula compostabile e' un'esempio concreto di sintesi tra innovazione, sostenibilita' e qualità».

Catia Bastioli, amministratore delegato di Novamont sottolinea che «Attraverso la prima capsula compostabile possiamo mostrare in concreto le potenzialita' della bioeconomia, intesa come rigenerazione territoriale e non come semplice uso di materie prime rinnovabili. Il Mater-Bi di terza generazione con cui verranno realizzate le capsule per caffe' espresso Lavazza viene prodotto attraverso una filiera, che coinvolge tre siti produttivi Terni, Patrica e Porto Torres».
Commenti
15:09
Alla luce delle numerose richieste di sostegno finanziario, si è provveduto ad incrementare le risorse riservate al primo bando di adesione portandole a complessivi 65 milioni di euro
7/12/2016
Si tratta di interventi volti a rafforzare la riorganizzazione e il rilancio dell’attività dei Consorzi e l’ammodernamento della rete irrigua. Prorogati gli incarichi dei Commissari straordinari
© 2000-2016 Mediatica sas