Porto Torres 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Porto Torres 24 su YouTube Porto Torres 24 su Facebook Porto Torres 24 su Twitter Alguer.cat
Porto Torres 24notizieportotorresPoliticaAmbiente › Rifiuti pericolosi a Li Pidriazzi, ordine di rimozione
Mariangela Pala 9 marzo 2015
Ordinanza di rimozione di un deposito incontrollato di rifiuti speciali “pericolosi e non” all’interno di un’area privata, in località Li Pidriazzi
Rifiuti pericolosi a Li Pidriazzi, ordine di rimozione


PORTO TORRES - Ordinanza di rimozione di un deposito incontrollato di rifiuti speciali “pericolosi e non” all’interno di un’area privata, in località Li Pidriazzi. Una vera e propria discarica abusiva riscontrata a seguito di sopralluogo eseguito nel novembre scorso dal Corpo della Polizia locale di Porto Torres, che accertava la presenza di un deposito di rifiuti provenienti da attività di demolizione di opere edili, realizzate in assenza di una concessione edilizia, riferiti a diverse tipologie: Blocchi in cis, lastre di fibrocemento, eternit, porte, finestre a vetri, pannelli di cartongesso, travi in legno divani, poltrone, bombole a gas, estintore, copertoni di autoveicoli e altro ancora.

Visibili anche televisori, frigoriferi, materassi, scaldabagno e buste di plastica contenenti rifiuti di giardinaggio, corrugato e tubi di plastica. Già nell’aprile 2014, l’ordinanza dirigenziale disponeva, nei confronti dei soggetti solidalmente responsabili, l’ordine di demolire a propria cura e spesa le opere depositate. Il titolare della disponibilità del terreno censito al catasto, in qualità di locatario ed esecutore materiale del deposito incontrollato non ha mai ottemperato a quell’ordine, e nessun atto è stato posto in essere fino ad ora per rimuovere i rifiuti pericolosi depositati.

Considerando che l’intera area versa in condizioni di elevata precarietà ambientale e rappresenta un rischio di inquinamento per suolo, sottosuolo e aria, tramite ordinanza emessa dal Commissario straordinario Giuseppe Deligia, si ordina al soggetto responsabile, entro il termine di 30 giorni dalla notifica, la rimozione e lo smaltimento di tali rifiuti per ripristinare le idonee condizioni di sicurezza sanitaria ed ambientale, decorso tale periodo si procede all’esecuzione d’ufficio in danno ai soggetti obbligati e al recupero delle somme anticipate dall’amministrazione.
Commenti
18/1/2017
Onde che sembrano spazzare via la spiaggia di Balai. A seguito del vento di grecale cresciuto questa mattina, il mare ha cominciato a gonfiarsi con vistose onde alte fino a sei metri finendo prima sulla battigia e poi invadendo l’intera spiaggia
19/1/2017
Il forte vento di ieri mattina ha fatto cadere un vecchio albero di pino dal giardino di fronte l’istituto del liceo scientifico “Europa Unita” danneggiando una parte del recinto. Una situazione più volte segnalata dal consigliere Davide Tellini
17/1/2017
Raccolta rifiuti e spazzamento a rischio il 28 gennaio. L’accordo sulla società consortile tra le aziende che gestiscono il servizio raccolta rifiuti urbani non c’è stato e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Fiadel hanno deciso di proclamare lo sciopero probabilmente alla fine del mese di gennaio
19/1/2017
A chiedere le dimissioni dell’assessore all’Ambiente e del direttore generale della Protezione civile sarda è Paolo Truzzu, consigliere regionale di Fratelli d’Italia-An
17/1/2017
Entro luglio le singole regioni dovranno recepire la legge che introduce i LEPTA, ossia il livello minimo omogeneo in tutto il territorio nazionale per lo svolgimento delle attività che il Sistema nazionale è tenuto a garantire
© 2000-2017 Mediatica sas